Nidec ASI presenta il nuovo Ultra Fast Charger per la ricarica rapida dei veicoli elettrici

lunedì 7 maggio 2018 18:41:50

Un avanzato sistema che collega la rete nazionale con le colonnine di ricarica, semplificando e velocizzando il processo di elettrificazione delle infrastrutture per l'alimentazione delle auto elettriche e riducendone al contempo i costi operativi. Lo ha presentato oggi Nidec ASI, multinazionale capofila del settore Industrial Solutions del Gruppo Nidec. L'innovativo Ultra Fast Charger (UFC) contribuirà a gettare le basi per la diffusione dei veicoli elettrici, un mercato che in Italia stenta ancora a decollare, ma che presenta grandi opportunità di crescita nel prossimo futuro. L'UFC si pone come risposta all'esigenza di aumentare la richiesta di energia necessaria ad alimentare le colonnine di ricarica, mantenendo la massima stabilità della rete elettrica.

Le auto elettriche sono infatti centrali nella transizione energetica e nell'affermazione di una mobilità sostenibile, soprattutto urbana, ma attualmente nel nostro Paese rappresentano appena lo 0,03% del mercato generale dell'automotive. Tra i diversi fattori che possono incentivare l'acquisto di auto elettriche, la diffusione di adeguate infrastrutture per la ricarica efficiente dei veicoli ricopre un ruolo fondamentale.
"Forti di un'esperienza di 180 anni nell'elettronica di potenza, di un riconosciuto know how nel power management, ovvero nella gestione efficace della rete elettrica, e di una leadership consolidata nel mercato dell'energy storage a batterie (BESS) grazie a un installato di oltre 500 MWh nel mondo, uniti ad un impegno pluriennale nell'ambito delle energie rinnovabili e nel settore dei veicoli elettrici - ha commentato Matteo Rizzi, Director, Global Sales & Marketing, Renewables (PV, BESS & EV) di Nidec Industrial Solutions -. siamo riusciti a mettere a punto una soluzione avanzata che ha un'elevata capacità di ricarica dei veicoli e che è in grado di mantenere un flusso costante nella rete elettrica, riducendo i rischi di black out che si potranno generare in futuro con una maggiore diffusione delle auto elettriche. Un settore, quest'ultimo, su cui stiamo puntando sempre di più, come dimostra l'importante joint venture di Nidec con il gruppo PSA (Peugeot), annunciata lo scorso gennaio, per la produzione di 900.000 motori elettrici all'anno, con un investimento di 200 milioni di euro".

Il nuovo Ultra Fast Charger, che funge da "cuscinetto" tra la rete elettrica e la colonnina di ricarica, integra 160 kWh di batterie installate con controlli di potenza evoluti. E' il prototipo di una nuova generazione di charger ultra veloci, che possono essere connessi a reti elettriche di bassa o media tensione (LV o MV GRID) e che, a fronte di un fabbisogno energetico di soli 50 kW, consentono di fornire al veicolo una potenza di 320 kW, moltiplicando quindi per 6 la potenza erogata rispetto a quella attinta dalla rete. L'innovativo sistema permette di ricaricare rapidamente le batterie delle auto di nuova generazione, portandole all'80% della capacità in meno di 15 minuti e garantendo ai veicoli fino a 500 km di autonomia. Consente, inoltre, di ricaricare 2 veicoli in parallelo o 3 in serie, ha un'efficienza del 95% e, grazie alle sue dimensioni contenute, abilita un servizio capillare in grado di soddisfare le esigenze di diffusione distribuita dei player del mercato delle auto elettriche. I sistemi di ricarica di Nidec ASI sono studiati per essere alimentati sia dalla rete elettrica sia da fonti rinnovabili, come l'energia solare, e possono anche essere bidirezionali, ovvero consentire di ricaricare non solo i veicoli elettrici, ma anche la rete (Vehicle-to-Grid - V2G).

Le soluzioni Nidec sono personalizzabili in relazione al modello di business del cliente e alla tipologia del mezzo da ricaricare (autobus,  veicoli commerciali o auto), con applicazioni di smart charge management, che assicurano l'implementazione efficiente ed ottimale di tutte le stazioni di ricarica, anche nel caso di un utilizzo pubblico per autobus o veicoli commerciali.

Oltre agli Ultra Fast Charger, l'offerta prevede stazioni di ricarica a bassa tensione (LV Charging Station) con batterie centralizzate, che consentono di ricaricare all'80% fino a 12 veicoli in un'ora,  e stazioni di ricarica a media tensione (MV Charging Station), eventualmente senza batterie, che possono essere utilizzate per erogare maggiore potenza e ricaricare numerose auto (oltre 12 veicoli in un'ora) contemporaneamente, ad esempio nel caso di una flotta aziendale o di veicoli commerciali nell'ambito di imprese logistiche.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Ecosostenibili

Altri articoli della stessa categoria

Ecomondo 2019, Volvo Trucks presenta il nuovo FH con I-Save che rivoluziona il concetto di efficienza

martedì 5 novembre 2019 14:18:13
Volvo Trucks è tra i protagonisti di Ecomondo 2019, in programma a Rimini dal 5 all’8 novembre 2019. La Fiera Internazionale del Recupero di...

Ecomondo 2019: Iveco presente con il primo stand italiano completamente diesel free

martedì 5 novembre 2019 15:48:14
Con due veicoli appena lanciati, il Nuovo Daily per la gamma leggera e l’Iveco S-WAY per quella pesante, oltre allo storico Eurocargo CNG, Iveco...

Scania: un futuro sostenibile con il Save Tour del Discovery truck. 21 tappe per educare all'uso del risorse

martedì 29 ottobre 2019 14:44:32
Si svolgerà a bordo di un veicolo Scania di ultimissima generazione (il Discovery truck), allestito come un vero e proprio laboratorio interattivo e...

Lamberet, Thermo King e Scania lanciano Green Truck per un trasporto a temperatura controllata più sostenibile

venerdì 4 ottobre 2019 13:05:52
Si chiama “Green Truck” la soluzione per ridurre l’impatto ambientale del trasporto pesante a temperatura controllata presentata da Lambere...

Hyundai Hydrogen Mobility e Hydrospider insieme per un ecosistema industriale a idrogeno in Europa

giovedì 3 ottobre 2019 11:41:29
Hyundai Hydrogen Mobility (HHM) e Hydrospider insieme per promuovere lo sviluppo di un ecosistema a idrogeno ‘green’ a partire dalla Svizzera e poi...