Puglia, Fase3 mobilità: il presidente Emiliano firma ordinanza per la ripresa del trasporto pubblico locale

mercoledì 1 luglio 2020 11:30:01

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha firmato un’ordinanza per la ripresa, a partire da oggi, del trasporto pubblico regionale, locale di linea ferroviario, automobilistico extraurbano, nonché del trasporto pubblico non di linea e dei servizi autorizzati (taxi, noleggio con conducente, autobus a fini turistici, inclusi i servizi atipici e il noleggio con/senza conducente), a pieno carico, limitatamente ai soli posti a sedere per i quali i mezzi di trasporto sono omologati, evitando comunque che vengano occupati posti vicino al conducente e fermo l’obbligo di usare a bordo protezioni delle vie respiratorie.

Le attività di trasporto pubblico di linea urbano e i limiti per i posti in piedi per tutti i servizi di linea, non di linea e autorizzati, sono espletate, da tutte le imprese, nel rispetto di quanto previsto nelle Linee guida contenute nell’allegato al Decreto del Presidente del Consiglio dello scorso 11 giugno, nonché del protocollo di settore sottoscritto il 20 marzo 2020.

Sempre a decorrere da oggi, aumenta la programmazione dei servizi automobilistici extraurbani e ferroviari, attestandosi al 100% dei programmi di esercizio dei servizi programmati dai vigenti contratti di servizio.
Le società di trasporto ferroviario e automobilistico, ai fini del monitoraggio e della riprogrammazione dei servizi stessi, hanno l’obbligo di comunicare alla Regione Puglia, con cadenza settimanale i dati giornalieri relativi ai servizi effettuati, ai posti offerti e alla frequentazione dei servizi.

L’Ordinanza ribadisce comunque la necessità di applicare opportune misure di sicurezza nei mezzi di trasporto pubblico regionale/locale; misure che, in funzione dell’evoluzione dello scenario epidemiologico, potranno anche essere rimodulate:

deve essere garantita un’adeguata e capillare informazione al personale addetto e comunicazione all’utenza, facilmente accessibile, comprensibile, chiara ed efficace relativa alle misure igienico-comportamentali, richiamando il divieto di usare il trasporto pubblico in presenza di segni/sintomi di infezioni respiratorie acute (es. febbre, tosse, difficoltà respiratoria);

deve essere garantita un’adeguata e capillare informazione e comunicazione all’utenza relativa all’importanza di scaricare sui propri smartphone l’app. "Immuni", promossa dal ministero della Salute per il tracciamento dei contatti;

garantire che i flussi di entrata e uscita dal mezzo siano separati, o attraverso percorsi dedicati o attraverso soluzioni organizzative equivalenti;

tutti i passeggeri devono utilizzare dispositivi di protezione delle vie respiratorie (es. mascherina chirurgica, mascherina di comunità) all’interno dei mezzi; i passeggeri devono procedere, saliti a bordo, a una adeguata igienizzazione delle mani;

il ricambio dell’aria deve essere assicurato in modo costante, mediante gli impianti di condizionamento e mediante l’apertura prolungata delle porte esterne nelle soste dei mezzi in stazione/fermata, provvedendo a inibire la temporizzazione della chiusura delle porte esterne. Qualora possibile e compatibile con i vincoli di velocità e sicurezza per i mezzi diversi da quelli utilizzati per il trasporto ferroviario, il ricambio dell’aria potrà essere assicurato anche attraverso l’apertura dei finestrini e di altre prese di aria naturale. Nei convogli ferroviari, l’eliminazione della temporizzazione di chiusura delle porte esterne alle fermate, in ottemperanza alle disposizioni vigenti, garantisce il ricambio dell’aria all’interno delle carrozze ferroviarie;
 
per quanto riguarda per gli impianti di condizionamento a bordo dei mezzi di trasporto pubblico è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria, o quantomeno assicurare il ricambio completo dell’aria interna almeno ogni 15 minuti. In ogni caso, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e va garantita la pulizia, a impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati; 

deve essere prevista una periodica pulizia e disinfezione dei mezzi di trasporto con particolare riferimento alle superfici toccate più di frequente e ai servizi igienici, da effettuarsi con le modalità definite dal ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità. Per i mezzi di trasporto dotati di dispenser contenente gel o soluzione igienizzante, per utilizzo della clientela, le attività di pulizia e disinfezione dovranno essere assicurate alla fine del turno di esercizio giornaliero. Per i mezzi non dotati di dispenser contenente gel o soluzione igienizzante per utilizzo della clientela, la pulizia e la disinfezione dovranno essere eseguite ad ogni fine corsa di rientro in una stazione principale.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Trasporto pubblico, 7 mln euro per la filovia di Ancona e oltre 470 mln per quella di Genova

venerdì 7 agosto 2020 10:44:14
Via libera dalla Conferenza unificata al Decreto proposto dalla Ministra De Micheli che prevede l’erogazione di circa 7 milioni di euro da destinare al...

Trasporto pubblico locale nella Fase3: il 10 agosto vertice tra Conferenza delle Regioni e i ministri Boccia, Speranza e De Micheli

venerdì 7 agosto 2020 14:22:45
Si terrà il prossimo 10 agosto l'incontro chiesto con urgenza dalla Conferenza delle Regioni per un confronto sull'organizzazione...

Abruzzobus: nel fine settimana torna il pullman che collega Roma al Parco Nazionale d'Abruzzo

venerdì 7 agosto 2020 18:31:38
Torna il pullman dei Parchi. Da domani, 8 agosto, e fino al 13 settembre Abruzzobus collegherà Roma con i comuni del Parco Nazionale d’Abruzz...

Emilia Romagna: nuove campagne per la sicurezza stradale e sensibilizzazione degli utenti

giovedì 6 agosto 2020 16:24:13
“L’educazione stradale è una priorità, l’obiettivo è sempre la ‘vision zero’: zero morti sulle...

Regione Umbria: 7 milioni di euro per percorsi pedonali e ciclabili e sistemi di accesso ai centri storici

giovedì 6 agosto 2020 18:00:28
“Il paesaggio e i borghi dell’Umbria sono un patrimonio di valore assoluto, che hanno la nostra massima attenzione. Nell’ottica di favorire...