Leonardo: comincia la gestione Profumo

mercoledì 17 maggio 2017 12:23:06

“Sono consapevole della responsabilità che comporta guidare una realtà come Leonardo, campione dell’alta tecnologia e ai vertici del settore aerospazio, difesa e sicurezza nel mondo. Da sempre, Leonardo ha saputo attrarre i migliori talenti tecnico ingegneristici e, per mantenere l’eccellenza, dovrà valorizzare questa sua capacità, in Italia e all’estero. La competizione internazionale si basa sul capitale umano, sulla conoscenza e sulla capacità di entrare in sintonia con i clienti, fornendo soluzioni sostenibili e adatte alle richieste, insieme ad un’attenzione alla solidità finanziaria ed economica. Leonardo è un’azienda solida, con tutte le caratteristiche necessarie per competere al meglio sui mercati globali, rafforzando il posizionamento nei vari settori”. E’ con queste parole che Alessandro Profumo ha accolto la carica di amministratore delegato, dopo aver ricevuto dal CdA di ieri tutte le attribuzioni per la gestione della società e del gruppo.
I risultati dell’esercizio 2016, approvati ieri, evidenziano ordini per 19.951 milioni di euro, in crescita (+61%) rispetto al 2015, in virtù dell’acquisizione del contratto per la fornitura di 28 Eurofighter alla Difesa del Kuwait, per un valore complessivo di circa 7,95 milioni di euro. Il prtafoglio ordini ammonta a 34.798 milioni di euro (+21%) ed è caratterizzato da una crescente solidità per effetto della rigorosa selezione dei contratti acquisiti. La copertura assicurata risulta pari a circa tre anni di produzione equivalente. In discesa del 7,6% i ricavi pari a 12. milioni di euro, per effetto della riduzione dei ricavi nel settore elicotteri, dovuta alle difficoltà del mercato civile, causate dal perdurare della crisi dell’Oil&Gas, delle variazioni di perimetro in particolare relative a Drs e Fata e dell’impatto negativo del tasso di cambio sterlina-euro. L’EBITDA è pari a 1.907 milioni di euro, mentre l’EBIT margin, pari a 8,2%, risulta in crescita di 140 bp rispetto al 2015. Il risultato netto ordinario è di 545 milioni, +115,4% rispetto ai 253 milioni positivi del 2015. Più che raddoppiato, per effetto del primo anticipo sul contratto EFA, il Free Operating Cash Flow (FOCF), pari a 706 milioni di euro. In miglioramento anche l’indebitamento di gruppo: pari a 2.845 milioni di euro. Forte di questi risultati l’assemblea ha autorizzato il pagamento di un dividendo di 14 centesimi per azione.



© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Leonardo punta sulla Turchia

martedì 24 aprile 2018 11:17:15
Si aprirà domani, 25 aprile, la prima edizione dell’Eurasia Airshow, che si svolgerà fino al 29 aprile ad Antalya, in Turchia. Al salone...

A rischio sanzione gli F-35 della Turchia? Atterraggio di emergenza in Giappone

martedì 24 aprile 2018 12:50:26
Fonti diplomatiche statunitensi hanno proposto l’uso del programma F-35 (il primo F-35 in versione convenzionale dovrebbe essere preso in consegna...

Magnaghi Aeronautica acquisisce Hsm-Blair

martedì 24 aprile 2018 14:27:32
Il Gruppo Magnaghi Aeronautica ha completato l’acquisizione del 100% della Hsm-Blair, fornitore di sistemi di atterraggio per l’industria...

L’Airbus A350 XWB Ultra Long Range ha completato il primo volo

martedì 24 aprile 2018 15:46:39
La versione Ultra Long Range dell’A350 XWB, MSN 216, ha completato con successo il suo primo volo. L’ultima variante dell’aeromobile della...

Airbus all'ILA con diverse novità

lunedì 23 aprile 2018 16:31:36
A dominare la scena al salone ILA di Berlino, che aprirà i battenti a Schönefeld il prossimo 25 aprile ci sarà Airbus, a casa anche in...