Ncc: protesta a Roma il 29 novembre contro la norma sul ritorno obbligato degli autisti

martedì 20 novembre 2018 16:55:01

Giovedì 29 novembre a Roma protestano gli Ncc di tutta Italia (aziende di noleggio con conducente): 80mila imprese per oltre 200mila lavoratori.

La manifestazione nazionale è stata indetta per scongiurare l’entrata in vigore di una norma che, almeno in alcuni passaggi, ha dello stravagante - scrive Conftrasporto in una nota -. È il caso del famigerato articolo 29, comma 1 quater del decreto legge 207 del 2008. Che prevede, tra i punti più discutibili, che il conducente torni alla base alla fine di ogni servizio, prima di intraprendere il viaggio successivo. In sostanza, un conducente che accompagni un cliente da Roma a Milano, alla fine del servizio non potrà caricare a bordo altri clienti da Milano alla capitale, ma dovrà tornare a Roma con il mezzo ‘vuoto’, recarsi nell’autorimessa situata nel Comune che ha rilasciato l’autorizzazione, e attendere la prossima chiamata".

“Così l’Ncc è un servizio a rischio estinzione – dice il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè – C’era da aspettarsi che prima o poi il malcontento sarebbe sfociato in protesta. Sebbene tardiva, la manifestazione del 29 novembre era nell’aria, intuibile conseguenza dell'incapacità di chi si è succeduto nei ruoli di governo negli ultimi 10 anni di trovare una soluzione equilibrata per una riforma del settore. Una riforma che coniugasse distinzione di ruoli e funzioni dei servizi non di linea, lotta all'abusivismo, tutela della sicurezza e soddisfazione del cliente”.

“Conftrasporto-Confcommercio, insieme all’associata Federazione Autonoleggiatori Italiani Fai-Confcommercio non ha fatto mai mancare nel corso di questo decennio proposte d'intervento. Che, purtroppo, non si sono concretizzate per mancanza di volontà politica “, prosegue Uggè.

“Per salvaguardare l’esistenza delle imprese del comparto, non c'è altro da fare che prorogare ulteriormente l'entrata in vigore della contestata norma - afferma Uggè - nella prospettiva di giungere, si spera questa volta per davvero, a un riassetto complessivo del settore del trasporto pubblico non di linea. L'auspicio è, dunque, che il nuovo Governo sia sensibile alle rivendicazioni delle imprese del settore, consentendo loro e agli oltre 200 mila lavoratori da esse occupati,  di poter continuare a operare e a dare il proprio contributo in termini di suggerimenti per una riforma, quella sì, non più prorogabile”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Ncc: 18 dicembre nuova protesta a Roma per le imprese di autonoleggio con conducente

lunedì 17 dicembre 2018 13:49:16
Domani a Roma le imprese di autonoleggio con conducente (Ncc) scenderanno nuovamente in piazza assieme ai dipendenti e alle loro famiglie. Contemporaneament...

Provincia di Bolzano, trasporto pubblico: ecco i nuovi orari dei bus

venerdì 14 dicembre 2018 11:56:00
Gli orari di alcune linee autobus urbani ed extraurbani, a partire da lunedì, 17 dicembre, saranno leggermente modificati per garantire il rispetto...

Roma, Raggi: bus turistici fuori dal Centro storico a partire da gennaio 2019

venerdì 14 dicembre 2018 14:57:49
"Ce l’abbiamo fatta: i bus turistici dovranno rimanere fuori dal Centro storico. Dopo il Tar anche il Consiglio di Stato ci ha dato ragione, a partire da...

Emilia Romagna: trasporto pubblico, rivoluzione digitale per gli utenti di treni e bus

venerdì 14 dicembre 2018 17:16:04
Viaggia su smartphone e smartcard la rivoluzione digitale del trasporto pubblico locale dell'Emilia Romagna. E sono quattro i progetti che partiranno tra oggi...

Motocicli, nel 2017 il parco circolante cresce dell’1,3%

giovedì 13 dicembre 2018 11:56:05
Cresce il parco circolante dei motocicli. E’ quanto emerge da un’elaborazione di Federpneus (Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di...