Scania pronta a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili

giovedì 30 marzo 2017 10:45:29

Obiettivo 2020: è questa la data entro cui Scania, per quanto possibile, è decisa a diventare indipendente dai combustibili fossili per la produzione di energia elettrica. Una promessa che Scania vuole portare avanti in vista dell’Ora della Terra 2017, il grande evento globale dedicato alla sfida contro i cambiamenti climatici. Ad oggi, il 79% dell’energia elettrica che Scania acquista o produce internamente deriva da fonti non fossili. L’Italia è tra i prossimi Paesi pronti a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili.

L’impegno di Scania nel guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile riguarda lo sviluppo di soluzioni di trasporto intelligenti ed efficienti dal punto di vista energetico, ma al tempo stesso comporta anche la razionalizzazione dell’uso di energia per l’azienda stessa. “Scania, in primis, deve essere pioniera in questo cambiamento. Siamo altamente esigenti nei confronti dei nostri fornitori, chiedendo loro di aderire ai più alti standard ambientali e di implementare le più moderne e innovative tecnologie. Anche molti dei nostri clienti hanno obiettivi ambiziosi dal punto di vista ambientale”, ha evidenziato Anders Williamsson, Executive Vice President e Responsabile acquisti di Scania.

Il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili porta ad una significativa riduzione delle emissioni di anidride carbonica per un’azienda manifatturiera delle dimensioni di Scania. L’impegno di Scania, tuttavia, non riguarda solamente i propri siti di produzione ma include tutte le proprie operazioni, non ultime le centinaia di officine Scania. In Scandinavia l’energia fornita a Scania proviene principalmente da centrali idroelettriche mentre in Francia e Polonia è maggiormente diffusa l’energia solare e eolica.
Nei paesi con mercati liberi di energia, Scania è in grado di procurare energia elettrica senza combustibili fossili. In questi Paesi Scania utilizza alternative disponibili per la compensazione del carbonio. L’obiettivo di Scania è quello di concludere il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili in tutti i mercati in cui è presente questa alternativa entro il 2020.

Ad oggi, il 79% dell’energia elettrica che Scania acquista o produce internamente deriva da fonti non fossili. I prossimi Paesi pronti a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili sono, tra gli altri Italia, Olanda e UK.  


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Ecosostenibili

Altri articoli della stessa categoria

Scania pronta a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili

giovedì 30 marzo 2017 10:45:29
Obiettivo 2020: è questa la data entro cui Scania, per quanto possibile, è decisa a diventare indipendente dai combustibili fossili per la...

Scania testa in Svezia autobus elettrici a batteria

martedì 14 marzo 2017 11:12:30
Al via i primi test di Scania degli autobus elettrici a batteria ad Östersund, città nel nord della Svezia. Tre autobus Citywide LF saranno...

Fca: al via gli studi per alimentare Fiat Panda a biogas fognario

martedì 14 marzo 2017 12:39:33
Prende il via oggi un lungo test - che durerà alcuni mesi e 80 mila chilometri - per verificare l'efficacia su una Fiat Panda Natural Power del biogas...

Autotrasporto: in Calabria crescono gli autocarri a metano

lunedì 13 marzo 2017 15:19:02
Dal 2012 al 2016 gli autocarri a metano per trasporto merci in circolazione in Calabria sono passati da 349 a 365 unità, con una crescita dell'81,95%....

Volvo Concept Trucks: nuovo prototipo con catena ibrida che recupera energia

martedì 28 febbraio 2017 15:30:19
Nell'ultimo prototipo del Volvo Concept Truck, Volvo Trucks testa una catena cinematica ibrida per i trasporti a lungo raggio. Insieme ai nuovi...