Ncc: protesta a Roma il 29 novembre contro la norma sul ritorno obbligato degli autisti

martedì 20 novembre 2018 16:55:01

Giovedì 29 novembre a Roma protestano gli Ncc di tutta Italia (aziende di noleggio con conducente): 80mila imprese per oltre 200mila lavoratori.

La manifestazione nazionale è stata indetta per scongiurare l’entrata in vigore di una norma che, almeno in alcuni passaggi, ha dello stravagante - scrive Conftrasporto in una nota -. È il caso del famigerato articolo 29, comma 1 quater del decreto legge 207 del 2008. Che prevede, tra i punti più discutibili, che il conducente torni alla base alla fine di ogni servizio, prima di intraprendere il viaggio successivo. In sostanza, un conducente che accompagni un cliente da Roma a Milano, alla fine del servizio non potrà caricare a bordo altri clienti da Milano alla capitale, ma dovrà tornare a Roma con il mezzo ‘vuoto’, recarsi nell’autorimessa situata nel Comune che ha rilasciato l’autorizzazione, e attendere la prossima chiamata".

“Così l’Ncc è un servizio a rischio estinzione – dice il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè – C’era da aspettarsi che prima o poi il malcontento sarebbe sfociato in protesta. Sebbene tardiva, la manifestazione del 29 novembre era nell’aria, intuibile conseguenza dell'incapacità di chi si è succeduto nei ruoli di governo negli ultimi 10 anni di trovare una soluzione equilibrata per una riforma del settore. Una riforma che coniugasse distinzione di ruoli e funzioni dei servizi non di linea, lotta all'abusivismo, tutela della sicurezza e soddisfazione del cliente”.

“Conftrasporto-Confcommercio, insieme all’associata Federazione Autonoleggiatori Italiani Fai-Confcommercio non ha fatto mai mancare nel corso di questo decennio proposte d'intervento. Che, purtroppo, non si sono concretizzate per mancanza di volontà politica “, prosegue Uggè.

“Per salvaguardare l’esistenza delle imprese del comparto, non c'è altro da fare che prorogare ulteriormente l'entrata in vigore della contestata norma - afferma Uggè - nella prospettiva di giungere, si spera questa volta per davvero, a un riassetto complessivo del settore del trasporto pubblico non di linea. L'auspicio è, dunque, che il nuovo Governo sia sensibile alle rivendicazioni delle imprese del settore, consentendo loro e agli oltre 200 mila lavoratori da esse occupati,  di poter continuare a operare e a dare il proprio contributo in termini di suggerimenti per una riforma, quella sì, non più prorogabile”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Trasporti, Dell’Orco: ampliamento ecobonus e micromobilità in arrivo

venerdì 24 maggio 2019 10:32:34
Novità in arrivo per i trasporti. Le annuncia il sottosegretario alle infrastrutture e trasporti Michele Dell'Orco sui social “A brevissimo Danilo...

Atac: 19.000 sanzioni ad aprile. Controllati oltre 10 mila passeggeri al giorno

martedì 21 maggio 2019 10:14:05
  Elevato il 32% di sanzioni in più rispetto ad aprile 2018. Nei primi quattro mesi del 2019 multe in crescita del 44%. Proseguono i risultati...

Marinobus protagonista con Hyperbus, il primo hackathon a bordo di un bus

martedì 21 maggio 2019 12:05:02
Marinobus ha sponsorizzato Hyperbus, il primo hackathon a bordo di un bus. L’iniziativa è stata promossa dall’Associazione Pugliesi a...

Sharing e-mobility: a Bergamo il servizio "Muoviti Controcorrente" attivo dal primo giugno

lunedì 20 maggio 2019 17:10:08
Bergamo accetta la sfida della mobilità sostenibile e inaugura in città, a partire dal prossimo 1° giugno, il servizio di sharing e-mobility...

Elezioni europee 2019, l’impegno di Flixbus per incentivare la partecipazione al voto

venerdì 17 maggio 2019 11:12:39
In vista delle Elezioni europee 2019 Flixbus incentiva la partecipazione al voto con l’iniziativa flixtimeimvoting dedicata ai suoi...