Brexit: conseguenze e nuove prospettive per l'autotrasporto

CONDIVIDI

lunedì 18 gennaio 2021

Con l'arrivo del 2021 finisce il periodo di transizione fra Unione europea e Regno Unito e comincia una nuova fase di rapporti commerciali in Europa. Una situazione che ha ripercussioni sulle procedure di import/export e, naturalmente, anche sul trasporto merci. E alla quale si aggiungono anche i problemi legati alla scoperta della cosiddetta variante inglese del nuovo Coronavirus.

Se l’accordo siglato con l’Unione europea ha minimizzato i timori legati a un “no deal”, restano i problemi legati ai costi operativi delle esportazioni in un Paese extra Ue, come il Regno Unito. Le conseguenze maggiori saranno per le aziende più piccole e meno strutturate.

Massimo De Donato ne ha parlato con Mauro Sarrecchia, di Assotir, e con Giampaolo Paternoster, responsabile di un’impresa impegnata in trasporti internazionali, nel corso della nuova puntata di Container, in onda su Radio 24.

Sarrecchia e Paternoster hanno descritto le principali problematiche riscontrate e le nuova prospettive per le imprese dal punto di vista dei costi e dell’organizzazione del lavoro.

Tag: brexit, container

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sistema portuale del mare Adriatico centrale: nel 2021 merci in crescita rispetto al periodo pre-pandemia

Nel 2021 sono state movimentate nel sistema portuale del mare Adriatico centrale 11,91 milioni di tonnellate di merci. Un risultato superiore ai traffici precedenti al periodo pandemico, che vede in...

Salerno Container Terminal: in crescita i volumi movimentati nel 2021

Salerno Container Terminal (Gruppo Gallozzi) conclude il 2021 con 316.176 teu movimentati, in crescita del 2,06% rispetto al 2020 (309.777 teu). Nonostante uno scenario complessivo ancora soggetto a...

Sospeso lo sciopero dei lavoratori portuali del 17 dicembre

Lo sciopero dei lavoratori portuali indetto da Cgil, Cisl, Uil e proclamato per il 17 dicembre - ne avevamo parlato qui - è stato sospeso a seguito dell'accordo firmato al Ministero...

Carenza di autisti nel Regno Unito: situazione in miglioramento in base agli ultimi dati delle associazioni di categoria

Nel Regno Unito è in atto un’inversione di tendenza del problema rappresentato dalla carenza di autisti di mezzi pesanti e di altri lavoratori della logistica venutosi a creare nei mesi...

Porto di Salerno nuova porta per l'Oriente con l'apertura della base Rif Line

“La scelta di operare anche da Salerno fa parte di un più ampio progetto che stiamo concretamente sviluppando e portando avanti con impegno: quello di fornire maggiori servizi ai clienti...

Brexit: facilitare le operazioni di sdoganamento e agevolare l’e-commerce

Cosa comporta il nuovo obbligo di dichiarazione, è necessario dotarsi di un centro logistico proprio in loco e in che modo si possono organizzare con affidabilità spedizione, trasporto...

Porti del Lazio: nei primi nove mesi del 2021 crescita del 18% rispetto allo stesso periodo del 2020

Confermato il trend positivo per i traffici dei Porti di Roma e del Lazio. Lo dimostrano i dati di traffico dei primi nove mesi del 2021, in particolare nei porti di Civitavecchia e Gaeta. Le merci...

Regno Unito: appello per trovare 300 autisti stranieri, rispondono solo in 127

Solo 127 autisti di mezzi pesanti hanno fatto richiesta, dall'estero, per il visto temporaneo di lavoro nel Regno Unito dopo la Brexit. Il governo sta offrendo circa 300 visti immediati rivolto ad...