Il drone bersaglio Mirach-40 di Leonardo ottiene il via libera all’impiego

lunedì 16 aprile 2018 16:36:12

Il nuovo drone bersaglio Mirach-40 (M-40) di Leonardo ha ottenuto l’autorizzazione all’impiego dalla Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (Armaereo) al termine della campagnia di test presso il Poligono Interforze di Salto di Quirra, in Sardegna. L’M-40 è ora pronto per l’uso operativo nell’ambito di un contratto di servizio triennale tra Leonardo e la Nato Support and Procurement Agency (NSPA), che ha preso il via a gennaio di quest’anno.
L’M-40 è l’ultimo modello della famiglia di aero-bersagli ‘Mirach’ di Leonardo, sistemi che simulano minacce nemiche permettendo alle forze aeree, navali e terrestri di addestrarsi con missili aria-aria e superficie-aria, quali Stinger, Aster e Aspide. Simulando minacce aeree o missili guidati, l’M-40 permette il training di operatori di armamenti e radar contro obiettivi realistici. 
Per 20 anni Leonardo ha operato, presso il poligono di Salto di Quirra, gli aero-bersagli Mirach 100/5 per conto delle Forze Armate italiane per attività di addestramento e di validazione di sistemi d’arma, nell’ambito di un contratto di servizio. In base all’ultimo accordo firmato con la NSPA, l’azienda continuerà a utilizzare i Mirach-100/5, integrando nelle attività anche il nuovo M-40.
L’M-40 è unico in termini di progettazione, poiché è concepito per fornire prestazioni medio-alte a costi paragonabili a quelli di droni di fascia basica dei competitor. E’ capace di simulare in modo realistico una varietà di velivoli e missili, incluse minacce radar, all’infrarosso (IR) e visibili. Per assicurare prestazioni il più realistiche possibile, l’M-40 può svolgere missioni sea-skimming a bassissima quota, voli a formazioni serrate e manovre “high-G”. Come servizio gestito da Leonardo, il mono-motore M-40 offrirà significativi risparmi al cliente, grazie ai costi contenuti e alla piena autonomia di 60 minuti. 
La produzione di aero-bersagli di Leonardo risale agli ’70 e cresce con la certificazione del Mirach 100/5 da Armaereo nel 1998. Da allora questo prodotto è diventato parte integrante degli equipaggiamenti di molte forze armate incluse quelle di Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Regno Unito, Spagna, Algeria, Argentina e Israele.

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Droni / UAV

Altri articoli della stessa categoria

Dal 3 ottobre all’ISA il 5° Forum sull’innovazione tecnologica per il territorio e l’ambiente

lunedì 10 settembre 2018 10:36:41
Il monitoraggio e la difesa del patrimonio culturale nazionale attraverso l’impiego di satelliti e droni sarà uno dei temi al centro di...

Partnership per migliorare la sicurezza degli UAS in ambito urbano

giovedì 12 luglio 2018 10:55:09
Collaborare per lo sviluppo di standard di sicurezza e requisiti per la regolamentazione per i sistemi a pilotaggio remoto in ambito urbano. Questo lo scopo...

Boeing Horizon X investe nella startup Matternet

martedì 26 giugno 2018 17:03:04
Boeing continua a investire nella guida autonoma. Tramite Horizon X ha infatti investito in una nuova startup che si occupa di velivoli a guida autonoma...

Enac: protocollo d’intesa con Comune di Torino per sviluppo Aeromobili a Pilotaggio Remoto

mercoledì 6 giugno 2018 14:11:47
L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e la Città di Torino hanno firmato un Protocollo d’Intesa con durata triennale per lo sviluppo...

IDS: firmato accordo per formazione di piloti SAPR dei Vigili del Fuoco

venerdì 1 giugno 2018 15:04:50
L’IDS Training Academy, il centro di formazione di IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A., ha sottoscritto con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco un...