Ncc: protesta a Roma il 29 novembre contro la norma sul ritorno obbligato degli autisti

martedì 20 novembre 2018 16:55:01

Giovedì 29 novembre a Roma protestano gli Ncc di tutta Italia (aziende di noleggio con conducente): 80mila imprese per oltre 200mila lavoratori.

La manifestazione nazionale è stata indetta per scongiurare l’entrata in vigore di una norma che, almeno in alcuni passaggi, ha dello stravagante - scrive Conftrasporto in una nota -. È il caso del famigerato articolo 29, comma 1 quater del decreto legge 207 del 2008. Che prevede, tra i punti più discutibili, che il conducente torni alla base alla fine di ogni servizio, prima di intraprendere il viaggio successivo. In sostanza, un conducente che accompagni un cliente da Roma a Milano, alla fine del servizio non potrà caricare a bordo altri clienti da Milano alla capitale, ma dovrà tornare a Roma con il mezzo ‘vuoto’, recarsi nell’autorimessa situata nel Comune che ha rilasciato l’autorizzazione, e attendere la prossima chiamata".

“Così l’Ncc è un servizio a rischio estinzione – dice il vicepresidente di Confcommercio e di Conftrasporto Paolo Uggè – C’era da aspettarsi che prima o poi il malcontento sarebbe sfociato in protesta. Sebbene tardiva, la manifestazione del 29 novembre era nell’aria, intuibile conseguenza dell'incapacità di chi si è succeduto nei ruoli di governo negli ultimi 10 anni di trovare una soluzione equilibrata per una riforma del settore. Una riforma che coniugasse distinzione di ruoli e funzioni dei servizi non di linea, lotta all'abusivismo, tutela della sicurezza e soddisfazione del cliente”.

“Conftrasporto-Confcommercio, insieme all’associata Federazione Autonoleggiatori Italiani Fai-Confcommercio non ha fatto mai mancare nel corso di questo decennio proposte d'intervento. Che, purtroppo, non si sono concretizzate per mancanza di volontà politica “, prosegue Uggè.

“Per salvaguardare l’esistenza delle imprese del comparto, non c'è altro da fare che prorogare ulteriormente l'entrata in vigore della contestata norma - afferma Uggè - nella prospettiva di giungere, si spera questa volta per davvero, a un riassetto complessivo del settore del trasporto pubblico non di linea. L'auspicio è, dunque, che il nuovo Governo sia sensibile alle rivendicazioni delle imprese del settore, consentendo loro e agli oltre 200 mila lavoratori da esse occupati,  di poter continuare a operare e a dare il proprio contributo in termini di suggerimenti per una riforma, quella sì, non più prorogabile”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Seta pubblica la Carta dei Servizi 2018: un percorso condiviso con cittadini e utenti

venerdì 15 febbraio 2019 14:26:23
Seta ha pubblicato l'edizione aggiornata al 2018 della propria Carta dei Servizi, il documento di riferimento del servizio di trasporto pubblico su gomma...

Mom 4.0: a Treviso il trasporto pubblico è semore più smart

venerdì 15 febbraio 2019 14:52:15
La rivoluzione 4.0, intesa come digitalizzazione e innovazione di servizi e processi, è il più grande cambiamento che le imprese stanno...

Convegno nazionale Asstra: investire nel TPL, scenari e fabbisogni

giovedì 14 febbraio 2019 11:21:09
A due anni dalla presentazione del Rapporto “Investire nel trasporto pubblico”, ASSTRA in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti presenta un...

Ferrovie Roma, dalla Giunta ok per 11 nuovi treni

giovedì 14 febbraio 2019 14:59:47
In arrivo nuovi convogli per le ferrovie della Capitale Roma-Lido e Roma-Civitacastellana-Viterbo. La Regione, proprietaria delle due linee gestite da Ata...

Trasporto pubblico: firmato il decreto di riparto di 3,89 mld per le Regioni e sbloccato fondo da 300mln

martedì 12 febbraio 2019 10:01:30
Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha firmato il decreto interministeriale con il quale vengono ripartiti tra le Regioni a...