Aeronautica: primi equipaggi di aeromobili a pilotaggio remoto “Predator” completamente addestrati in Italia

venerdì 3 agosto 2018 11:21:13

Si è concluso presso la base aerea di Amendola il primo corso di abilitazione interamente svolto in Italia per piloti e sensor operator su velivoli a pilotaggio remoto Predator. L'Aeronautica Militare, grazie alla recente acquisizione del simulatore MQ-1 presso il 28° Gruppo del 32° Stormo, diventa così la prima forza aerea europea a svolgere in house tutta la fase addestrativa di abilitazione su assetti APR di classe strategica. Questa capacità va ad affiancare i corsi di addestramento basico, propedeutici al conseguimento di titoli e qualifiche relativi al pilotaggio di sistemi APR di classe "Tattici", "Leggeri" e "Mini e Micro" o per l'impiego dei loro sensori, svolti dall'Aeronautica Militare attraverso il Centro di eccellenza per aeromobili a pilotaggio remoto, anche a favore delle altre forze armate e di altri Dipartimenti e Corpi armati dello Stato.
Il nuovo sistema di simulazione permette di svolgere per intero le diverse fasi dell'iter addestrativo, da quella di "Launch and Recovery", ovvero relativa alla gestione del velivolo durante le operazioni a terra, di decollo e di atterraggio, a quella di "Mission Control", fase puramente tattica che consente il raggiungimento dell'area di operazioni per la raccolta delle informazioni sull'obiettivo assegnato, nonché tutta la parte addestrativa riguardante la gestione e la risoluzione delle emergenze in volo e a terra.
La nuova piattaforma addestrativa in dotazione al Reparto pugliese va a integrare quelle già utilizzate dal Centro di eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto e costituite dall' "UAS (Unmanned Aerial Systems) Battle Lab", un cluster di simulatori rappresentativi di diversi sistemi APR delle classi Mini, Tattici e MALE (Medium Altitude Long Endurance) che consente l'impiego congiunto delle tre piattaforme in scenari virtuali complessi, e dal più recente simulatore APR di missioni strategiche acquisito all'inizio del 2018 nell'ambito di un programma addestrativo multinazionale dell'Agenzia europea per la Difesa (EDA) denominato "Interoperable MALE RPAS ISR Training" (IMRIT). Italia e Francia sono al momento gli unici Paesi europei ad avere già in servizio questo sistema di simulazione avanzato, di cui progressivamente verranno dotati anche i Centri di eccellenza e le Scuole APR militari di Germania, Grecia, Olanda, Polonia, Spagna (MALE RPAS Community), Belgio e Regno Unito (European Air Group). Una "cornice addestrativa" che, una volta ultimata, andrà ulteriormente a migliorare l'interoperabilità tra gli Stati membri, con vantaggi e significativi risparmi di risorse.
I Predator dell'Aeronautica Militare sono aeromobili a pilotaggio remoto di livello strategico che grazie alle peculiari caratteristiche di autonomia di volo, velocità e raggio d'azione, vengono utilizzati in un'ampia gamma di missioni, sia in ambiente marittimo che terrestre: dal pattugliamento, alla ricerca e soccorso, alle missioni specifiche di ricognizione e sorveglianza condotte al fine di acquisire e rendere disponibili in tempo reale immagini di alta qualità di obiettivi assegnati. Controllati da una stazione a terra (Ground Control Station) mediante avanzati data-link e collegamenti satellitari, possono volare a grandi distanze dalla base di partenza, offrendo lunghi tempi di permanenza sulle aree di interesse con nessun rischio per il personale impegnato nella gestione della missione, elementi che rendono tali sistemi estremamente preziosi anche in attività a supporto della collettività e per la sicurezza del Paese, come ad esempio il controllo dei confini, il monitoraggio ambientale, il supporto alle forze di polizia e l'intervento in caso di calamità naturali.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Difesa

Altri articoli della stessa categoria

AM: esteso fino al 2021 l’accordo con Boeing per il supporto logistico ai Tanker KC-767A

venerdì 21 giugno 2019 16:44:45
Durante il salone aerospaziale di Parigi Le Bourget l’Aeronautica Militare italiana ha esteso per altri due anni, fino a luglio 2021, l’accordo...

Primo mese di attività degli Eurofighter italiani in Romania

giovedì 13 giugno 2019 09:23:15
Primo intenso mese di attività per i caccia Eurofighter dell'Aeronautica Militare rischierati in Romania nell'ambito della missione Nato di Air...

AM: un nuovo prodotto per la stima di precipitazioni istantanee

mercoledì 12 giugno 2019 11:02:23
Dal mese di giugno, le informazioni elaborate dal Centro Operativo per la Meteorologia di Pratica di Mare (Comet) sulla stima della precipitazione istantanea...

Esercitazione congiunta Aeronautica-Esercito

martedì 11 giugno 2019 09:48:41
Dal 3 al 6 giugno presso l'aeroporto di Rivolto, sede del 2° Stormo, si è svolta un'attività di addestramento che ha visto l'Aeronautica...

Trenta: altri 28 caccia F-35 entro il 2022

venerdì 31 maggio 2019 09:48:54
Nei prossimi tre anni la flotta di F-35 italiana, attualmente composta da 13 velivoli, salirà a oltre 40 esemplari. Il ministro della Difesa, Elisabetta...