Airbus realizza il satellite Smile dell'Esa

mercoledì 31 luglio 2019 09:48:08

Airbus è stata selezionata dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa) per la realizzazione del componente europeo del satellite Smile (Solar wind Magnetosphere Ionosphere Link Explorer). Smile sarà la prima missione satellitare congiunta dell'Esa e dell'Accademia Cinese delle Scienze (Cas) dopo il successo della missione Double Star/Tan Ce, che si è svolta tra il 2003 e il 2008. L'obiettivo sarà studiare e comprendere la meteorologia dello spazio, ovvero i processi fisici che regolano l’interazione continua tra le particelle del vento solare e la magnetosfera, il campo magnetico che preserva la vita sulla Terra. La missione sta ora entrando in una fase di quattro anni dedicata alla costruzione, al collaudo e all'integrazione del modulo di payload e della piattaforma. Nella configurazione di lancio, questi due componenti formeranno un unico insieme alto 3,15 m. Con una massa di 2.200 kg, il satellite si collocherà in un'orbita ellittica molto inclinata attorno alla Terra. Il suo perigeo (da cui trasmetterà i dati alla stazione di terra di Troll, in Antartide, e di Sanya, stazione del Cas in Cina) sarà situato a una distanza di 5.000 km e il suo apogeo a 121.000 km (circa un terzo della distanza tra la Terra e la Luna). Da questa posizione privilegiata il satellite potrà osservare in modo prolungato le regioni del Polo Nord terrestre e raccogliere immagini del confine del campo magnetico terrestre e dell'aurora boreale. Il modulo di payload sarà realizzato presso il sito Airbus di Madrid, dove sarà integrata la strumentazione. La piattaforma verrà invece realizzata a Shanghai. Questi due componenti saranno quindi integrati e testati presso il Centro europeo di tecnologia spaziale dell'Esa da un team multinazionale. Il payload scientifico comprenderà quattro strumenti: l’imager a raggi x molli fornirà misurazioni eccezionali nelle regioni di impatto tra il vento solare e la magnetosfera; l'imager a ultravioletti studierà la distribuzione dell'aurora boreale sul pianeta; l'analizzatore di ioni di luce misurerà le particelle di energia presenti nel vento solare; infine, il magnetometro valuterà le variazioni del campo magnetico locale. Altre missioni Esa svolte da Airbus, quali Cluster, che ha studiato la magnetosfera terrestre, e Soho, che ha interessato il sole, hanno già arricchito la nostra conoscenza della meteorologia spaziale. L'attuale programma prevede il lancio del satellite nel 2023, tramite uno dei lanciatori europei Vega-C o Ariane 62.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Industria

Altri articoli della stessa categoria

Airbus: montata Panoramic Camera all’interno del rover ExoMars

giovedì 22 agosto 2019 10:32:37
Uno dei più importanti dispositivi del rover ExoMars dell’Agenzia Spaziale Europea, la Panoramic Camera (PanCam), è stata montata e...

Leonardo: contratti per cinque elicotteri Vip

lunedì 19 agosto 2019 10:57:27
Nuovi ordini per elicotteri Vip/Corporate per Leonardo. Al salone di LABACE, la più importante esposizione aerospaziale della regione dedicata al comparto del...

Airbus, lanciato il secondo satellite di SpaceDataHighway a bordo di Ariane 5

giovedì 8 agosto 2019 12:50:40
Il satellite EDRS-C, secondo nodo di comunicazione del sistema SpaceDataHighway (noto anche come EDRS, European Data Relay System) è stato lanciato con...

Airbus: via alla produzione dell’A220 negli Stati Uniti

mercoledì 7 agosto 2019 11:43:32
Airbus ha ufficialmente dato il via alla produzione dell'A220 negli Stati Uniti. La prima squadra di addetti alla produzione dell'A220 ha iniziato a lavorare...

Sita: i passeggeri usano sempre più tecnologie per il volo

mercoledì 7 agosto 2019 14:12:21
Grazie alla tecnologia il relax di una vacanza può iniziare già in aeroporto: secondo Sita, fornitore globale di tecnologia per il trasporto...