Rimorchi e semirimorchi: mercato in perdita del 21,2% nel 2020

CONDIVIDI

giovedì 21 gennaio 2021

Nel mese di dicembre 2020 il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t denuncia una condizione di stabilità rispetto al dicembre 2019, facendo registrare +0,8% (1.066 unità immatricolate contro 1.058). La stima porta il dato consolidato dell’intero 2020 ad una perdita del 21,2% rispetto al 2019, con 11.356 unità immatricolate contro 14.406.
Il report è stato stilato dal Centro Studi e Statistiche di UNRAE, l’Associazione delle Case estere, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

“In caduta pressoché costante dal gennaio 2019 – commenta Paolo A. Starace, presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae – il mercato dei rimorchiati avrebbe comunque consegnato un altro anno negativo, visto che il 2019 aveva chiuso a -7,1% sul 2018. La situazione indotta dalla crisi sanitaria mondiale ha accentuato la debolezza del comparto aggravandone ulteriormente i risultati: il 2020 chiude infatti con una perdita a due cifre. Un - 21,2% che mette ancora di più a nudo la forte elasticità della domanda e quindi la dipendenza delle immatricolazioni dalla disponibilità di sostegni agli investimenti degli autotrasportatori italiani”.

“La discontinuità nei periodi di finanziamento condiziona sensibilmente i risultati del mercato dei rimorchiati – osserva Paolo A. Starace – rallentando, anche in questo comparto, la transizione verso una mobilità delle merci sempre più attenta alla sostenibilità ambientale. Questa spinta green si concretizza, per i trainati, attraverso contributi indirizzati soltanto alle unità allestite per i trasporti intermodali, dove da qualche tempo si riscontrano difficoltà ad utilizzare tutti i fondi disponibili. Per questo riteniamo che sia giunto il tempo di correggere questa miopia. Anche i veicoli trainati possono fornire notevoli contributi al risparmio energetico, e quindi alla sostenibilità ambientale del trasporto merci, nonché alla sicurezza della circolazione, attraverso una serie di  accorgimenti costruttivi e allestimenti specifici che i costruttori di rimorchi e semirimorchi sono oggi in grado di fornire sui prodotti di ultima generazione. Non è dunque sufficiente limitarsi a spingere lo shift modale verso il ferro per aumentare la sostenibilità complessiva del trasporto”.
“Un altro settore che merita l’attenzione del decisore politico in termini di sostegno – sottolinea ancora Paolo A. Starace – è quello degli allestimenti che equipaggiano autoveicoli e rimorchi destinati al trasporto specifico, quale quello dei generi alimentari in temperatura controllata o delle materie pericolose".

Starace infine auspica incentivi che favoriscano l’impiego di motorizzazioni alternative anche su quegli allestimenti che necessitano di fonti autonome di energia a veicolo fermo, come impianti frigoriferi o sistemi di sollevamento.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Gts Rail apre una nuova sede a Genova

Nuovo sede strategica a Genova per Gts Rail. L'obiettivo è sviluppare i servizi di trazione ferroviaria per i clienti marittimi da tutti i porti d’Italia. “Il nuovo presidio...

La Spezia Container Terminal: Walter Cardaci è il nuovo General Manager

Walter Cardaci è il nuovo General Manager di LSCT - La Spezia Container Terminal. Cardaci entrerà a far parte della squadra guidata dal CEO Alfredo Scalisi, completando il processo di...

Arcese: 300 nuovi semirimorchi intermodali per una logistica più sostenibile

Arcese potenzia i servizi su scala europea. Il recente ordine di 300 nuovi semirimorchi compatibili con il profilo ferroviario P400 conferma l’importanza strategica di questo tipo di profilo su...

Unrae, rimorchi e semirimorchi: mercato di gennaio a +15,2%

I dati Unrae sul mercato 2021 si arricchiscono di un altro settore, dopo il resoconto relativo ai veicoli industriali e ai veicoli commerciali (ne avevamo parlato qui e qui). Il Centro Studi di...

Unrae, veicoli commerciali: mercato di gennaio a -9,9%

Parte male il 2021 per i veicoli commerciali. Secondo il Centro Studi e Statistiche di Unrae, l’associazione delle case estere, il mercato dei mezzi con massa a pieno carico inferiore alle 3,5...

Unrae: a gennaio il mercato dei veicoli industriali cresce del 9%

Il 2021 comincia in ripresa per il mercato dei veicoli industriali. Stando al quadro fornito dal Centro Studi e Statistiche di Unrae, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero...

Unrae: parco circolante italiano tra i più vecchi d'Europa. Età media oltre 11 anni

Oltre 11 milioni di autovetture ante Euro 4, pari al 29,3%: il parco circolante italiano è "insicuro, vetusto e inquinante". Con un'età media di 11,5 anni, rilevata nel 2019, si tratta...

Confartigianato Trasporti: nel Recovery Plan mancano misure per intermodalità e rinnovo veicoli

"Nel Recovery Plan si è persa l’occasione per sostenere con risorse e progetti dedicati l’intermodalità dei trasporti su gomma-ferro-mare, il rinnovo e...