Roma, Ncc protestano in piazza: "a rischio 200mila posti di lavoro"

giovedì 29 novembre 2018 17:43:44

Si è svolta stamattina in piazza della Repubblica a Roma la protesta degli Ncc arrivati da tutta Italia. In piazza gilet gialli, bandiere, striscioni e fumogeni tricolori. Sotto accusa la legge 29/92 in proroga dal 2009, che con il governo gialloverde potrebbe diventare esecutiva. Il provvedimento obbligherebbe gli Ncc a rientrare nella rimessa di provenienza tra un servizio e l’altro. “In questo modo si mettono a rischio 200 mila posti di lavoro” hanno spiegato gli autisti, che hanno detto di essere pronti a proteste molto più eclatanti.

"Chiediamo dignità e rispetto per i lavoratori - hanno gridato gli organizzatori della manifestazione dal palco - siamo disposti ad andare avanti con proteste molto più eclatanti. Siamo stufi di pagare perché si possa favorire i tassisti. È dal 1995 che non viene rilasciata una licenza Ncc a Roma per colpa della lobby dei taxi".

 

La Fit Cisl oggi è intervenuta con una nota sulla questione taxi-ncc e chiede al Governo di ristabilire le regole per il settore. "Sono troppi anni - dichiarano in una nota congiunta Eliseo Grasso e Alessandro Atzeni, rispettivamente coordinatore nazionale mobilità tpl e responsabile taxi della Fit Cisl - che il settore del trasporto pubblico non di linea (taxi e ncc) subisce proroghe a beneficio dell'irregolarità e a discapito di utenti e operatori del comparto che continuano a essere privati delle minime regole necessarie a fornire le indispensabili tutele". E aggiungono: "Risultano incomprensibili tutte quelle posizioni e manifestazioni dei soggetti che, fino ad oggi, hanno beneficiato della totale mancanza di contrasto ai diffusi fenomeni di abusivismo legati all'uso difforme delle autorizzazioni. Non è più tollerabile - insistono i sindacalisti - l'impunità dei soliti astuti, che nei grandi centri urbani usano in maniera stabile titoli autorizzativi rilasciati dai più svariati comuni italiani per soddisfare le proprie esigente territoriali".

Continua la nota: "Noi siamo pronti a intraprendere un serio e responsabile confronto per la riforma del settore; il rispristino della normativa vigente è la migliore condizione per l'avvio di un tavolo di confronto. Dopo i molteplici impegni mai mantenuti - conclude - i tentativi di riforma del settore mai portati avanti con convinzione, nel rispetto degli impegni presi con i lavoratori, chiediamo alle Istituzioni di dimostrare che esiste veramente la volontà politica di contrastare ogni forma di illegalità a tutela degli addetti e fruitori del servizio".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Verona Airlink: è operativo il nuovo servizio treno+bus per l'aeroporto

mercoledì 11 dicembre 2019 16:09:49
  Agevolare l’interscambio ferro/gomma e facilitare l’accesso ai servizi attraverso l’acquisto di un unico biglietto. Verona Airlink...

Tpl Genova: in servizio 11 nuovi bus ibridi con emissioni e consumi ridotti

martedì 10 dicembre 2019 11:48:41
Il trasporto pubblico di Genova si fa sempre più green. Amt presenta 11 nuovi bus a basso impatto ambientale, gli Iveco Urbanway full hybrid. Acquistati...

Sicilia: per i giovani fuorisede otto pullman scontati per rientrare sotto le festività

martedì 10 dicembre 2019 16:43:52
Un supporto agli studenti siciliani che si trovano al Nord e che vorrebbero rientrare in Sicilia per il periodo natalizio. L'offre il Governo Musumeci...

Mobilità integrata, partnership tra MarinoBus e Wetaxi in vista delle festività natalizie

venerdì 6 dicembre 2019 11:00:36
MarinoBus e Wetaxi annunciano una partnership per il mese di dicembre per incentivare la mobilità integrata. Tutti i viaggiatori MarinoBus in arrivo da...

Trasporto pubblico: federMobilità, con formazione ed efficienza possibili investimenti per 600mln

giovedì 5 dicembre 2019 10:30:19
Un’indagine realizzata da federMobilità con oltre 100 soggetti appaltanti nel settore dei trasporti e della mobilità sostenibile, in...