Sezione: Compagnie aeree

Iata: deludente il recupero passeggeri a ottobre

CONDIVIDI

giovedì 10 dicembre 2020

A ottobre il traffico passeggeri del trasporto aereo è diminuito del 70,6% rispetto allo stesso mese 2019. Si tratta di un miglioramento decisamente modesto rispetto al calo del 72,2% registrato a settembre. La capacità è diminuita del 59,9% rispetto a un anno fa e il load factor è sceso di 21,8 punti percentuali al 60,2%.
Questi in sintesi i dati diffusi dall’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) sull’andamento del traffico nel mese di ottobre. La domanda internazionale di passeggeri è diminuita dell'87,8% rispetto a ottobre 2019, praticamente invariata rispetto al calo dell'88% su base annua registrato a settembre. La capacità è risultata inferiore del 76,9% rispetto ai livelli dell'anno precedente e il load factor si è ridotto di 38,3 punti percentuali al 42,9%.
La domanda interna ha guidato la debole ripresa, con il traffico interno di ottobre in calo del 40,8% rispetto a ottobre 2019. In miglioramento rispetto al calo del 43% anno su anno registrato a settembre. La capacità è stata del 29,7% inferiore ai livelli del 2019 e il fattore di carico è sceso di 13,2 punti percentuali al 70,4%.
"La nuova ondata dell’epidemia di Covid-19 e il continuo ricorso dei governi a pesanti quarantene hanno portato a un altro mese catastrofico per la domanda di viaggi aerei – ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo della Iata –. Sebbene il ritmo della ripresa sia più veloce in alcune regioni rispetto ad altre, il quadro generale dei viaggi internazionali è cupo. Questa ripresa irregolare è più pronunciata nei mercati interni, con il mercato interno cinese che si è quasi ripreso, mentre la maggior parte degli altri rimane profondamente depressa".
Il traffico delle compagnie aeree dell'Asia-Pacifico è crollato del 95,6% rispetto a ottobre 2019 di un anno fa, con numeri rimasti invariati da settembre. Si tratta del calo di traffico più marcato tra le regioni. La capacità è crollata dell'88,5% e il load factor è sceso di 49,4 punti percentuali al 30,3%, il più basso tra le regioni.
I passeggeri dei vettori europei sono diminuiti dell'83% rispetto a un anno fa, in ulteriore peggioramento rispetto al calo dell'81,2% registrato a settembre. Per il secondo mese consecutivo, l'Europa è stata l'unica regione a registrare un deterioramento del traffico. La capacità si è contratta del 70,4% e il load factor è sceso di 36,7 punti percentuali al 49,5%.
Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un calo del traffico dell'86,7% a ottobre, in miglioramento rispetto alla contrazione dell'89,3% registrata a settembre. La capacità è scesa del 73,6% e il fattore di carico è sceso di 36,6 punti percentuali al 37%.
Il traffico dei vettori nordamericani è crollato dell'88,2%, in leggero miglioramento rispetto al calo del 91% di settembre. La capacità è crollata del 73,1% e il load factor è sceso da 46,2 punti percentuali al 36,2%.
Le compagnie aeree dell'America Latina hanno registrato un calo della domanda dell'86% a ottobre, rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. La regione ha mostrato il miglioramento maggiore a settembre, quando la domanda anno su anno è scesa del 92,3%. La capacità di ottobre è diminuita dell'80,3% e il fattore di carico è sceso di 23,5 punti percentuali al 57,7%, il più alto tra le regioni.
Il traffico delle compagnie aeree africane ha registrato una contrazione del 78,6% a ottobre, in miglioramento rispetto al -84,9% di settembre e risultando la migliore performance tra le regioni. La capacità si è contratta del 67,5% e il fattore di carico è sceso di 23,8 punti percentuali al 45,5%.
Per quanto riguarda i mercati nazionali, da notare che il traffico interno della Cina è sceso solo dell'1,4% a ottobre rispetto a ottobre di un anno fa. L'economia nazionale in normalizzazione, le tariffe basse e le offerte "all you can fly" hanno aumentato la domanda.
Il traffico interno della Russia invece è tornato a valori negativi in ottobre, in calo del 10% dopo due mesi di crescita. I nuovi casi Covid hanno messo a dura prova la fiducia dei viaggiatori, nonostante le poche restrizioni ai viaggi nazionali.
“Questa crisi è inesorabile – ha aggiunto de Juniac –. Prevediamo che le compagnie aeree perdano 118,5 miliardi di dollari quest'anno, o 66 dollari per ogni passeggero trasportato. Supponendo che i confini si riapriranno entro la metà del 2021, l'industria perderà "solo" 38,7 miliardi di dollari nel 2021. Ora è il momento per i governi di farsi avanti. I 173 miliardi di dollari di sostegno forniti fino ad oggi hanno permesso al settore di sopravvivere, ma ne occorrono di più per portare il settore fino alla prossima estate. La Iata ha identificato una serie di opzioni di stimolo del mercato che supporteranno la redditività delle rotte aeree incoraggiando le persone a viaggiare. Senza il contributo di 3,5 trilioni di dollari dell'aviazione al PIL globale, non ci può essere una ripresa economica più ampia".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Air Dolomiti ottiene il Technical Log Book

Air Dolomiti si è dotata di un sistema di Technical Log Book elettronico (eTLB). Il sistema, denominato Crossmos, sostituisce integralmente il vecchio formato cartaceo del quaderno tecnico di...

Auto: nel 2020 la spesa per le revisioni è scesa del 7% a causa della pandemia

Calo del 7% nel 2020 per la spesa per le revisioni auto. Gli italiani, l'anno scorso, hanno speso 892,7 milioni di euro per far revisionare le loro auto presso le officine private autorizzate....

Scania: l'italiano Giancarlo Perlini a capo della comunicazione

Un italiano alla guida della comunicazione di Scania. Si tratta di Giancarlo Perlini, 40 anni, già responsabile Vendite e Sviluppo dei segmenti Costruzione, Distribuzione, Public & Special...

Obbligo di tampone negativo per ingresso negli Usa: Delta aiuta i passeggeri a localizzare centri dove effettuare i test

A partire da martedì 26 gennaio tutti i passeggeri di età superiore ai due anni che arrivano negli Stati Uniti da una destinazione internazionale devono poter esibire un test Covid...

Ernst & Young: come il Covid-19 ha cambiato la mobilità italiana

Il Covid-19 ha indubbiamente cambiato la mobilità. Lo ha confermato recentemente anche Ernst & Young, il network mondiale di servizi di consulenza, nel suo terzo White Book, il rapporto...

Calcio e motori: i giocatori del FC Barcellona alla scoperta di Cupra

A Barcellona calcio e motori vanno a braccetto. 
Una dimostrazione arriva dalla giornata organizzata da Cupra nel centro di formazione del FC Barcellona che, coinvolgendo ben 19 giocatori della...

Trasporto pubblico locale: Consip annuncia un bando per la fornitura di 1000 autobus urbani

Nuova gara per la fornitura di 1000 autobus urbani di diverse dimensioni – corti, medi, lunghi – e alimentazione – diesel, metano, mild-hybrid, full-hybrid e full-electric –...

Il mercato veicoli industriali e autobus chiude in negativo il 2020

Il mercato degli autocarri e dei rimorchi e semirimorchi ha risentito in maniera pesante degli effetti dell’emergenza Covid. Nel 2020, le misure di contenimento della pandemia hanno generato un...