Bologna, Fase2 mobilità: piste ciclabili e monopattini i volani per decongestionare le città

lunedì 4 maggio 2020 18:19:40

Nel convegno Superare le distanze: "La mobilità urbana dopo l'emergenza Covid19", illustrati gli scenari post emergenza coronavirus per la mobilità urbana, soprattutto nelle aree ad alta densità abitativa, nelle aree metropolitane.

A moderare il dibattito Diego De Lorenzis – Vicepresidente Commissione Trasporti M5S Camera dei Deputati insieme a Paolo Pinzuti - Bikeconomist s.r.l, Sono intervenuti Claudio Mazzanti - Assessore ai Trasporti e alla Mobilità del Comune di Bologna, Alessandra Clemente, Assessore alla mobilità, Comune di Napoli, Matteo Campora - Assessore ai Trasporti e alla mobilità del Comune di Genova, Maria Lapietra - Assessore Trasporti e Mobilità del Comune di Torino, Carlo Salvemini - Sindaco del Comune di Lecce e Roberto Traversi - Sottosegretario M5S alle Infrastrutture e ai Trasporti.

"L’Italia è uno dei paesi con il più alto numero di automobile pro-capite. Ogni anno si registrano 80 mila morti prematuri per inquinamento Le restrizioni imposte dal lockdown con le scuole chiuse e lo smart working, hanno fatto calare vertiginosamente i livelli di inquinamento su tutto il territorio nazionale. A testimonianza della migliore qualità dell’aria anche la fauna che si è spinta nelle grandi città, da nord a sud", ha detto Pinzuti.

Da nord a sud le città si apprestano a vivere la fase due dei trasporti puntando su mobilità dolce e attiva, con una ridefinizione degli spazi. La mobilità dolce è uno dei capisaldi della città di Bologna e della regione Emilia in generale, – spiega Claudio Mazzanti - Assessore ai Trasporti e alla Mobilità del Comune di Bologna –. Anche durante il lockdown l’impostazione viabilistica del Comune è stata mantenuta intatta perché non si voleva interrompere il sistema di tutela della città.

Nel centro storico verranno poi aumentate le zone trenta e i doppi sensi circolatori. In ottemperanza al PUMB, ripartono i cantieri delle piste ciclabili. Le ciclovie previste per il 2021 vengono anticipate con l’istituzione di piste emergenziali, che rientrano nel progetto di sviluppo della pedomobilità e della ciclomobilità che la città ha fissato con il pgu. Per attuare queste modifiche – sottolinea l’assessore – è necessario che il prossimo DPCM recepisca le modifiche al codice della strada che sono state già approvate dalla commissione preposta della camera.

La ripartenza nella città di Bologna – conclude l’assessore - si svolge entro i parametri attesi. Il servizio di trasporto pubblico è stato potenziato sia su gomma che su ferro dell’80% per rispondere alle esigenze dei cittadini. Obiettivo è evitare assembramenti calmierando l’ora di punta con una revisione degli orari di lavoro, previsto un tavolo con sindacati, associazioni e imprese che si riunirà a stretto giro per organizzare la ripresa in vista di settembre.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Mercato auto: a settembre crescono le immatricolazioni grazie agli incentivi (+9,5%)

A settembre il mercato italiano dell’auto totalizza 156.132 immatricolazioni, ovvero il 9,5% in più rispetto allo stesso mese del 2019. Il dato è stato evidenziato dal...

Trasporti: l'agenda delle Commissioni di Camera e Senato per la settimana dal 28 settembre al 2 ottobre

Pubblichiamo l'agenda dei lavori delle commissioni Trasporti della Camera e Lavori pubblici del Senato per la settimana in corso. Convocazione della IX Commissione (TRASPORTI, POSTE E...

Piste ciclabili: a Parma al via i cantieri per tre nuovi tratti sull’asse Nord-Sud

La rete di piste ciclabili sul territorio del Comune di Parma, che si estende per 137 chilometri, si arricchisce di tre nuovi tratti che verranno realizzati in viale Rustici, via Pastrengo e via...