Tachigrafo digitale: ecco quando il conducente deve estrarre la propria carta dall'apparecchio di controllo

CONDIVIDI

lunedì 6 luglio 2020

Il ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti sull'uso del tachigrafo digitale in relazione all’obbligo del conducente che si allontana dal veicolo di estrarre la propria carta dall’apparecchio di controllo.
Lo ha comunicato l'Anita.

Il conducente ha l’obbligo di estrarre la propria carta solo nel caso in cui il veicolo esca dalla sua esclusiva disponibilità e che non possa, quindi, evitare che un altro conducente utilizzi lo stesso veicolo. In tutti i casi in cui il conducente debba iniziare un periodo diverso dalla guida, perché impegnato in altre mansioni, in tempi di disponibilità o per una pausa o riposo e il veicolo rimanga nella sua esclusiva disponibilità, ha la possibilità di lasciare inserita la propria carta all’interno del tachigrafo digitale

Il Regolamento UE prevede che quando i conducenti si allontanano dal veicolo e non sono in grado di utilizzare il tachigrafo installato, i periodi di tempo quali altre mansioni, periodi di disponibilità e interruzioni di guida e periodi di riposo, vengano inseriti sulla carta del conducente mediante il dispositivo di inserimento di dati manuale del tachigrafo.
Lo stesso Regolamento prevede l’obbligo per i conducenti di proteggere le carte delle quali sono titolari.
A tal riguardo la Direzione Generale della Mobilità e dei trasporti della Commissione Europea ha affermato che non vi è alcun obbligo per i conducenti di rimuovere la propria carta dal tachigrafo al termine del periodo di guida giornaliero; l’unico obbligo per i conducenti è assicurarsi che la loro carta sia protetta e utilizzata solo da loro stessi.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Riduzione emissioni CO2: ACEA, pronti a obiettivi Ue più severi ma servono punti di ricarica e stazioni

Secondo l'Associazione europea dei produttori di automobili ACEA, la revisione del regolamento sulle emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni, ora sul tavolo dell'Ue,  dovrà...

2021 Anno europeo delle ferrovie: verso la realizzazione dello Spazio unico europeo

Il 2021 è l'“Anno europeo delle ferrovie” (European Year of Rail 2021). L'iniziativa parte da Bruxelles per accendere i riflettori su una delle modalità di...

Camion: tachigrafo, una sola sanzione se mancano più fogli di registrazione

In caso di controllo da parte delle Forze dell'ordine, i conducenti di camion, pullman e autobus che non presentano i fogli di registrazione del cronotachigrafo relativi alla giornata del...

Patenti: ecco tutte le novità in arrivo dalla Ue

L'ETSC (European Transport Safety Council - Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti) ha presentato uno studio che evidenzia le criticità normative nell'ordinamento dell'U...

Camion: divieti di circolazione sospesi domenica 28 marzo e dal 2 al 6 aprile

Nuova disposizione resa necessaria dall'emergenza Coronavirus e dalla necessità di agevolare il sistema dei trasporti e i flussi di traffico. Il Mims ha dato nuovamente via libera alla...

Brennero, limitazioni alla circolazione: incontro tra Fai-Conftrasporto e Goetze (Commissione Ue)

Le difficoltà di transito lungo l’asse del Brennero sono state al centro di un recente incontro tra Fai-Conftrasporto e il capo di Gabinetto della Commissaria ai Trasporti della...

Pacchetto mobilità Ue: il ministero dell’Interno fornisce chiarimenti sulla riforma

Arrivano chiarimenti sul nuovo Pacchetto Mobilità dell’Ue. Il ministero dell’Interno ha pubblicato una circolare interpretativa che illustra le novità introdotte dalla...

Camionista guida con il cronotachigrafo in pausa: 1700 euro di multa e sospensione della patente

Alla guida di un mezzo pesante da ore con il cronotachigrafo "in pausa". Un camionista, fermato dalla Polizia Stradale di Parma, non rispettava le pause di riposo indicate per legge, ed eludeva...