AM: si è conclusa Grifone 2018, dedicata alla ricerca e soccorso

venerdì 28 settembre 2018 15:51:19

400 uomini, 10 velivoli e 35 squadre: questi i numeri dell’esercitazione di ricerca e soccorso Grifone 2018, che si è conclusa oggi 28 settembre in Molise, dopo 50 sortite e 33 ore di volo. La Grifone è un’esercitazione di ricerca e soccorso a carattere internazionale, interforze ed interagenzia giunta quest’anno alla sua undicesima edizione. Pianificata e condotta annualmente dall'Aeronautica Militare nel quadro dell'accordo di cooperazione tra Italia, Francia e Spagna denominato SAR.Med.Occ. (Search and Rescue Mediterraneo Occidentale), l’esercitazione ha visto la presenza anche di osservatori stranieri di Qatar, Kuwait, Libano, Bosnia Herzegovina, Serbia, Usa, Austria e Spagna.
Il personale e gli assetti dell’Esercito Italiano con le squadre soccorso del 9° e del 3° Reggimento Alpino, dell’Aeronautica Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, responsabile del coordinamento delle squadre di soccorso a terra, Corpo Ausiliario Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, Protezione civile e Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza 118 della Provincia di Campobasso, dal 24 al 28 settembre si sono addestrati insieme tra le montagne del matese, affrontando il previsto calo delle temperature e le raffiche di vento che hanno reso gran parte delle operazioni ancora più realistiche.
Tra le novità di quest’anno c’è la collaborazione fra l'Università di Urbino, ARPA Marche e Polizia di Stato, che hanno sperimentato un nuovo approccio multidisciplinare per la gestione ambientale e psicologica di un post incidente aereo. L'attività investigativa è stata infine supportata dal lavoro dei "Fucilieri dell'Aria" del 16° Stormo, responsabili della messa in sicurezza della zona interessata dall'incidente.
Il Comando e Controllo delle operazioni aeree è stato gestito da un team del Rescue Coordination Center del Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (FE). Il 3° Stormo di Villafranca ha invece dispiegato alcune delle sue componenti specialistiche per fornire tutto il supporto operativo e logistico necessario, addestrandosi al contempo ad operare in tempi limitati per il mantenimento della capacità di proiezione. Un’opportunità, dunque, per incrementare l’interoperabilità con i Reparti di Volo del comparto “Search & Rescue (SAR)”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Difesa

Altri articoli della stessa categoria

A Lampedusa inaugurato il nuovo radar della difesa aerea

venerdì 3 maggio 2019 09:41:59
E’ stato il sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di...

Trenta: puntare su export e sinergie per sostenere il settore difesa

venerdì 12 aprile 2019 10:22:59
“L’Industria della difesa e l’intero comparto rappresentano non soltanto una nicchia di eccellenze, ma un vero e proprio moltiplicatore della...

Il Capo di Stato Maggiore dell’AM visita l’OMA di Foligno

mercoledì 10 aprile 2019 15:11:28
Il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, ha visitato lo stabilimento di OMA – Officine...

AM: primo workshop sulle piattaforme stratosferiche

lunedì 8 aprile 2019 13:35:31
Avviare un confronto, insieme a rappresentanti delle Istituzioni, del mondo accademico, della ricerca e delle aziende, su possibili linee di azione e forme di...

Red Flag: presenti anche tre istruttori italiani di F-35A

martedì 12 marzo 2019 16:36:56
Per la prima volta l’Italia è impegnata nella Red Flag, una delle esercitazioni aeree più complesse al mondo, con l’F-35A. L’esercitazione, iniziata...