Vinella (Anav): bus gratuiti in Germania? La soluzione è un trasporto pubblico più competitivo

giovedì 15 febbraio 2018 16:27:13

Sperimentare in cinque città tedesche il trasporto pubblico gratuito. Le città sarebbero Bonn, Essen, Mannheim, Herrenberg e Reutlingen. Berlino proverà questa strada per diminuire la quota di traffico privato e per reagire al mancato raggiungimento degli obiettivi europei sulla produzione di diossido di azoto.
Ma il presidente di ANAV, Giuseppe Vinella, spiega come il piano tedesco di rendere gratuiti i mezzi pubblici non sia la giusta ricetta: “È sicuramente positivo il fatto che l’ipotesi del Governo tedesco di promuovere l’utilizzo dei mezzi pubblici, rendendoli gratuiti, per combattere l’inquinamento atmosferico abbia riscosso tanta attenzione sugli organi di stampa e nel dibattito nazionale, ma credo che l’attenzione si sia eccessivamente focalizzata sulla leva ipotizzata della gratuità, perdendo di vista il metodo e cioè la promozione dell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico locale come via realistica e prioritaria di abbattimento delle emissioni dovute a un eccessivo utilizzo dell’autovettura che da noi, come in Germania, assorbe oltre l’80% degli spostamenti motorizzati”.

I costi per tale gratuità in Germania sono stimati in circa 13 miliardi di euro annui. In Italia ammonterebbero ad almeno 8 miliardi all’anno – spiegano dall’ANAV - considerando il sistema di trasporto pubblico nel suo complesso. “Riteniamo che una spesa del genere non sarebbe né sostenibile né giustificabile – aggiunge il Presidente – non solo e non tanto perché, come rilevano alcuni esperti, la ricetta potrebbe funzionare solo in Paesi dove sono già efficienti sistemi di trasporto pubblico intermodale e integrato, quanto per la semplice constatazione che un settore economico completamente sussidiato rischia di fare passi indietro in quel processo di industrializzazione, recupero di efficienza e produttività, competitività e innovazione che riteniamo imprescindibile per determinare un salto di qualità del sistema e favorire la realizzazione di un nuovo modello di mobilità collettiva e sostenibile”.

“È innanzitutto nel trasporto pubblico – prosegue - che la politica deve investire per motivare i cittadini a non servirsi dell’automobile e a essere parte attiva di una mobilità nuova, attenta all’ambiente e alla vivibilità della nostra splendida penisola, perché i numeri anche internazionali dimostrano che i sistemi di mobilità condivisa (car-sharing, car-pooling, ecc.) soddisfano un segmento molto piccolo della domanda di trasporto, peraltro solo nelle grandi aree urbane. È quindi irrealistico immaginare che possano fungere da alternativa diffusa”.

“Per trainare la domanda di trasporto collettivo – conclude Vinella - serve un servizio pubblico più capillare, più frequente, più integrato, realizzato con mezzi moderni, confortevoli e con le tecnologie più avanzate per la tutela dell’ambiente. Più risorse e più infrastrutture, quindi, e più stimoli agli investimenti in un contesto di competizione virtuosa tra le imprese per la gestione dei servizi”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

European Mobility Week, le iniziative del Politecnico di Milano

martedì 18 settembre 2018 12:10:28
In occasione della Settimana europea della mobilità il Politecnico di Milano organizza diverse iniziative per sensibilizzare la sua comunità di...

Atac, semestrale 2018: primo storico utile di 5,2 milioni

martedì 18 settembre 2018 14:47:40
“Atac viaggia a tappe serrate verso il risanamento seguendo le coordinate fissate dal piano industriale. I risultati della semestrale 2018 mostrano che...

Settimana Europea della Mobilità, Atm annuncia l'arrivo di soluzioni digitali e multimodali

lunedì 17 settembre 2018 11:32:33
In occasione della Settimana Europea della Mobilità, Atm annuncia importanti novità in linea con il tema scelto per questa diciassettesima...

Bus: nuovi collegamenti giornalieri tra Puglia e Sicilia

lunedì 17 settembre 2018 14:59:10
Puglia e Sicilia saranno ancora più vicine. Grazie ad una partnership tra l’azienda pugliese MarinoBus S.r.l. e le siciliane SAIS Autolinee S.p.a...

Palermo, appalto scuolabus truccato: 6 ai domiciliari. Minacce a ditta che aveva vinto regolarmente

lunedì 17 settembre 2018 17:28:32
I carabinieri hanno eseguito sei ordinanze di arresti domiciliari dal gip di Palermo, su richiesta della Dda, nei confronti di sei persone accusate, avario...