Leonardo consegna alla RAF il primo sistema anti-drone Orcus

venerdì 4 settembre 2020 12:25:14

Leonardo ha consegnato alla Royal Air Force il primo di quattro sistemi anti-drone completi, a supporto della prossima fase del programma di ricerca e sviluppo “Counter- Unmanned Aerial System” (C-UAS). Il sistema ORCUS sta giocando un ruolo chiave nell’intensa campagna di test e valutazioni, che migliorerà la comprensione della Forza Armata britannica su come impiegare al meglio questo tipo di tecnologia in risposta alle minacce rappresentate da droni ostili. La RAF, inoltre, utilizzerà ORCUS per ammodernare le capacità nazionali, in modo da poter intervenire rapidamente in ogni punto del Paese a supporto dei servizi di emergenza in caso di incidenti causati da sistemi a pilotaggio remoto.
La minaccia rappresentata dai droni ostili è considerata molto seriamente dal Ministero della Difesa, pertanto il programma di studio C-UAS, gestito dal Defence Equipment & Support Future Capability Group, è considerato di grande importanza per la sicurezza della nazione. Leonardo sta lavorando intensamente per garantire continuità al programma, nonostante l’interruzione causata dalla pandemia.
Il sistema modulare fornito da Leonardo per la fase di studio permetterà alla RAF di valutare una vasta gamma di capacità, incluso un radar avanzato, sensori elettro-ottici e di radio frequenza, oltre ad una contromisura di attacco elettronico. In un secondo momento, ulteriori equipaggiamenti saranno integrati per essere collaudati e valutati. Ovunque, gli operatori della RAF saranno in grado di determinare il modo migliore per localizzare, tracciare, identificare e neutralizzare i droni ostili. Il programma di ricerca permetterà la messa a punto dei requisiti per l’acquisizione da parte della RAF di una capacità anti- drone, finalizzata a proteggere le basi aeree del Regno Unito.
Elementi del C-UAS di Leonardo sono già stati operati dalla RAF Force Protection Force nel 2018 e nel 2019, dopo l’avvistamento di droni su Gatwick e Heathrow, consentendo ai due scali di riprendere le operazioni. Leonardo offre il sistema scalabile e modulare C-UAS a clienti internazionali, civili e militari. L’azienda ha in essere contratti per l’equipaggiamento C-UAS con l’Esercito Italiano e con l’Aeronautica Militare Italiana ed è in discussione con altri potenziali clienti in tutto il mondo.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

La Spezia Container Terminal: preoccupazione per le voci di un cambio di proprietà

Il Consiglio di Amministrazione di La Spezia Container Terminal, a nome dei suoi azionisti, il Gruppo Contship Italia e Marinvest, ha ritenuto necessario esprimere preoccupazione per le recenti...

Delta pronta a gestire le prossime spedizioni di vaccini Covid-19 in tutto il mondo

Delta mette a disposizione le proprie capacità, il proprio network e le strutture logistiche per il trasporto di vaccini Covid-19. I grandi magazzini merci e le strutture per il...

Camion, inasprimento divieti Tirolo: europarlamentari chiedono un atto formale alla Commissione Ue

Gli europarlamentari italiani Borchia e Campomenosi (Lega) hanno presentato un'interrogazione alla Commissione Ue sulle ulteriori restrizioni previste dal Tirolo al valico del Brennero previste da...