Iata: nessuna ripresa a settembre per il traffico passeggeri

venerdì 6 novembre 2020 09:55:56

A settembre il traffico aereo di passeggeri è stato del 72,8% inferiore ai livelli di settembre 2019 (solo in leggero miglioramento rispetto al calo del 75,2% anno su anno registrato ad agosto). La capacità è diminuita del 63% rispetto a un anno fa e il load factor è sceso di 21,8 punti percentuali al 60,1%.
In particolare la fotografia scattata dall’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) mette a fuoco una domanda internazionale di passeggeri crollata dell'88,8% rispetto a settembre 2019, sostanzialmente invariata rispetto al calo dell'88,5% registrato ad agosto. La capacità è crollata del 78,9% e il fattore di carico è sceso di 38,2 punti percentuali al 43,5%.
La domanda interna a settembre è scesa del 43,3% rispetto all'anno precedente, migliorata rispetto al 50,7% di agosto. Rispetto al 2019, la capacità è diminuita del 33,3% e il load factor è sceso di 12,4 punti percentuali al 69,9%.

"La ripresa del settore si è scontrata con un muro – ha rimarcato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo della Iata –. Una recrudescenza delle epidemie di Covid-19 - in particolare in Europa e negli Stati Uniti - combinata con la dipendenza dei governi dallo strumento di quarantena in assenza di regimi di test allineati a livello globale, ha fermato lo slancio verso la riapertura dei confini per viaggiare. Sebbene i mercati interni stiano andando meglio, ciò è dovuto principalmente ai miglioramenti in Cina e Russia. E il traffico nazionale rappresenta poco più di un terzo del traffico totale, quindi non è sufficiente per sostenere una ripresa generale ".

I passeggeri dei vettori europei sono crollati dell'82,5% rispetto a un anno fa, il che ha rappresentato una ulteriore battuta d'arresto rispetto al calo dell'80,5% ad agosto. L'Europa è stata l'unica regione a registrare un peggioramento del traffico rispetto ad agosto, a causa di nuovi contagi che hanno portato a un'ondata di chiusure delle frontiere. La capacità si è contratta del 70,7% e il load factor è sceso di 35,1 punti percentuali al 51,8%.
Il traffico di settembre delle compagnie aeree dell'Asia-Pacifico è sceso del 95,8% rispetto allo stesso mese 2019, praticamente invariato rispetto al calo del 96,2% di agosto. La regione ha continuato a subire il calo più vertiginoso del traffico poiché le restrizioni sui voli sono rimaste rigorose con una piccola riapertura delle frontiere. La capacità è crollata dell'89,6% e il coefficiente di carico si è ridotto di 46,8 punti percentuali al 31,7%, il più basso tra le regioni.
Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un calo del traffico del 90,2% a settembre, quindi in miglioramento rispetto al calo della domanda del 92,3% ad agosto. La capacità è crollata del 78,5% e il load factor è sceso di 40,9 punti percentuali al 34,4%.
I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 91,3% a settembre, in leggero miglioramento rispetto al 92,0% di agosto. La capacità è crollata del 78,3% e il load factor è sceso di 49,8 punti percentuali al 33,4%.
Le compagnie aeree dell'America Latina hanno subito un calo della domanda del 92,2% a settembre, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, contro un calo del 93,4% in agosto rispetto ad agosto 2019. La capacità è scesa dell'87,9% e il load factor è sceso di 29,3 punti percentuali al 53,3%, il più alto tra le regioni.
Il traffico delle compagnie aeree africane ha subito una contrazione dell'88,5% a settembre, quindi sostanzialmente stabile rispetto al calo dell'88,7% registrato ad agosto. La capacità si è contratta del 74,7% e il load factor è sceso di 39,4 punti percentuali al 32,6%, il secondo più basso tra le regioni.

“La scorsa settimana abbiamo fornito un'analisi che mostra che l'industria del trasporto aereo non può tagliare i costi abbastanza velocemente da compensare il crollo della domanda di passeggeri causato dal Covid-19 e dalle chiusure e quarantene dei confini governativi – ha spiegato De Juniac –. Sono in pericolo circa 4,8 milioni di posti di lavoro nel settore dell'aviazione, così come un totale di 46 milioni di persone nell'economia più ampia i cui posti di lavoro sono sostenuti dall'aviazione. Per evitare questa catastrofe economica, i governi devono allinearsi sui test come un modo per aprire le frontiere e consentire viaggi senza quarantena; e fornire ulteriori misure di soccorso per sostenere l'industria durante il buio inverno che ci aspetta. Una ripresa economica più ampia è possibile solo attraverso la connettività fornita dall'aviazione".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Ryanair: voli aggiuntivi in occasione del Natale

Per venire incontro all’aumento della domanda su tutto il proprio network, Ryanair annuncia ulteriori integrazioni alla sua programmazione natalizia, a partire dal prossimo 16...

Covid, Motorizzazioni: ecco l’elenco delle attività garantite dagli UMC

Con l’entrata in vigore del Dpcm 3 novembre 2020, la Direzione Generale Motorizzazione ha fornito chiarimenti in merito alle attività degli uffici della motorizzazione civile...

Transizione energetica: cresce la gamma 100% elettrica di Renault Trucks

Si arricchisce l'offerta Renault Trucks 100% elettrica. La gamma di batterie per veicoli elettrici di medio tonnellaggio si diversifica: i Renault Trucks D e D Wide Z.E. possono ora montare...