Iata: traffico cargo si mantiene in crescita ad agosto

martedì 2 ottobre 2018 15:48:42

I dati diffusi dall’Associazione internazionale del trasporto aereo indicano che il traffico cargo è cresciuto ad agosto del 2,3% rispetto ad agosto 2017  (in termini di freight tonne kilometers - FTKs). La crescita rimane invariata rispetto al mese precedente, ma è meno della metà di quella media registrata negli ultimi cinque anni (+5,1%).
La capacità – misurata in available freight tonne kilometers (AFTK) – è cresciuta del 4,5%. Si tratta del sesto mese di fila in cui la capacità supera la crescita della domanda. Nonostante ciò i rendimenti per ora sembrano reggere.
Il buon andamento del cargo aereo risulta supportato da una serie di fattori favorevoli, innanzitutto la fiducia dei consumatori, una ripresa del ciclo degli investimenti e la crescita dell’e-commerce globale.Nonostante ciò, ci sono tre fattori che vanno a impattare in maniera negativa sulla domanda. Innanzitutto un indebolimento generalizzato negli ordini di esportazione delle imprese manifatturiere. Nello specifico in Europa, Cina, Giappone e Corea.
Le imprese manufatturiere lamentano inoltre un allungamento dei tempi di consegna da parte dei fornitori in Asia e in Europa, le prime due aree di scambi globali per volumi movimentati. Questo significa, a livello generale, che c’è meno bisogno della velocità rappresentata dal trasporto aereo.Ci sono poi i rischi per il commercio globale rappresentati dalla recente escalation delle tensioni commerciali.
“Il traffico cargo è cresciuto nel mese di agosto esattamente alla stessa velocità del mese di luglio, +2,3%. La fiducia dei consumatori, la crescita dell’e-commerce e la ripresa degli investimenti globali sono alla base di questa crescita – ha sottolineato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo IATA -. Ma ci sono grossi fattori di rischio che minacciano questa crescita: gli ordini per le esportazioni si stanno riducendo e i tempi di consegna delle forniture si allungano. E le tensioni crescenti riguardo i dazi commerciali sono uno spettro che aleggia sopra tutto il settore. L’attenzione sulle tariffe non riguardava i prodotti comunemente trasportati per via aerea. Ma con l’aumentare delle tariffe aumenta anche la vulnerabilità del settore del trasporto aereo. E dopotutto dobbiamo aspettarci che rapporti commerciali non più floridi abbiano ripercussioni negative anche sui viaggi di lavoro. In una guerra commerciale non ci sono vincitori”.
Tutte le regioni hanno registrato un aumento del traffico cargo ad agosto, ad eccezione dell’Africa, che deve fronteggiare un deciso calo, -7,1% rispetto ad agosto 2017, dovuto alla debolezza di tutti i mercati chiave per i propri scambi commerciali.
In Nord America il traffico cargo è cresciuto del 2,8%. In questo caso le compagnie statunitensi si trovano a beneficiare del momento positivo che l’economia sta attraversando negli ultimi mesi e i solidi flussi commerciali attraverso l’Atlantico hanno contribuito a rafforzare la domanda.
È però l’Europa a registrare il tasso di crescita maggiore rispetto ad agosto 2017, +3,7%. Nonostante un indebolimento delle esportazioni, soprattutto dalla Germania, è rimasta alta la domanda di merci trasportate per via aerea negli ultimi sei mesi. Le buone condizioni del mercato transatlantico e la ripresa della domanda tra Europa e Asia hanno guidato questa crescita.
In Medio Oriente la crescita è stata del 2,2%, in significativo rallentamento rispetto al +5,4% registrato nel mese precedente. In questo caso la diminuzione riflette principalmente gli sviluppi della situazione rispetto a un anno fa piuttosto che un cambiamento sostanziale nella tendenza a breve termine.
In Asia-Pacifico la crescita delle merci movimentate è stata dell’1,6%, in aumento rispetto allo scorso mese, ma in deciso rallentamento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ha pesato in questo caso l’indebolimento delle esportazioni dei due maggiori Paesi, Giappone e Cina.
In America Latina la crescita del cargo aereo è stata dell’1,6% rispetto ad agosto 2017. Alcuni dei mercati più piccoli all’interno della regione hanno visto una forte crescita dei volumi di trasporto internazionale finora. Tuttavia, l’ aumento della domanda osservato negli ultimi 18 mesi vive ora una fase di stallo.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi gli altri articoli della categoria: Cargo - Logistica

Altri articoli della stessa categoria

ANAMA e Cluster Cargo Aereo danno i numeri del cargo aereo in Italia

giovedì 23 maggio 2019 09:04:27
Il cargo aereo rappresenta il 22,6% del valore dell’export italiano extra Unione europea e, dunque, si conferma un settore fondamentale per...

Iata: cargo torna in leggera crescita a marzo

giovedì 9 maggio 2019 12:59:27
A marzo il traffico cargo globale è aumentato dello 0,1% rispetto allo stesso mese 2018. Sebbene si tratti di un significativo miglioramento rispetto alla...

Iata: il cargo aereo cala per il quarto mese consecutivo

giovedì 4 aprile 2019 12:17:39
Di nuovo un mese di calo, il quarto consecutivo, per il cargo aereo. Secondo i dati della Iata, l’associazione internazionale del trasporto aereo, nel...

Iata: inizio d’anno debole per il cargo aereo

mercoledì 13 marzo 2019 12:37:11
Il traffico cargo – misurato in tonnellate di merci (FTK) – è diminuito a gennaio dell'1,8% rispetto allo stesso mese 2018. Si tratta della peggiore...

Lufthansa Cargo: più frequenze e aumento di capacità nella programmazione estiva

lunedì 4 marzo 2019 11:04:49
La pianificazione dei voli cargo operati dalla flotta Lufthansa nella prossima stagione estiva segna un deciso aumento delle frequenze e della capacità...