Sezione: Compagnie aeree

La Iata rivede al ribasso le previsioni per i passeggeri

CONDIVIDI

giovedì 30 luglio 2020

Il traffico passeggeri mondiale, misurato in RPK, non tornerà ai livelli pre-Covid-19 fino al 2024, un anno dopo rispetto a quanto precedentemente previsto. E’ quanto afferma la Iata, l’associazione internazionale del trasporto merci, che ha pubblicato una previsione aggiornata sul traffico passeggeri. Il recupero nei viaggi a corto raggio dovrebbe avvenire più rapidamente rispetto ai viaggi a lungo raggio, di conseguenza, il numero di passeggeri si riprenderà più rapidamente del traffico misurato in RPK. Il recupero ai livelli pre-Covid-19, tuttavia, scivolerà di un anno dal 2022 al 2023. Per il 2020, si prevede che il numero di passeggeri globali diminuirà del 55% rispetto al 2019, dato peggiorato dalle previsioni di aprile, pari al 46%. Il traffico passeggeri di giugno 2020 ha mostrato una ripresa più lenta del previsto. Il traffico in RPK è diminuito dell’86,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, solo il leggero miglioramento rispetto a una contrazione del 91% a maggio. Una piccola ripresa dovuta alla crescente domanda nei mercati nazionali, in particolare in Cina.
Il peggioramento delle previsioni è dovuto ad alcune tendenze recenti, come il lento contenimento del virus in Usa e nelle economie in via di sviluppo, la dimunuzione del numero di viaggi d’affari e la debole fiducia dei consumatori.
Questo ha portato la Iata a rivedere le previsioni del numero dei passeggeri, che dovrebbero subire un calo del 55% nel 2020 rispetto al 2019 (le precedenti previsioni parlavano di una diminuzione del 46%). Nel 2021 dovrebbe invece esserci una crescita passeggeri del 62% rispetto al 2020 che rappresenta comunque sempre un calo del 30% rispetto ai dati del 2019, prima della crisi. Un recupero completo ai livelli del 2019 non è previsto fino al 2023, un anno dopo rispetto alle previsioni precedenti.
Per quanto riguarda invece la domanda misurata in RPK (revenue passenger kilometers) la ripresa ai livelli pre-crisi ci sarà solo nel 2024, un anno dopo rispetto a quanto inizialmente previsto. “Il traffico passeggeri ha toccato il fondo in aprile, ma la forza della ripresa è stata molto debole – ha commentato Alexandre De Juniac, direttore generale e ceo della Iata -. Qualche miglioramento l’abbiamo visto nei voli domestici. I mercati internazionali rimangono in gran parte chiusi. La fiducia dei consumatori è depressa e non aiutata dalla decisione del Regno Unito di imporre una quarantena generale a tutti i viaggiatori che tornano dalla Spagna. In molte parti del mondo le infezioni sono ancora in aumento. Tutto ciò indica un periodo di recupero più lungo e una maggiore sofferenza per l’industria e l’economia globale”.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Aeroporto di Catania: nel 2020 passeggeri in calo del 64%

L’aeroporto di Catania ha chiuso il 2020 registrando un calo di passeggeri di circa il 64%, causato dalla pandemia e dalle misure prese dai Governi per contenere il contagio. Secondo i numeri...

Intermodalità: nuove locomotive Bombardier TRAXX per la flotta GTS Rail

Bombardier Transportation e l’operatore di trasporto merci intermodale italiano GTS Rail, rafforzano ulteriormente la loro partnership siglando un nuovo ordine per tre nuove locomotive...

Rimorchi e semirimorchi: mercato in perdita del 21,2% nel 2020

Nel mese di dicembre 2020 il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t denuncia una condizione di stabilità rispetto al dicembre 2019, facendo registrare...

Camion: segnalazione dei punti ciechi in Francia, l'Uetr chiede la sospensione

L’associazione europea dei trasportatori UETR ha messo in dubbio la legalità del nuovo regolamento francese che impone l’obbligo per tutti i camion e gli autobus che circolano in...

MSC Cruises: Alfonso Piccirillo è il nuovo responsabile per la gestione finanziaria

Cambiamenti nel quadro dirigenziale di MSC Cruises. La compagnia ha infatti annunciato, con effetto immediato, la nomina di Alfonso Piccirillo, manager che aveva già ricoperto il ruolo di...

Auto aziendali, una nuova indagine sui cambiamenti delle flotte: prevista crescita degli ibridi

Nel 2021 avere una vettura con alte emissioni di CO2 costerà caro ai dipendenti delle aziende. È questo uno dei dati più significativi emersi dalla instant survey “Flotte...

Roma Capitale: presentati al Mit progetti per la mobilità per oltre un miliardo di euro

Roma Capitale ha presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una serie di progetti legati alla mobilità per ottenere finanziamenti per circa 1,3 miliardi di euro. Tra...

Marebonus, determinato il contributo per la seconda annualità. Il Mit eroga le risorse agli armatori

Stabilito l’importo per la seconda annualità del contributo per l’intermodalità marittima Marebonus: per il periodo compreso tra dicembre 2018 e dicembre 2019, il contributo...