Uggè (Conftrasporto): con la conferma di Delrio avanti con le riforme

mercoledì 14 dicembre 2016 13:49:52

Conftrasporto, confederazione che raggruppa le associazioni del mondo del trasporto, della spedizione e della logistica ha commentato positivamente la conferma di Graziano Delrio al ministero dei Trasporti.

“Avevo auspicato nelle mie comunicazioni alle nostre realtà territoriali che al dicastero dei Trasporti fosse assicurata la continuità politica – ha dichiarato il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè - Il motivo evidente è legato al rapporto che si è instaurato con il ministero che, in caso di cambiamenti, avremmo dovuto ricostruire nel tempo. Tempo che il nostro settore non ha, considerate le urgenze e le tante questioni aperte sul fronte dei trasporti e delle infrastrutture. Sono ancora da nominare, questo presumibilmente avverrà la prossima settimana, i sottosegretari, in merito ai quali l’auspicio è identico, per avere la possibilità di confrontarci con chi già conosce i problemi del settore”.

Per il futuro - si apprende da un comunicato - ci sono in ballo il documento programmatico (che dovrà essere approvato entro la primavera del 2017) nel quale andranno elencate le infrastrutture prioritarie con le relative strategie; la consistenza e l’impiego del Fondo per le infrastrutture; il compimento della Riforma dei Sistemi portuali.

“Non dimentichiamo che ci stiamo confrontando con un sistema economico globale dove i trasporti giocano un ruolo strategico e che l’Italia ha ancora molto terreno da guadagnare. - ha proseguito Uggè - Conftrasporto continuerà anche a sollecitare l’intervento del nostro Governo in Europa perché si attivino misure di contrasto del dumping sociale in ogni comparto di questo settore, e con particolare riferimento all’autotrasporto. Siamo pronti a collaborare, come già stiamo facendo, anche all’interno della Comunità europea, per costruire un comune campo da gioco che preveda regole uguali per tutti, dal costo del lavoro alla burocrazia, al fisco.

Se il nostro Paese non capisce l’urgenza di queste misure, - ha concluso Uggè - le imprese italiane saranno costrette ad affrontare la concorrenza spietata e sleale di altri Paesi comunitari, in particolare quelli dell’Est, con le disastrose conseguenze che abbiamo già avuto modo di conoscere”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Autotrasporto, Serracchiani contro la concorrenza sleale: basta abusi in somministrazione transnazionale

"Intervenire in difesa delle aziende di autotrasporto italiane virtuose, danneggiate da chi abusa dell'istituto della somministrazione transazionale che consente una concorrenza sleale favorita dal...

Recovery Fund: investimenti, crescita digitale, infrastrutture nel manifesto di Conftrasporto-Confcommercio

Formazione professionale, transizione verde e digitale, infrastrutture: questi i tre punti fondamentali alla base del ‘manifesto’ di Conftrasporto-Confcommercio per il Recovery Fund. Il...

Nuove restrizioni circolazione arco alpino, Conftrasporto: danno per l'intero sistema produttivo italiano

Le preuccpuazioni per le possibili nuove restrizioni per i trasporti nell'arco alpino sono al centro di una nota diramata oggi dalle Camere di Commercio delle Alpi e condivisa da...