Aicai-Luiss: presentato il Libro Bianco dei corrieri aerei internazionali

venerdì 25 settembre 2020 09:43:48

Oltre 52.000 lavoratori tra indotto e dipendenti diretti, un fatturato superiore ai 3 miliardi di euro, 300 voli settimanali da e per l’Italia, 7.000 veicoli, 133,5 milioni di spedizioni di cui 28,8 milioni in esportazione. Questi i numeri italiani 2019 fotografati dall’Associazione Italiana dei Corrieri Aerei Internazionali (Aicai), di cui sono parte i tre principali player mondiali del settore, DHL, FedEx e UPS.

A distanza di 10 anni dall’ultima pubblicazione, un nuovo Libro Bianco realizzato da Luiss Buisiness School “Il ruolo dei corrieri aerei internazionali: dall’economia dell’emergenza all’emergenza dell’economia” fotografa l’impatto dei soci Aicai sull’economia italiana, impatto di cui si è compresa la reale portata proprio in occasione dell’emergenza Covid.

Durante i mesi del lockdown è stato comunemente riconosciuto come siano stati proprio i network dei tre grandi player di spedizioni ad assicurare la continuità dei rifornimenti ai presidi medici in tutto il mondo oltre a impedire il “fermo macchina” totale all’economia mondiale. Un ruolo che è valso il pubblico riconoscimento di servizio “essenziale” da parte delle Istituzioni.

Adesso gli operatori vedono affacciarsi un’altra “emergenza”, quella di un’economia che tra lo shock-Covid e l’imminente attivazione della Brexit è in continua fibrillazione. Rilancio che nelle valutazioni Aicai può avvenire solo attraverso l’export, l’unico fattore a sostenere l’economia nazionale dopo la crisi del 2008 e key-driver per la crescita del PIL, affiancando le piccole e medie imprese nella ricerca di opportunità internazionali nell’e-commerce B2C e B2B.

Solo il 2,9% delle imprese nazionali esporta e i corrieri aerei si propongono quindi come facilitatori per le imprese, specie per le Pmi che generalmente non dispongono dei mezzi necessari per sostenere i costi connessi all’internazionalizzazione. Il modello di business unico dei corrieri, che collega il mondo, rappresenta un’enorme opportunità che può innescare un circolo virtuoso per l’economia italiana e l’esportazione delle merci ad alto valore aggiunto del Made in Italy se meglio compreso e supportato dalle istituzioni.

Il settore dei corrieri aerei espressi genera il 40% dei ricavi dell’intero segmento cargo aereo. Per le esportazioni verso Paesi extra-Ue, sebbene nel 2016 il traffico cargo aereo abbia movimentato solo lo 0,74% dei volumi esportati, il controvalore economico è stato pari al 25,8% del totale, con una crescita del valore medio trasportato che dal 1999 al 2018 è stata circa 15 volte superiore a tutte le altre modalità di trasporto.

“In un momento in cui non vi sono punti di riferimento – ha commentato il presidente Aicai, Alessandro Lega, in occasione di un incontro di presentazione organizzato presso la sede Luiss a Roma – offriamo la certezza di network proprietari e di flotte capaci di arrivare dovunque e comunque: l’Italia è un Paese di 60 milioni di abitanti, a fronte di 7 miliardi di popolazione globale: e come dimostra lo studio, l’export è l’unica possibilità per le sue piccole, medie e grandi imprese di crescere. I corrieri aerei sono dei facilitatori naturali del business, e le Istituzioni devono agevolare la nostra specificità consentendoci di lavorare con regole semplici, chiare e uniformi in campo aeroportuale, doganale e urbano”.

“L’insieme delle dinamiche analizzate ci ha permesso di identificare le policy necessarie a supportare il settore e più in generale l’export delle Pmi, all’indomani di un’emergenza sanitaria che ha accelerato la trasformazione digitale del Paese – ha spiegato Matteo Caroli, associate dean for Internationalisation Luiss Business School –. Sostenibilità e semplificazione sono le linee guida di questo piano di intervento per il mondo dei corrieri aerei espressi, in termini sia di transizione verso veicoli a minor impatto ambientale, sia di semplificazione normativa, di regole uniformi che facilitino la pianificazione degli investimenti negli hub aeroportuali nazionali e di una regolamentazione più efficiente”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Il Comune di Torino approva linee guida per la sperimentazione della piattaforma di Maas per pianificare i trasporti

La Giunta del Comune di Torino ha approvato le linee guida per accedere, tramite avviso che sarà pubblicato sul proprio sito web, alla sperimentazione dell'utilizzo della piattaforma di MaaS...

Assaeroporti: tra marzo e settembre passeggeri in calo dell’83%

Gli aeroporti italiani registrano un nuovo pesante crollo e, dopo la timida ripresa dei mesi estivi, chiudono settembre con soli 5.738.268 passeggeri, il 69,7% in meno rispetto al 2019, cifre che...

Traffico veicoli pesanti in autostrada -20,9% nel primo semestre 2020

Il traffico di veicoli pesanti in autostrada nei primi sei mesi del 2020 è diminuito del 20,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Sempre da gennaio a giugno il traffico di veicoli leggeri...