Crollo cavalcavia Lecco: Uggè, perché tanti trasporti eccezionali sulle strade?

lunedì 31 ottobre 2016 11:57:40

“Le responsabilità salgono molto in alto e coinvolgono interessi di imprenditori e la superficialità di alcuni uomini politici. Certamente si cercherà di scaricare le responsabilità su funzionari locali ma il vero problema e la vera domanda che i media dovrebbero porsi è sul numero dei manufatti che potrebbero trovarsi nelle medesime condizioni, visto l’elevato numero di automezzi con portata fino a 108 tonnnellate in circolazione”. Lo ha scritto il presidente di Fai Conftrasporto Paolo Uggè, commentando il crollo del ponte avvenuto sulla Superstrada 36 Milano-Lecco al km 41,900 durante il passaggio di un mezzo pesante che ha provocato un morto e tre feriti. Graziano Delrio ha istituito una commissione d'inchiesta, "costituita da figure di comprovata esperienza, capacità e professionalità che dovranno fornire uno scrupoloso accertamento dell’accaduto e una dettagliata ricostruzione dei fatti entro 30 giorni".

“Innanzitutto – spiega Uggè - i trasportatori per effettuare tali viaggi debbono richiedere una autorizzazione ai competenti uffici che la rilasciano indicando i percorsi autorizzati. Quindi nella fattispecie non esiste responsabilità del conducente dell’automezzo pesante. Le procedure per la chiusura di tratti stradali è chiaramente indicata dalle norme vigenti; e a quanto a ora noto le procedure sembrano essere state rispettate. Forse l’unico intervento possibile era di vietare la circolazione sul viadotto da parte del cantoniere per gli automezzi pesanti, fino a quando non fossero state accertate le condizioni di stabilità. Anche in questo caso occorre in modo approfondito verificarne la reale possibilità di limitare la circolazione in relazione alle norme vigenti. Allora le responsabilità sono di nessuno? La risposta è no, la domanda da porsi è come sia possibile che sulle nostre strade possano circolare un così elevato numero di automezzi eccezionali aventi portata fino a 108 tonnellate”, si chiede il presidente di Conftrasporto che poi aggiunge una serie di ipotesi: “Forse è per consentire il trasporto di più merce (coils in particolare) e quindi anziché pagare tre viaggi pagarne uno solo, che la committenza impone l’uso di automezzi eccezionali con portata fino a 108 tonnellate? Ma non dovrebbe essere la sicurezza a prevalere? Qualcuno si è domandato quale impatto avrebbe potuto avere sui manufatti la cui ricostruzione risale a diversi anni fa? Ed ancora ci si è chiesto quale deterioramento si sarebbe potuto determinare sul manto stradale il passaggio di tanti automezzi a 108 tonnellate? Ovviamente i costi della manutenzione sono a carico degli enti proprietari delle strade e conseguentemente scaricati sui cittadini. Ma anche in termini di sicurezza stradale gli avvallamenti che si determinano sul manto stradale non sono certo favorevoli alla circolazione per gli utenti della strada e quindi impattano anch’essi sulla sicurezza”.

“Eppure – ricorda Uggè - il 6 settembre 2005 con circolare numero 189 gli uffici competenti del ministero delle Infrastrutture si occuparono della questione (in quel periodo chi scrive ricopriva l’incarico di sottosegretario al ministero) ed emanarono una circolare che dettava disposizioni strettamente in linea con le norme del Codice della strada in materia di trasporti eccezionali. Al tempo se ne occupò anche la Commissione trasporti della Camera, ma senza alcun risultato (ecco perché venne emanata una circolare esplicativa). Del caso fu investito il Tar del Lazio che riscontrò gli elementi per concedere una sospensiva ad un atto con il quale si negava, proprio in attuazione della circolare 189, l’ autorizzazione a effettuare un trasporto eccezionale senza che ve ne fossero le condizioni previste dal codice della strada e ribadite con la circolare. Il Tar del Lazio tuttavia, nonostante i solleciti non entrò mai nel merito. Questo produsse l’esplosione delle richieste dell’utilizzo di automezzi eccezionali. Il risultato concreto fu la significativa riduzione del costo del trasporto e le conseguenze invece si sono scaricate sulle strade, sui cittadini e sui manufatti. In tempi successivi, per evitare che qualcuno intervenisse nuovamente su una questione mai definita, una nuova disposizione regolamentare venne emanata che rendeva regolare (meglio sarebbe dire “normale”) il trasporto eccezionale. La ratio di chi aveva redatto inizialmente la norma del codice della strada sta però tutta nella definizione 'eccezionale', lo dovrebbe comprendere anche uno scolaro delle elementari che il termine 'eccezionale' non significa 'di consueto'. L’auspicio è, perché altri casi simili non abbiano a ripetersi, che siano effettuati i dovuti controlli. Dalla triste vicenda che poteva trasformarsi in una tragedia di dimensioni ancora più gravi, un fatto comunque è inequivocabile:per questioni economiche (qualcuno ci ha guadagnato) si è messo a repentaglio la sicurezza della circolazione stradale che dovrebbe essere un valore indisponibile”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Autotrasporto, l’Austria chiude le frontiere ai camion italiani

venerdì 15 marzo 2019 15:54:40
Conftrasporto-Confcommercio chiede l’intervento urgente del ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Danilo Toninelli nei confronti...

Autotrasporto senza conto terzi: sequestrato veicolo da 40mila euro

giovedì 14 marzo 2019 09:53:27
Sequestrato un autocarro nuovo e fermato un veicolo proveniente da Mantova risultato privo di autorizzazione per l’esercizio dell’attività...

Tirolo, filtro camion: ecco le nuove giornate in cui verrà effettuato il dosaggio

giovedì 14 marzo 2019 11:53:16
Il Land Tirolo ha reso noto l’elenco di ulteriori giornate durante le quali sarà applicato il “sistema di dosaggio” sui veicoli...

Camion: pubblicati i costi di esercizio per marzo 2019

mercoledì 13 marzo 2019 10:35:49
Il Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato l’aggiornamento del costo del gasolio per autotrazione, al netto dell'Iva e/o dello...

A23, Autoporto di Pontebba: progetto di rilancio da 1 milione 900 mila euro

martedì 12 marzo 2019 16:17:53
Arrivata una proposta di rilancio per l'Autoporto di Pontebba. Il progetto presentato da Auto - Plose Sadobre Srl, società di Bolzano, prevede la...