Air Italy: 10 mesi di cassa integrazione ma resta spettro licenziamenti

Dieci mesi di cassa integrazione per i circa 1.500 dipendenti di Air Italy, sui quali continua a gravare, a partire dal 18 agosto lo spettro del licenziamento collettivo. Il 17, infatti, scade il blocco ai licenziamenti previsto dalle norme emergenziali sul Coronavirus e senza un nuovo intervento nel Decreto Agosto la procedura riprenderebbe il suo corso.
Arrivano per il momento le prime garanzie dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che ha annunciato ai sindacati convocati a Roma e in videoconferenza da Olbia, che il Governo inserirà nel prossimo decreto la norma che estenderà anche ai lavoratori Airitaly la cig già prevista dai precedenti provvedimenti per altre categorie lavorative. Secondo quanto emerso nell’incontro, nei giorni scorsi i vertici societari della compagnia aerea in liquidazione hanno lasciato la porta aperta agli ammortizzatori sociali. Non solo, all'incontro con i rappresentanti sindacali Filt-Cgil, Uiltrasporti, Ugl Ta, Associazione dei piloti, Cobas e Usb, la ministra ha garantito che il Governo si sta muovendo contemporaneamente con il coinvolgimento diretto di più ministeri per la creazione di un percorso industriale in grado di riassorbire al lavoro tutti i dipendenti della compagnia che oggi si sono mobilitati con tre diversi presidi: due a Roma in piazza Barberini e in Porta Pia, e uno a Olbia, all'ingresso dell'aeroporto Costa Smeralda.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Aeroporti di Roma: obbligo di test anti-Covid per i passeggeri provenienti da alcune zone della Francia

A seguito dell'ordinanza del 21 settembre del Ministro della Salute relativa al contenimento del Covid-19, Aeroporti di Roma ha introdotto per tutti i passeggeri in arrivo dalla Francia...

Bicipolitana: via alla realizzazione della rete di ciclabili per i comuni dell'hinterland di Bologna

Entra nel vivo la realizzazione della Bicipolitana bolognese, che collegherà il capoluogo ai 12 Comuni dell’hinterland (Anzola dell’Emilia, Calderara di Reno, Casalecchio di Ren...

Regione Lazio: con adozione nuovi servizi minimi di trasporto migliorata la mobilità locale

La Giunta regionale del Lazio ha deliberato i nuovi servizi minimi del trasporto pubblico locale per garantire il servizio a tutti i Comuni che ancora non lo avevano. Si tratta – sottolinea una...