Dalle vignette ai pedaggi: il Parlamento Ue approva la riforma della tassazione

CONDIVIDI

venerdì 18 febbraio 2022

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove norme sulla tariffazione dei veicoli su strada. Si procede dunque nella definizione delle tariffe che i Paesi Ue possono imporre a bus, furgoni e autocarri che viaggiano sulle strade della rete di trasporto transeuropea (TEN-T). La norma non prevede obbligo per i Paesi Ue di far pagare i veicoli che utilizzano le loro strade; tuttavia, se dovessero scegliere di farlo, dovranno attenersi alle nuove regole comunitarie.

Pedaggi al posto delle “vignette” a tempo

L'obiettivo delle nuove regole è di spostare la tariffazione stradale da un modello basato sul tempo a un sistema basato sulla distanza o sui chilometri effettivi, per meglio riflettere i principi “chi inquina paga” e “chi utilizza paga”.

Entro otto anni dall'entrata in vigore della direttiva gli Stati membri dovranno procedere all’eliminazione progressiva delle cosiddette “vignette” (tariffazione stradale basata sul tempo) per i veicoli pesanti in tutta la rete centrale TEN-T, che verranno sostituite da pedaggi (tariffazione basata sulla distanza).

I Paesi Ue potranno ancora mantenere i bolli per parti specifiche di tale rete, ma solo in casi debitamente giustificati in cui la nuova modalità di tariffazione sarebbe sproporzionata rispetto alle entrate previste con il sistema precedente.

Per incoraggiare l’uso di veicoli più rispettosi dell'ambiente, dal 2026 i Paesi Ue dovranno differenziare gli oneri per l’infrastruttura e i diritti di utenza di camion e autobus sulla base delle emissioni di CO2 e sulle prestazioni ambientali dei veicoli. Dovranno anche ridurre considerevolmente la tariffazione stradale per i veicoli a zero o basse emissioni.

Tassazione di veicoli leggeri

In base alle nuove regole le vignette saranno valide per periodi più brevi (un giorno, una settimana o 10 giorni) e avranno dei limiti sui costi imponibili alle autovetture, per garantire che i conducenti occasionali provenienti da altri Paesi dell'Ue ricevano un trattamento equo.

I Paesi Ue che intendano far pagare i veicoli più leggeri – furgoni, minibus autovetture – potranno ancora scegliere tra i sistemi di pedaggio o le vignette.

Le regole entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. I Paesi UE disporranno di due anni di tempo per recepire l’aggiornamento della direttiva.

Tag: trasporti internazionali, pedaggi autostradali

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Trasporti internazionali: scadenze in vista per rinnovo e conversioni autorizzazioni CEMT

Scade il 30 settembre 2022 il termine per la presentazione delle domande di rinnovo e conversione in assegnazione fissa delle autorizzazioni per trasporti in Paesi non-UE. Il 31 ottobre 2022 è...

Vettori ucraini: il Mims estende l'esenzione da autorizzazione per il trasporto internazionale di merci

Estesa l'esenzione da autorizzazione al trasporto internazionale di merci su strada per i vettori di nazionalità ucraina.  Il provvedimento è in atto dallo scorso marzo e consente...

Dal 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale

Dal prossimo 1° luglio la Romania monitorerà il trasporto su strada di merci ad alto rischio fiscale tramite il sistema elettronico integrato Ro e-Transport. Il provvedimento, contenuto...

Riduzione pedaggi autostradali 2021: dal 6 giugno è possibile presentare la domanda

Dal 6 giugno scatta la prima fase per la riduzione compensata dei pedaggi 2021. Il Comitato Centrale dell’Albo ha deliberato l’avvio del procedimento per la presentazione delle domande...

Commissione Ue: un piano di emergenza in 10 azioni per proteggere i trasporti

Negli ultimi anni il settore dei trasporti è stato chiamato ad affrontare emergenze particolarmente gravi, cambiamenti e nuove sfide, a cominciare dalla pandemia di Covid-19, per arrivare alla...

Via libera al Dl Bollette: autotrasporto, cambia la norma sull'AdBlue

Convertito in legge il cosiddetto Dl Bollette. Il provvedimento conferma alcuni interventi in favore dell’autotrasporto e modifica anche la norma sull'AdBlue: si amplia, infatti, la gamma di...

Assarmatori: nuovi accordi commerciali per superare blocco delle materie prime da Russia e Mar Nero

Con il Mar Nero e Mar d’Azov interdetti alle unità mercantili italiane e il rischio nei porti russi del Baltico, come San Pietroburgo e Murmansk, di ritorsioni contro le navi italiane...

Assoporti: in crescita il traffico merci nel 2021 ma ancora non a livelli pre pandemia

Nel 2021 nei porti italiani sono state movimentate complessivamente 481,5 milioni di tonnellate di merci, in crescita dell’8,4% rispetto al 2020 (444 milioni di tonnellate). Un dato che, per...