Iata: dopo un anno difficile, previsti miglioramenti per il 2020

giovedì 12 dicembre 2019 13:30:19

L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) prevede che nel 2020 l'industria aerea globale produrrà un utile netto di 29,3 miliardi di dollari, migliorato rispetto a un utile netto di 25,9 miliardi previsto nel 2019 (rivisto al ribasso da una previsione di 28 miliardi a giugno). Se raggiunto, il 2020 segnerà l'undicesimo anno consecutivo del settore in nero.
In particolare si prevede che il rendimento del capitale investito sia del 6% (migliorato rispetto al 5,7% previsto nel 2019); il margine di profitto netto è previsto al 3,4% (rispetto al 3,1% per il 2019); le entrate complessive del settore dovrebbero raggiungere 872 miliardi di dollari (+4% rispetto a 838 miliardi nel 2019). Si prevede che le spese operative del settore saliranno del 3,5% a 823 miliardi da 796 miliardi di dollari nel 2019. Si prevede che il numero di passeggeri raggiungerà i 4,72 miliardi (+4,% rispetto ai 4,54 miliardi nel 2019).
Le tonnellate di merci trasportate dovrebbero recuperare a 62,4 milioni, con un aumento del 2% rispetto a 61,2 milioni di tonnellate trasportate nel 2019, il dato più basso degli ultimi tre anni. Una crescita economica più forte dovrebbe sostenere una crescita del traffico passeggeri (RPK) del 4,1% simile al 2019 (4,2%) ma al di sotto delle tendenze storiche. Il profitto netto medio per passeggero in partenza di 6,20 dollari (5,70 nel 2019).
La performance economica nel 2019 è stata più debole di quanto ci si aspettava nelle previsioni di giugno. Il risultato si allinea con una crescita del Pil globale più debole del 2,5% (rispetto al 2,7% previsto a giugno) e una crescita del commercio mondiale di appena lo 0,9% (in calo rispetto al 2,5% previsto a giugno). Questi sviluppi negativi hanno contribuito a ridurre la domanda di passeggeri e merci e la corrispondente crescita più debole delle entrate, poiché i rendimenti dei passeggeri sono diminuiti del 3% e quelli delle merci sono scesi del 5% rispetto al 2018.
Le spese operative non sono aumentate tanto quanto previsto (3,8% contro il 7,4% previsto per giugno) in gran parte a causa di costi del carburante inferiori alle attese, ma ciò non è bastato a compensare la morbidezza delle entrate.
"Il rallentamento della crescita economica, le guerre commerciali, le tensioni geopolitiche e i disordini sociali, oltre alla continua incertezza sulla Brexit, si sono tutti uniti per creare un ambiente commerciale più duro del previsto per le compagnie aeree – ha spiegato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo della Iata –. Eppure l'industria è riuscita a raggiungere un decennio in nero, nonostante ciò ristrutturazioni e taglio dei costi hanno continuato a pagare dividendi: sembra che il 2019 sarà il fondo dell'attuale ciclo economico e le previsioni per il 2020 sono leggermente più luminose. La grande domanda per il 2020 è come si svilupperà la capacità, in particolare quando, come previsto, l'aeromobile 737 MAX ancora a terra ritornerà in servizio e verranno effettuate le consegne in ritardo".
Per quanto riguarda la crescita economica, si prevede che nel 2020 il Pil si espanderà del 2,7% (leggermente superiore alla crescita del 2,5% nel 2019). La crescita del commercio mondiale dovrebbe rimbalzare al 3,3% dallo 0,9% nel 2019, poiché le pressioni dell'anno elettorale negli Stati Uniti contribuiscono a ridurre le tensioni commerciali. La crescita è supportata dalle azioni delle banche centrali e dall'allentamento della politica fiscale.
Una crescita economica globale più lenta del previsto nel 2019 ha contribuito a ridurre la domanda di energia, con prezzi del greggio in media di circa 65 dollari al barile (Brent), rispetto ai 71,60 del 2018. Anche l'offerta di petrolio è abbondante, aumentando gli inventari. Di conseguenza, i prezzi del petrolio dovrebbero scendere ulteriormente nel 2020 a 63 dollari (Brent). Si prevede inoltre un calo dei prezzi del cherosene jet, con una media di 75,60 dollari al barile rispetto a 77 nel 2019. La bolletta del carburante del settore, prevista di 182 miliardi, rappresenterà il 22,1% delle spese, in calo da 188 miliardi o il 23,7% delle spese nel 2019.
L'occupazione totale da parte delle compagnie aeree dovrebbe raggiungere i 2,95 milioni nel 2020, in aumento dell'1,6% rispetto al 2019. La produttività (ATK/dipendenti) dovrebbe aumentare del 2,9% rispetto al 2019 con l'aumento della crescita della capacità. Il costo unitario del lavoro ($/ATK) dovrebbe essere pressoché invariato a 0,12 dollari, poiché una migliore produttività compensa l'aumento dei salari.
Per quanto riguarda il traffico, la domanda di passeggeri (RPK) dovrebbe crescere nel corso del prossimo anno del 4,1%, in linea con la crescita del 4,2% nel 2019. In realtà, ciò maschera un pick-up guidato dalla crescita del Pil poiché il tasso di crescita sottostante è sceso a meno del 4% nel 2019. Tuttavia, sebbene la capacità passeggeri (ASK) sia aumentata del 3,5% nel 2019, si prevede che crescerà del 4,7% nel 2020 - poiché le consegne di aeromobili aumentano in modo significativo, facendo in modo che i fattori di carico scendano all'82% dall'82,4% nel 2019.
I ricavi dei passeggeri, esclusi gli accessori, dovrebbero raggiungere 581 miliardi di dollari (+2,5% da 567 miliardi nel 2019).
Il traffico merci è diventato negativo l'anno scorso per la prima volta dal 2012. Il calo annuo della domanda del 3,3% è stato il calo più marcato dal 2009 durante la crisi finanziaria globale. Il trasporto merci, nel frattempo, è scivolato a 61,2 milioni di tonnellate da 63,3 milioni nel 2018. Il cargo aereo dovrebbe riprendersi moderatamente con una crescita del 2% nel 2020, con tonnellate che dovrebbero raggiungere 62,4 milioni, che è ancora inferiore al risultato del 2018. I rendimenti continueranno a scendere con una previsione di calo del 3%, un miglioramento rispetto a un calo del 5% nel 2019. I ricavi delle merci scenderanno per il terzo anno nel 2020, con ricavi previsti per 101,2 miliardi di dollari, in calo dell'1,1% dal 2019.
Il quadro dei profitti regionali è misto sia nel 2019 che nel 2020. Si prevede che Africa, Medio Oriente e America Latina chiuderanno il 2019 in perdita, con i vettori in America Latina che torneranno al profitto nel 2020 man mano che le economie regionali si rafforzerano. Le compagnie aeree del Nord America continuano a guidare le prestazioni finanziarie, rappresentando il 65% degli utili del settore nel 2019 e circa il 56% degli utili aggregati nel 2020. La performance finanziaria dovrebbe migliorare o rimanere invariata rispetto al 2019 in tutte le regioni, ad eccezione del Nord America, dove la prevista crescita della capacità dovuta alle consegne di nuovi aeromobili potrebbe esercitare pressioni sugli utili.
I vettori nordamericani dovrebbero registrare un utile netto di 16,5 miliardi di dollari (in calo rispetto ai 16,9 miliardi del 2019). Ciò rappresenta un margine netto del 6% e un utile netto di 16 dollari per passeggero. La regione è riuscita a migliorare la redditività nel 2019, poiché l'economia ancora forte e i miglioramenti strutturali nel settore hanno permesso ai ricavi unitari di reggere molto più che in altre regioni. Ma nel 2020 le entrate unitarie e la redditività dovrebbero ridursi. Questo sarà il risultato di un rallentamento dell'economia e di un significativo aumento delle consegne di aeromobili, in particolare con il previsto ritorno in servizio della flotta 737 MAX.
Si prevede che i vettori europei registreranno nel 2020 un utile netto di 7,9 miliardi di dollari (rispetto ai 6,2 miliardi previsti per il 2019) poiché le compagnie aeree beneficiano del modello opposto degli sviluppi previsti in Nord America. La crescita economica è prevista in ripresa e, a seguito di sostanziali tagli ai piani di espansione, la crescita della capacità dovrebbe essere moderata, contribuendo a migliorare l'equilibrio tra domanda e offerta. L'utile netto per passeggero dovrebbe essere di 6,40 dollari (margine netto del 3,6%). Questa prestazione aggregata relativamente buona per la regione nasconde un lungo elenco di compagnie aeree in perdita o che appena hanno raggiunto il pareggio, motivo per cui nel 2019 si sono verificati una serie di guasti.
I vettori dell'area Asia-Pacifico saranno aiutati il prossimo anno dalla modesta ripresa del commercio mondiale e del trasporto aereo di merci, mostrando un utile netto di 6 miliardi di dollari (rispetto ai 4,9 miliardi nel 2019) con un margine netto del 2,2%. L'Asia rimane il centro di produzione del mondo e le entrate derivanti dal trasporto di molte di queste merci rappresentano una percentuale significativa delle vendite di molte compagnie aeree della regione. Ma si presume che la guerra commerciale sia solo in sospeso; le tariffe commerciali non sono invertite. Di conseguenza, l'aumento dei volumi degli scambi e delle merci è moderato. Si prevede che l'utile netto per passeggero sia di 3,34 dollari.
I vettori del Medio Oriente stanno proseguendo un processo di ristrutturazione e gli orari annunciati indicano un sostanziale rallentamento della crescita della capacità per il 2020. Dopo una crescita economica molto debole nel 2019, che ha limitato il traffico locale, si prevede un rimbalzo nel 2020. La ristrutturazione e una crescita più forte aumenteranno le prestazioni. Ma ciò richiederà tempo e si prevede intanto una perdita per il terzo anno consecutivo, stimata in 1 miliardo di dollari, tagliato da 1,5 miliardi di dollari nel 2019.
I vettori latinoamericani dovrebbero beneficiare dei miglioramenti dell’economia e delle ristrutturazioni avviate e riportare l’anno prossimo un piccolo profitto di 100 milioni di dollari. A parte la debolezza valutaria nel 2019, l'economia della regione ha subito un brusco rallentamento (+0,2%) a causa di problemi in Messico, recessione in Argentina e un declino di circa un terzo delle dimensioni dell'economia venezuelana. Nel 2020 le compagnie aeree saranno aiutate dal rimbalzo dell'1,8% previsto dal Fondo monetario internazionale, guidato da una crescita più forte in Brasile e Messico e da contrazioni meno gravi in Argentina e Venezuela. Ciò rappresenta uno swing positivo di 500 milioni di dollari rispetto a una perdita attesa di 400 milioni nel 2019.
I vettori africani continuano a soffrire problemi strutturali di costi elevati, in gran parte dovuti a tasse e tasse governative, e a bassi load factor. La crescita economica nella regione è stata relativamente buona e dovrebbe aumentare nel 2020, ma i mercati sono estremamente frammentati e serviti in modo inefficiente a causa dell’assenza, finora, di un mercato unico del trasporto aereo africano. Di conseguenza, si prevede che mostreranno una perdita di 200 milioni di dollari, simile al 2019.
Tra gli indicatori chiave dei vantaggi derivanti dall'aumento della connettività globale: la tariffa aerea di ritorno media 2020 (prima dei supplementi e delle tasse) dovrebbe essere di 293 dollari (2018), che è del 64% inferiore ai livelli del 1998 dopo l'adeguamento per l'inflazione.
Le tariffe medie del trasporto aereo nel 2020 dovrebbero essere di 1,66 dollari/kg (dollari 2018), con un calo del 66% rispetto ai livelli del 1998.
Si prevede che il numero di coppie di città uniche servite dalle compagnie aeree crescerà a 23.162 nel 2020 (in crescita del 4,2% rispetto ai 22.228 nel 2019) e in aumento del 126% rispetto ai livelli del 1998.
La spesa globale dei consumatori e delle imprese per il trasporto aereo dovrebbe raggiungere il prossimo anno 908 miliardi, in aumento del 4% sul 2019 ed equivalente all'1% del Pil globale.
Il valore degli scambi effettuati raggiungerà i 7,1 trilioni di dollari, in aumento del 5,1% rispetto al 2019.
Il valore della spesa turistica associata ai viaggi aerei sarà di 968 miliardi di dollari, in crescita del 7,3% rispetto al 2019.
Infine, il prossimo anno, le compagnie aeree dovrebbero contribuire con 136 miliardi di dollari di entrate fiscali (in aumento del 5,2% rispetto al 2019).

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Focus

Altri articoli della stessa categoria

Italia a rischio isolamento: Assaeroporti e Ibar invitano il Governo a uniformarsi a standard europei sul distanziamento a bordo degli aerei

martedì 26 maggio 2020 09:38:09
Il 13 maggio la Commissione europea ha pubblicato le raccomandazioni per riprendere viaggi e spostamenti in sicurezza tra gli Stati membri, dando così...

Covid-19: Linee guida della Commissione europea per ripristino collegamenti e servizi di trasporto in Europa

venerdì 15 maggio 2020 10:32:49
La Commissione europea ha elaborato un pacchetto di raccomandazioni e linee guida per aiutare gli Stati membri a eliminare gradualmente le restrizioni di...

Elicotteri: Leonardo acquista la svizzera Kopter

mercoledì 29 gennaio 2020 12:05:48
Leonardo ha firmato un contratto con Lynwood (Schweiz) AG per acquisire il 100% della società elicotteristica svizzera Kopter Group AG (Kopter). In...

Leonardo: contratto con la Difesa Usa per 32 elicotteri TH-73A

martedì 14 gennaio 2020 10:57:02
Leonardo si è aggiudicata un contratto del valore di 176,4 milioni di dollari dal Dipartimento della Difesa Usa per la produzione e la consegna di 32...

In orbita Cosmo-SkyMed di seconda generazione

mercoledì 18 dicembre 2019 11:34:26
Si apre una nuova fase per il monitoraggio della Terra e delle emergenze ambientali. Il satellite di seconda generazione Cosmo-SkyMed, finanziato e costruito...