Romania: nuove misure per gli ingressi, previsti obblighi anche per gli autotrasportatori

CONDIVIDI

mercoledì 14 luglio 2021

In Romania arrivano nuove disposizioni in contrasto alla diffusione della pandemia COVID-19 che riguardano anche gli autisti professionisti.
Lo ha comunicato la Fiap.

Questa la classificazione delle aree di rischio adottata per i Paesi di provenienza, ora in vigore:
Aree verdi: paesi in cui il tasso di incidenza cumulativa di nuovi casi di COVID-19 negli ultimi 14 giorni è inferiore o uguale a 1,5 per 1000 abitanti;
Aree gialle: paesi in cui il tasso di incidenza cumulativa di nuovi casi di COVID-19 negli ultimi 14 giorni è compreso tra 1,5 e 3 per 1000 abitanti;
Aree rosse: paesi in cui il tasso di incidenza cumulativa di nuovi casi di COVID-19 negli ultimi 14 giorni è maggiore o uguale a 3 per 1000 abitanti.

Le persone che arrivano in Romania dalle aree verdi non sono soggette a misure di quarantena, né all'obbligo di isolamento o di test.

Misure per gli ingressi dalle zone gialle

Le persone che arrivano in Romania dalle zone gialle - compresi i conducenti di veicoli per il trasporto di merci e di persone - sono soggette a una quarantena di 14 giorni. La quarantena deve aver luogo al domicilio della persona, in un luogo dichiarato o, a seconda dei casi, in un luogo apposito designato dalle autorità.

Eccezioni alla misura di quarantena:

  • persone che possono dimostrare di aver effettuato un ciclo completo di vaccinazione contro il COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell'arrivo in Romania. La prova della vaccinazione è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE;
  • persone che sono in possesso di un test RT-PCR negativo - completato non più di 72 ore prima dell'imbarco o dell'arrivo alla frontiera se viaggiano in modo indipendente;
    le persone che sono state confermate positive all'infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell'ingresso in Romania, per le quali sono passati almeno 14 giorni dalla data della conferma alla data di ingresso in Romania;
  • persone in transito, se lasciano la Romania entro 24 ore dal momento in cui sono entrate nel territorio del paese;
  • i lavoratori transfrontalieri che entrano in Romania da Ungheria, Bulgaria, Serbia, Ucraina o Repubblica Moldova.

Misure per gl iingressi dalle zone rosse

Le persone che arrivano in Romania dalle zone rosse - compresi i conducenti di veicoli per il trasporto di merci e di persone - sono soggette a una quarantena di 14 giorni. La quarantena deve avvenire al domicilio della persona, in un luogo dichiarato o, a seconda dei casi, in un luogo apposito designato dalle autorità.

Eccezioni alla misura di quarantena

  • persone che possono dimostrare di aver effettuato un ciclo completo di vaccinazione contro il COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell'arrivo in Romania. La prova della vaccinazione è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE;
  • persone che sono state confermate positive all'infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell'ingresso in Romania, per le quali sono passati almeno 14 giorni dalla data della conferma alla data di ingresso in Romania. La prova dell'infezione da virus SARS-CoV-2 è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE.;
    le persone che soggiornano in Romania per meno di 3 giorni (72 ore) e hanno un test RT-PCR negativo per l'infezione da virus SARS-CoV-2, effettuato non più di 72 ore prima dell'imbarco o dell'arrivo alla frontiera se viaggiano autonomamente. Se le persone non lasciano la Romania entro 3 giorni (72 ore), saranno messe in quarantena per un periodo di 14 giorni, a partire dal quarto giorno successivo all'ingresso sul territorio rumeno. La prova del test negativo per il COVID-19 è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE.;
  • i lavoratori transfrontalieri che entrano in Romania da Ungheria, Bulgaria, Serbia, Ucraina o Repubblica Moldova;
  • le persone in transito, se lasciano la Romania entro 24 ore dal momento in cui sono entrate nel territorio del paese.

Misure per ingressi da Gran Bretagna, Brasile, Nepal, Sudafrica e India

Per le persone che arrivano in Romania - compresi i conducenti di veicoli per il trasporto di merci e di persone - dalla Gran Bretagna, dal Brasile, dal Nepal, dal Sudafrica e dall'India, si applicano solo le seguenti eccezioni alla misura di quarantena:

  • persone che possono dimostrare di aver effettuato un ciclo completo di vaccinazione contro il COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell'arrivo in Romania. La prova della vaccinazione è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE.;
  • persone che sono state confermate positive all'infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell'ingresso in Romania, per le quali sono passati almeno 14 giorni dalla data della conferma alla data di ingresso in Romania. La prova dell'infezione da virus SARS-CoV-2 è costituita dal certificato digitale COVID dell'UE.
Tag: trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

S.O.S camionisti, lunga carenza dalla metà degli anni 2000

Persiste la carenza globale di conducenti di camion, con prevedibili conseguenze gravi per l’economia. Gli analisti affermano che il problema ha origini lontane, precisamente sin dalla...

Liberalizzazione autoarticolati 18 metri: Anita, nuova era nel trasporto nazionale di merci

Il Decreto legge Infrastrutture ha autorizzato la libera circolazione di autoarticolati (complessi veicolari trattore-semirimorchio) con lunghezza fino a 18 metri (ne abbiamo parlato...

Ultimo miglio: Catena del Freddo, la soluzione Geotab per il trasporto refrigerato

La pandemia ha determinato un incremento delle consegne dell'ultimo miglio che probabilmente persisterà. Solo nel 2020, le consegne business-to-consumer sono aumentate del 25% circa e, secondo...

La più grande cooperativa Conad potenzia la rete logistica con Tesisquare e Shippeo

La più grande cooperativa del consorzio Conad ha scelto i partner tecnologici Tesisquare e Shippeo per migliorare la visibilità dei trasporti in tempo reale e potenziare così la...

Interporto Verona: confermato Gasparato alla presidenza. Nominato il consiglio direttivo 2021-2026

Nuovo consiglio direttivo per il Consorzio Zai Interporto Quadrante Europa di Verona. Riconfermato alla presidenza Matteo Gasparato; Andrea Prando sarà il vicepresidente. Per il quinquennio...

Trasporti internazionali, richiesta di autorizzazioni per l’anno 2022: ecco le scadenze

Scadenze in vista per la presentazione al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili delle domande per la richiesta di autorizzazioni ai trasporti internazionali per...

Logistica urbana: nuovo edificio Prologis a Milano

Prosegue l’attività di sviluppo di edifici di ultimo miglio da parte di Prologis a Milano (ne avevamo parlato qui). Consegnato un secondo innovativo edificio build-to-suit di Classe A ad...

Carenza autisti autotrasporto: Cna Fita Abruzzo chiede fondi per formazione e patenti

Ripensare profondamente le politiche dedicate alla formazione delle figure destinate alla guida dei mezzi pesanti. Lo chiede alla regione Luciana Ferrone, presidente di Cna Fita Abruzzo (sigla che...