Previsioni Iata: per l’Italia la perdita più alta

venerdì 6 marzo 2020 12:24:08

Peggiorano le stime della Iata sul futuro del trasporto aereo. L’associazione internazionale del trasporto aereo ha infatti pubblicato una nuova analisi dell'impatto finanziario del Covid-19 sull'industria globale del trasporto aereo, stimando perdite di entrate globali per il 2020 per le attività passeggeri tra i 63 e i 113 miliardi di dollari a seconda dei due scenari di crisi che vengono analizzati. La precedente analisi, pubblicata il 20 febbraio 2020, aveva ipotizzato ricavi persi a 29,3 miliardi di dollari sulla base di uno scenario che avrebbe visto l'impatto di Covid-19 in gran parte limitato ai mercati associati alla Cina. Da quel momento, il virus si è invece diffuso in oltre 80 Paesi e le prenotazioni hanno subito gravi cancellazioni anche sulle rotte oltre la Cina. La Iata fa inoltre notare che i mercati finanziari hanno reagito in modo forte alla crisi del Coronavirus. I prezzi delle azioni delle compagnie aeree sono scesi di quasi il 25% dall'inizio dell'epidemia, cioè circa 21 punti percentuali in più rispetto al declino che si è verificato durante la crisi della Sars del 2003.
Un primo scenario, più ottimistico, include mercati con oltre 100 casi Covid-19 confermati a partire dal 2 marzo. In questo caso le previsioni peggiori sono quelle per l’Italia, per cui è previsto un calo del 24%, seguita dalla Cina (-23%), Iran (-16%), Corea del Sud (-14%) Giappone (-12%), Singapore (-10%), Francia (-10%) e Germania (-10%). Inoltre, si prevede che l'Asia (esclusi Cina, Giappone, Singapore e Corea del Sud) vedrà un calo della domanda dell'11%. L'Europa (esclusi l'Italia, la Francia e la Germania) vedrebbe un calo della domanda del 7%, il Medio Oriente (escluso l'Iran) del 7%. Nel secondo scenario, quello peggiore, che prevede una perdita globale del mercato aereo di 113 miliardi di dollari, per alcuni paesi europei (Austria, Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svizzera, Svezia, Regno Unito) si ipotizza un calo del 24%. Nel resto d'Europa la diminuzione dei passeggeri si fermerebbe al 9%, mentre nel Pacifico e in Asia (Australia, Cina, Giappone, Malesia, Singapore, Corea del Sud, Tailandia, Vietnam) si ipotizza un calo del 23% ma con volumi molto più significativi (una perdita di 49,7 miliardi di dollari in questi paesi incluso la Cina, contro i 37,3 miliardi di perdite nei paesi europei più colpiti).

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Compagnie Aeree

Altri articoli della stessa categoria

Vueling: nuove rotte dall'Italia ad agosto

lunedì 13 luglio 2020 10:33:34
Si arricchisce l’offerta Vueling per il mese di agosto, arrivando a comprendere voli da 15 aeroporti verso 45 destinazioni italiane ed europee. Da Roma...

TAP Air potenzia l’offerta verso l’Italia

venerdì 10 luglio 2020 10:01:29
Dall’inizio del mese di agosto TAP Air Portugal amplierà la propria offerta sul mercato italiano, ripristinando i collegamenti Venezia-Lisbona e...

Iata: timidi segnali di ripresa del traffico aereo a maggio

lunedì 6 luglio 2020 17:46:44
A maggio il traffico aereo di passeggeri (misurata in chilometri passeggeri o RPK) è diminuito del 91,3% rispetto allo stesso mese 2019. Si tratta...

Blue Panorama: dal 4 luglio torna a collegare Ancona con Tirana

venerdì 3 luglio 2020 09:48:31
Blue Panorama Airlines dal 4 luglio torna a collegare le Marche con l’Albania. Partiranno, infatti, dall’aeroporto di Ancona voli diretti di andata...

AGCM avvia procedimenti nei confronti di Alitalia e Volotea per vendita di viaggi cancellati causa Coronavirus

venerdì 3 luglio 2020 12:48:41
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, sulla base di numerose segnalazioni di consumatori, ha avviato due procedimenti istruttori e...