Mobilità sostenibile: a Parma via alle piste ciclabili soft

lunedì 12 ottobre 2020 12:40:40

Presentato a Parma il progetto di realizzazione delle “piste ciclabili soft”, dette anche corsie ciclabili o bike lane. Il provvedimento riguarderà in prima battuta i tratti di via Pasini, via Carra, via Langhirano, viale Villetta, via Zarotto, che saranno messe “a dieta”: attraverso la delimitazione di una linea tratteggiata, parte della carreggiata sarà destinata alle biciclette. Nel complesso saranno oltre 15 i km di piste ciclabili hard e soft che andranno ad aggiungersi alla rete ciclabile cittadina.

“Le piste ciclabili soft sono strumenti tecnici che con investimenti minimi permettono di aumentare la sicurezza di chi si sposta in bicicletta in ambito urbano senza bisogno di lunghi e costosi interventi infrastrutturali – ha dichiarato l’assessora alle Politiche di Sostenibilità Ambientale Tiziana Benassi – laddove non si sviluppano velocità elevate non servono pesanti infrastrutture per garantire la sicurezza, ma basta una linea tratteggiata a terra per creare un corridoio di scorrimento per chi va in bici.”

La realizzazione delle nuove piste – spiega l’amministrazione in una nota – è considerata strategica: “l'obiettivo è quello di favorire sempre di più l'uso della bici negli spostamenti urbani, soprattutto in un periodo in cui il contenimento del Covid rende necessario alleggerire la pressione sul trasporto pubblico locale” ha sottolineato il Dirigente Settore Mobilità ed Energia del Comune di Parma, Nicola Ferioli.
Dal momento che si tratta di uno strumento funzionale a fronteggiare l'emergenza sanitaria in corso, le prime piste ciclabili soft saranno cofinanziate dalla Regione Emilia Romagna.

“Trascorsa l’emergenza sanitaria dovremo continuare a lavorare per fronteggiare anche l’emergenza climatica e ambientale e questo è il momento per iniziare ad affrontare le sfide future – ha aggiunto l’assessore Benassi – stiamo ampliando la rete ciclabili esistente, che ha un'estensione di 137 chilometri, anche grazie ai nuovi tratti di ciclabili soft. Ma serve fare di più”.

“Attuiamo anche a Parma un modello internazionale di convivenza – ha commentato il progettista Matteo Dondé, illustrando appunto il progetto e la concreta realizzazione nei vari tratti di strada interessati – che aumenta la sicurezza dei pedoni, dei ciclisti e dalle auto. In questo modo restituiamo anche a qualsiasi soggetto fragile il loro spazio”.

L'obiettivo della Regione è raddoppiare, nei prossimi anni, gli spostamenti in bici e a piedi sull'intero territorio, oggi in media del 20 %, tramite nuovi collegamenti tra piste ciclabili esistenti e nuove piste. Parma c'è ed è pronta ad affiancare agli investimenti annuali sulle piste ciclabili tradizionali, anche il nuovo progetto di piste ciclabili soft.

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Ecoverso, auto elettriche e ibride: tutte le possibilità di risparmio dalle emissioni di Co2 al bollo

Quali sono le possibilità di risparmio delle auto ibride ed elettriche? Ecoverso (ex GAI – Gruppo Acquisto Ibrido) - associazione di acquisto solidale nata nel 2013 con l’obiettivo...

Mobilità sostenibile: a Parma via al progetto Bike to Work

“Bike to work, è un progetto che vuole incentivare la ciclabilità e nello specifico lo spostamento casa-lavoro, ma è anche un modello che vede ancora una volta una rete tra...

La Polizia Municipale di Torino realizza video tutorial per l’utilizzo sicuro di bici e monopattini

Nell’ambito dell’attività di Sicurezza Stradale condotta per contrastare atteggiamenti sbagliati e pericolosi alla guida delle diverse categorie di veicoli, la Polizia Municipale...