Roma, Ncc protestano in piazza: "a rischio 200mila posti di lavoro"

giovedì 29 novembre 2018 17:43:44

Si è svolta stamattina in piazza della Repubblica a Roma la protesta degli Ncc arrivati da tutta Italia. In piazza gilet gialli, bandiere, striscioni e fumogeni tricolori. Sotto accusa la legge 29/92 in proroga dal 2009, che con il governo gialloverde potrebbe diventare esecutiva. Il provvedimento obbligherebbe gli Ncc a rientrare nella rimessa di provenienza tra un servizio e l’altro. “In questo modo si mettono a rischio 200 mila posti di lavoro” hanno spiegato gli autisti, che hanno detto di essere pronti a proteste molto più eclatanti.

"Chiediamo dignità e rispetto per i lavoratori - hanno gridato gli organizzatori della manifestazione dal palco - siamo disposti ad andare avanti con proteste molto più eclatanti. Siamo stufi di pagare perché si possa favorire i tassisti. È dal 1995 che non viene rilasciata una licenza Ncc a Roma per colpa della lobby dei taxi".

 

La Fit Cisl oggi è intervenuta con una nota sulla questione taxi-ncc e chiede al Governo di ristabilire le regole per il settore. "Sono troppi anni - dichiarano in una nota congiunta Eliseo Grasso e Alessandro Atzeni, rispettivamente coordinatore nazionale mobilità tpl e responsabile taxi della Fit Cisl - che il settore del trasporto pubblico non di linea (taxi e ncc) subisce proroghe a beneficio dell'irregolarità e a discapito di utenti e operatori del comparto che continuano a essere privati delle minime regole necessarie a fornire le indispensabili tutele". E aggiungono: "Risultano incomprensibili tutte quelle posizioni e manifestazioni dei soggetti che, fino ad oggi, hanno beneficiato della totale mancanza di contrasto ai diffusi fenomeni di abusivismo legati all'uso difforme delle autorizzazioni. Non è più tollerabile - insistono i sindacalisti - l'impunità dei soliti astuti, che nei grandi centri urbani usano in maniera stabile titoli autorizzativi rilasciati dai più svariati comuni italiani per soddisfare le proprie esigente territoriali".

Continua la nota: "Noi siamo pronti a intraprendere un serio e responsabile confronto per la riforma del settore; il rispristino della normativa vigente è la migliore condizione per l'avvio di un tavolo di confronto. Dopo i molteplici impegni mai mantenuti - conclude - i tentativi di riforma del settore mai portati avanti con convinzione, nel rispetto degli impegni presi con i lavoratori, chiediamo alle Istituzioni di dimostrare che esiste veramente la volontà politica di contrastare ogni forma di illegalità a tutela degli addetti e fruitori del servizio".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Ecco i fondi alle Regioni per il TPL

sabato 28 marzo 2020 14:58:53
Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso disponibili le risorse di gennaio, febbraio e marzo destinate al trasporto pubblico locale. Grazie al...

Trasporto pubblico: fornitura di mascherine per il personale di Seta, Start Romagna, Tep e Tper

venerdì 27 marzo 2020 15:12:53
Una fornitura di mascherine, approvate e rese disponibili dalla Protezione Civile Emilia Romagna, è stata consegnata alle quattro aziende che si...

Trasporto pubblico: Agens, futuro difficile senza interventi adeguati

venerdì 20 marzo 2020 18:34:15
In riferimento alla diffusione del Covid-19 e ai provvedimenti conseguenti adottati per il contenimento del danno e della sua diffusione, Agens, agenzia...

Trasporto pubblico Milano: Atm garantisce il 75%del servizio

martedì 17 marzo 2020 10:16:07
In accordo con le disposizioni contenute nell’ordinanza della Regione Lombardia a seguito dell’ultimo decreto governativo, Atm aveva programmato un...

Coronavirus, Decreto Mit Sicilia: limitazioni per i passeggeri, regolare il traffico merci

lunedì 16 marzo 2020 14:39:13
Sospesi collegamenti e trasporti ordinari delle persone da e per la Sicilia, per contrastare il diffondersi dell’emergenza epidemiologica da...