Il drone bersaglio Mirach-40 di Leonardo ottiene il via libera all’impiego

lunedì 16 aprile 2018 16:36:12

Il nuovo drone bersaglio Mirach-40 (M-40) di Leonardo ha ottenuto l’autorizzazione all’impiego dalla Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (Armaereo) al termine della campagnia di test presso il Poligono Interforze di Salto di Quirra, in Sardegna. L’M-40 è ora pronto per l’uso operativo nell’ambito di un contratto di servizio triennale tra Leonardo e la Nato Support and Procurement Agency (NSPA), che ha preso il via a gennaio di quest’anno.
L’M-40 è l’ultimo modello della famiglia di aero-bersagli ‘Mirach’ di Leonardo, sistemi che simulano minacce nemiche permettendo alle forze aeree, navali e terrestri di addestrarsi con missili aria-aria e superficie-aria, quali Stinger, Aster e Aspide. Simulando minacce aeree o missili guidati, l’M-40 permette il training di operatori di armamenti e radar contro obiettivi realistici. 
Per 20 anni Leonardo ha operato, presso il poligono di Salto di Quirra, gli aero-bersagli Mirach 100/5 per conto delle Forze Armate italiane per attività di addestramento e di validazione di sistemi d’arma, nell’ambito di un contratto di servizio. In base all’ultimo accordo firmato con la NSPA, l’azienda continuerà a utilizzare i Mirach-100/5, integrando nelle attività anche il nuovo M-40.
L’M-40 è unico in termini di progettazione, poiché è concepito per fornire prestazioni medio-alte a costi paragonabili a quelli di droni di fascia basica dei competitor. E’ capace di simulare in modo realistico una varietà di velivoli e missili, incluse minacce radar, all’infrarosso (IR) e visibili. Per assicurare prestazioni il più realistiche possibile, l’M-40 può svolgere missioni sea-skimming a bassissima quota, voli a formazioni serrate e manovre “high-G”. Come servizio gestito da Leonardo, il mono-motore M-40 offrirà significativi risparmi al cliente, grazie ai costi contenuti e alla piena autonomia di 60 minuti. 
La produzione di aero-bersagli di Leonardo risale agli ’70 e cresce con la certificazione del Mirach 100/5 da Armaereo nel 1998. Da allora questo prodotto è diventato parte integrante degli equipaggiamenti di molte forze armate incluse quelle di Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Regno Unito, Spagna, Algeria, Argentina e Israele.

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Droni / UAV

Altri articoli della stessa categoria

Partnership per migliorare la sicurezza degli UAS in ambito urbano

giovedì 12 luglio 2018 10:55:09
Collaborare per lo sviluppo di standard di sicurezza e requisiti per la regolamentazione per i sistemi a pilotaggio remoto in ambito urbano. Questo lo scopo...

Boeing Horizon X investe nella startup Matternet

martedì 26 giugno 2018 17:03:04
Boeing continua a investire nella guida autonoma. Tramite Horizon X ha infatti investito in una nuova startup che si occupa di velivoli a guida autonoma...

Enac: protocollo d’intesa con Comune di Torino per sviluppo Aeromobili a Pilotaggio Remoto

mercoledì 6 giugno 2018 14:11:47
L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e la Città di Torino hanno firmato un Protocollo d’Intesa con durata triennale per lo sviluppo...

IDS: firmato accordo per formazione di piloti SAPR dei Vigili del Fuoco

venerdì 1 giugno 2018 15:04:50
L’IDS Training Academy, il centro di formazione di IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A., ha sottoscritto con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco un...

Arriva anche in Italia il sistema di tracciamento dei droni “DJI AeroScope”

mercoledì 30 maggio 2018 11:35:39
Arriva in Italia “DJI AeroScope”, nuovo sistema di tracciamento dei droni realizzato dall’azienda cinese DJI già utilizzato in tutto...