Primo mese di attività degli Eurofighter italiani in Romania

giovedì 13 giugno 2019 09:23:15

Primo intenso mese di attività per i caccia Eurofighter dell'Aeronautica Militare rischierati in Romania nell'ambito della missione Nato di Air Policing. La missione principale del rischieramento, che prende il nome di Task Force 4th Wing, è quella di concorrere alla difesa dello spazio aereo della Romania, contribuendo a sorvegliare in particolare l’area del Mar Nero.
Gli Eurofighter italiani operano in un contesto di Enhanced Air Policing, coadiuvando il servizio di difesa aerea che la Romania attualmente garantisce con la propria forza aerea (Fortaele Aeriene Romane) mediante l’impiego di velivoli Mig-21.
In questo primo mese di missione, gli Eurofighter italiani hanno altresì partecipato all’esercitazione internazionale Thracian Star in Bulgaria, svolgendo missioni di cooperazione con Mig-29 bulgari, F16 greci, F16 e MIG 21 rumeni al fine di ottimizzare e standardizzare le procedure operative tra i diversi paesi dell’Alleanza Atlantica.
Nell'ambito della missione in Romania sono state poi svolte, con cadenza quasi quotidiana, attività addestrative unitamente ai Mig-21 Lancer, L39 e F-16 rumeni ed assetti F-16 americani del 457th Expeditionary Fighter Squadron, nonché con le forze di terra della componente statunitense. In particolare, negli ultimi giorni i piloti hanno svolto missioni esercitative di supporto ravvicinato alle truppe di terra (CAS – Close Air Support) con i militari dell’Esercito americano che si sono addestrati per attività JTAC (Joint Terminal Attack Controller).
L’attività ha consentito di implementare la sinergia tra i diversi assetti rivelandosi utile per testare le procedure tecnico tattiche ed operative. Tra le opportunità di confronto e formazione tra il personale italiano rischierato e personale della forza aerea rumena si inquadra anche l’attività di indottrinamento a favore del personale tecnico rumeno per operare su velivoli Eurofighter in caso di atterraggio d’emergenza su aeroporto alternato, le esercitazioni congiunte di intervento con mezzi antincendio, nonché i momenti di confronto operativi presso l’Air Operation Center di Balotesti, nel sud della Romania, al quale è demandato il controllo tattico degli assetti in volo.
Le oltre 150 ore di volo effettuate nel primo mese di missione hanno ancora una volta confermato la flessibilità operativa e l’efficace capacità multiruolo dell’Eurofighter, in grado di portare a termine con successo una vasta tipologia di missioni.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Difesa

Altri articoli della stessa categoria

L’AM adatta le maschere da snorkeling in dispositivi medici

giovedì 23 aprile 2020 16:59:47
Il Reparto Sperimentale Volo dell’Aeronautica Militare ha concluso la sperimentazione dei raccordi per le maschere facciali da snorkeling trasformate in...

Leonardo dona all’AM una nuova ambulanza per trasporto pazienti in bio-contenimento

mercoledì 22 aprile 2020 09:32:11
L’Infermeria Principale di Pratica di Mare, centro di riferimento per l’Aeronautica Militare per il trasporto di pazienti in ...

AM: tracciato il rientro in atmosfera di un rocket body

lunedì 20 aprile 2020 17:46:21
L’Italian Space Surveillance and Tracking Operation Center (ISOC) di Pratica di Mare, congiuntamente al Poligono Interforze di Salto di Quirra (PISQ), e...

27 tonnellate di materiale sanitario trasportato da quattro velivoli dell’AM

mercoledì 1 aprile 2020 17:17:31
Continua lo sforzo operativo e logistico dell’Aeronautica Militare nell'ambito delle attività di contrasto al Covid-19. Su specifica richiesta...

Per Piaggio Aerospace un nuovo contratto con la Difesa

lunedì 30 dicembre 2019 16:14:06
Dopo l’accordo sui motori dell’elicottero Chinook dal valore di 50 milioni di euro, arriva per Piaggio Aerospace un nuovo contratto con il...