Iata: risultati finanziari relativi al mercato e alle compagnie aeree per il terzo trimestre 2019

lunedì 25 novembre 2019 09:51:48

L’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) ha rilasciato i dati finanziari riguardanti le performance delle compagnie aeree per il terzo trimestre 2019, da cui si evince che le prestazioni finanziarie di tutto il settore sono migliorate sulla scia di migliori risultati in Nord America. D'altro canto, i margini di profitto sono stati moderati sia in Europa che in Asia-Pacifico.
L'indice azionario globale delle compagnie aeree ha continuato la sua recente tendenza al nel mese di ottobre (+ 4,2%) guidato dalle compagnie europee (+12,4%). Tuttavia, la performance da inizio anno è ancora in ritardo rispetto alle azioni globali (+6,4% vs +17,2%) a causa in parte di una serie di eventi dirompenti che hanno colpito le compagnie nel corso dell’intero anno.
L'indice europeo delle compagnie aeree è aumentato negli ultimi due mesi, nonostante i venti contrari derivanti dagli scioperi e dal fallimento di alcuni operatori. L'indice delle compagnie aeree nordamericane, che finora nel corso dell’anno hanno ottenuto le migliori prestazioni, nel mese è rimasto indietro rispetto al mercato azionario più ampio. D'altro canto, le quote delle compagnie aeree dell'Asia del Pacifico sono aumentate mentre i colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina hanno aumentato l'ottimismo degli investitori, nonostante le interruzioni delle operazioni a Hong Kong.
Le prime pubblicazioni dei dati finanziari delle compagnie aeree per il terzo trimestre del 2019 indicano un moderato miglioramento della redditività a livello di settore rispetto al 2018, ma ciò è in parte dovuto alla sovrarappresentazione delle compagnie aeree nordamericane nel campione preso in esame da Iata.
In continuità con la prima metà dell'anno, il Nord America rimane la regione con i migliori risultati grazie al supporto della forte domanda di viaggi nella regione. Anche i margini dell'EBIT sono migliorati rispetto al 2018 nonostante l'aumento dei costi del non combustibile. Detto questo, i margini in Europa e in Asia-Pacifico si sono indeboliti rispetto a un anno fa, poiché i ricavi unitari sono diminuiti più rapidamente dei costi unitari.
In prospettiva, sebbene i prezzi del carburante siano gestibili a livello di compagnie aeree, l'aumento della capacità nel 2020 dovrebbe rappresentare una sfida per il mantenimento dei rendimenti e quindi della redditività.
Poiché il campione iniziale per il terzo trimestre 2019 è troppo piccolo per essere rappresentativo, Iata riproduce il campione finale delle compagnie aeree per il secondo trimestre. Il dato indica che la generazione di flussi di cassa liberi a livello di settore (FCF) è leggermente inferiore rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Sebbene la spesa in conto capitale sia stata inferiore nel secondo trimestre 2019, il flusso di cassa libero in percentuale dei ricavi è sceso al 4,7%, a causa della caduta del flusso di cassa netto dalle operazioni.
Le compagnie aeree nordamericane hanno sovraperformato in termini di generazione di flussi di cassa. Solidi risultati di bilancio e minori spese in conto capitale hanno portato a una migliore generazione di flussi di cassa gratuiti per la regione. Allo stesso modo, per le compagnie aeree dell'Asia Pacifico, Europa e America Latina, il calo della spesa in conto capitale è stato un fattore di bilanciamento per limitare l'impatto dei dati sul reddito netto più deboli nel secondo trimestre 2019. Tuttavia, non è stato sufficiente compensare completamente la minore generazione di flussi di cassa.
L'indebolimento della domanda e le cifre di produzione relativamente forti continuano a pesare sul prezzo globale del petrolio compensando i tagli alla produzione da parte del gruppo di paesi OPEC+, contribuendo a mantenere i prezzi del petrolio relativamente stabili.
Guardando al futuro, lo scorso mese la US Energy Information Administration e la International Energy Agency hanno abbassato le loro previsioni sulla domanda di petrolio per il 2020.
L'escalation delle tensioni geopolitiche è ancora un fattore di rischio chiave dal lato dell'offerta, ma si prevede che una prospettiva economica globale più debole peserà sui prezzi del petrolio nel 2020.
I ricavi globali passeggeri sono diminuiti a settembre a causa del calo dei rendimenti sia di classe Economica che Premium. I rendimenti delle cabine Economy sono diminuiti dell'1,4% rispetto ad agosto, il più forte calo mensile negli ultimi 17 mesi.
I rendimenti Premium sono diminuiti di un più modesto 0,9%. L’associazione precisa che i dati sul rendimento sono riportati in dollari Usa ed escludono i supplementi e le entrate che le compagnie aeree generano dai servizi ausiliari.
Nell'ultimo anno, il contesto economico più debole, insieme alle tensioni commerciali, ha esercitato una pressione al ribasso sui rendimenti, che sono diminuiti del 4% circa rispetto al livello di un anno fa. In prospettiva, il rallentamento della crescita economica unitamente agli aumenti di capacità previsti in alcune regioni eserciterà probabilmente un'ulteriore pressione sui rendimenti nei prossimi mesi.
I passeggeri di classe Premium hanno rappresentato il 5% del traffico totale di destinazioni di origine internazionale nei primi otto mesi 2019. Una percentuale leggermente inferiore (in calo di 0,1 punti percentuali) rispetto allo stesso periodo di un anno fa.
In termini di ricavi, i passeggeri di classe Premium hanno rappresentato il 30% del totale delle entrate internazionali nei primi otto mesi dell’anno, con un aumento di mezzo punto percentuale sul risultato del 2018.
Analogamente a luglio, il traffico passeggeri Premium è cresciuto più rapidamente della sua controparte Economica solo sulle rotte internazionali Asia-Sud-Ovest Pacifico e Nord-Pacifico centrale, poiché la debolezza globale degli scambi commerciali continua a pesare sui viaggi d'affari. La maggiore sovraperformance delle tariffe Premium (rispetto all'Economica) si è verificata nei mercati del Nord America e in Europa.
I ricavi per passeggero chilometro (RPK) al netto degli aggiustamenti hanno proseguito la tendenza moderata osservata dal secondo trimestre del 2018. Il ritmo della domanda più debole è stato in linea con il rallentamento della dinamica dell'economia globale, il declino dell'attività commerciale mondiale e varie tensioni politiche e geopolitiche attraverso le diverse regioni.
Le merci, misurate in tonnellate chilometri (FTK), sono leggermente aumentate su base mensile, sostenendo la tendenza sostanzialmente stabile dei volumi emersa dopo il forte calo tra fine 2018 e inizio 2019. Lo scenario globale per il trasporto aereo di merci è ancora incerto.
La capacità complessiva è aumentata anche a settembre e sta attualmente registrando una tendenza al rialzo a un tasso del 3,3% nel corso del terzo trimestre. Anche l’aumento medio di capacità su base annua si attesta al 3,3%.
A seguito di un modesto calo registrato ad agosto, i volumi di merci (AFTK) sono aumentati a settembre e registrano una tendenza al rialzo del 5% circa negli ultimi tre mesi. In termini annuali, la capacità di trasporto è aumentata del 2,1%.
La crescita della capacità per entrambi i segmenti passeggeri e merci rimane, in media, più debole rispetto ai risultati del 2018 poiché le compagnie aeree stanno adeguando le loro operazioni per contrastare il contesto della domanda più debole.
A ottobre sono stati consegnati 101 aerei, mentre solo 14 sono tornati in deposito, il secondo numero più basso quest'anno. Di conseguenza, la crescita mese per mese del numero di posti nella flotta aerea globale è salita dello 0,3%.
In termini annuali, il numero di posti è aumentato del 2,8%, un ritmo sostanzialmente in linea con i risultati osservati negli ultimi sei mesi ma ben al di sotto della media del 2018 (5,5%).
Complessivamente, il numero di aeromobili consegnati da inizio anno (fino a ottobre) rimane inferiore a quello osservato nello stesso periodo dell'anno scorso (1003 contro 1337). Detto questo, la tendenza probabilmente si invertirà nel 2020 con il ritorno in servizio del Max 737.
Il load factor passeggeri destagionalizzato è sceso all'82,3% a settembre, in leggero calo dall'82,4% del mese precedente in quanto la capacità è cresciuta a un ritmo leggermente più velocemente della domanda, mese su mese. Detto questo, il quadro più ampio è che il load factor passeggeri rimane alto per gli standard storici.
Per quanto riguarda il trasporto merci, a settembre è aumentato modestamente al 46,4%. Nonostante ciò, la tendenza al ribasso emersa a metà 2017 rimane saldamente in atto.
In effetti, il load factor è attualmente quasi 3 punti inferiore al livello osservato a settembre 2018 ed è uno dei risultati più deboli registrati nel 2019.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Focus

Altri articoli della stessa categoria

Leonardo: contratto con la Difesa Usa per 32 elicotteri TH-73A

martedì 14 gennaio 2020 10:57:02
Leonardo si è aggiudicata un contratto del valore di 176,4 milioni di dollari dal Dipartimento della Difesa Usa per la produzione e la consegna di 32...

In orbita Cosmo-SkyMed di seconda generazione

mercoledì 18 dicembre 2019 11:34:26
Si apre una nuova fase per il monitoraggio della Terra e delle emergenze ambientali. Il satellite di seconda generazione Cosmo-SkyMed, finanziato e costruito...

Iata: emissioni di carbonio per passeggero diminuite di oltre il 50% dal 1990

lunedì 16 dicembre 2019 14:13:32
L’Associazione Internazionale del trasporto aereo (Iata) conferma che le emissioni di carbonio per passeggero sono diminuite di oltre il 50% dal 1990....

Iata: dopo un anno difficile, previsti miglioramenti per il 2020

giovedì 12 dicembre 2019 13:30:19
L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) prevede che nel 2020 l'industria aerea globale produrrà un utile netto di 29,3 miliardi di...

Ministeriale ESA: l’Italia raddoppia il budget

giovedì 28 novembre 2019 16:35:19
Arrivano buone notizie per l’Italia dalla Ministeriale ESA, che si è svolta ieri e oggi a Siviglia. La delegazione italiana ha destinato come...

Leonardo: contratto con la Difesa Usa per 32 elicotteri TH-73A


Leonardo si è aggiudicata un contratto del valore di 176,4 milioni di dollari dal Dipartimento della Difesa Usa per la produzione e la consegna di 32 elicotteri TH-73A, unitamente a...