Il drone bersaglio Mirach-40 di Leonardo ottiene il via libera all’impiego

lunedì 16 aprile 2018 16:36:12

Il nuovo drone bersaglio Mirach-40 (M-40) di Leonardo ha ottenuto l’autorizzazione all’impiego dalla Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (Armaereo) al termine della campagnia di test presso il Poligono Interforze di Salto di Quirra, in Sardegna. L’M-40 è ora pronto per l’uso operativo nell’ambito di un contratto di servizio triennale tra Leonardo e la Nato Support and Procurement Agency (NSPA), che ha preso il via a gennaio di quest’anno.
L’M-40 è l’ultimo modello della famiglia di aero-bersagli ‘Mirach’ di Leonardo, sistemi che simulano minacce nemiche permettendo alle forze aeree, navali e terrestri di addestrarsi con missili aria-aria e superficie-aria, quali Stinger, Aster e Aspide. Simulando minacce aeree o missili guidati, l’M-40 permette il training di operatori di armamenti e radar contro obiettivi realistici. 
Per 20 anni Leonardo ha operato, presso il poligono di Salto di Quirra, gli aero-bersagli Mirach 100/5 per conto delle Forze Armate italiane per attività di addestramento e di validazione di sistemi d’arma, nell’ambito di un contratto di servizio. In base all’ultimo accordo firmato con la NSPA, l’azienda continuerà a utilizzare i Mirach-100/5, integrando nelle attività anche il nuovo M-40.
L’M-40 è unico in termini di progettazione, poiché è concepito per fornire prestazioni medio-alte a costi paragonabili a quelli di droni di fascia basica dei competitor. E’ capace di simulare in modo realistico una varietà di velivoli e missili, incluse minacce radar, all’infrarosso (IR) e visibili. Per assicurare prestazioni il più realistiche possibile, l’M-40 può svolgere missioni sea-skimming a bassissima quota, voli a formazioni serrate e manovre “high-G”. Come servizio gestito da Leonardo, il mono-motore M-40 offrirà significativi risparmi al cliente, grazie ai costi contenuti e alla piena autonomia di 60 minuti. 
La produzione di aero-bersagli di Leonardo risale agli ’70 e cresce con la certificazione del Mirach 100/5 da Armaereo nel 1998. Da allora questo prodotto è diventato parte integrante degli equipaggiamenti di molte forze armate incluse quelle di Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Regno Unito, Spagna, Algeria, Argentina e Israele.

 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Droni / UAV

Altri articoli della stessa categoria

Airbus: primo volo per il drone a decollo verticale VSR700

mercoledì 13 novembre 2019 17:01:41
Il prototipo del VSR700, il drone a decollo verticale sviluppato da Airbus Helicopters, ha effettuato il suo primo volo presso il centro prove specifico per i...

Leonardo investe nel primo drone a energia solare al mondo

martedì 12 novembre 2019 12:19:52
Nell’ambito della sua strategia di crescita nell’innovazione tecnologica del volo autonomo, Leonardo investe in Skydweller Aero Inc., una start-up...

Airbus: prime prove di volo per il progetto di consegna via drone nella regione Hauts-de-France

lunedì 11 novembre 2019 10:04:01
Airbus ha testato con successo un volo combinato di diversi droni, seguito da una stazione per la gestione delle flotte nel parco E-Valley, situato presso la...

Sperimentato il volo di un drone pilotato con lo sguardo

martedì 24 settembre 2019 15:09:05
Un drone pilotato con il solo sguardo ha volato per la prima volta, nei giorni scorsi, presso il Poligono Interforze del Salto di Quirra, in Sardegna. La...

Boeing: primo volo per il rifornitore senza pilota MQ-25

venerdì 20 settembre 2019 17:09:49
L’aereo senza pilota MQ-25 Stingray della Boeing ha compiuto il primo volo, della durata di due ore, decollando dall’aeroporto MidAmerica St. Louis...

Ministeriale ESA: l’Italia raddoppia il budget


Arrivano buone notizie per l’Italia dalla Ministeriale ESA, che si è svolta ieri e oggi a Siviglia. La delegazione italiana ha destinato come contributo del nostro Paese al...