Brexit: 23 associazioni dell’automotive europea chiedono un accordo di libero scambio tra UE e UK

CONDIVIDI

lunedì 14 settembre 2020

A sole 15 settimane dalla fine del periodo di transizione della Brexit, l’industria automotive europea lancia un appello per chiedere che la Gran Bretagna e l’Unione Europea, si assicurino un accordo di libero scambio senza ulteriori posticipi.

“I negoziatori di entrambe le parti – scrivono le associazioni di settore che hanno promosso l’appello - devono ora fare tutto il possibile per evitare un’uscita senza accordo al termine della transizione, che, secondo gli ultimi calcoli, costerebbe al settore pan-europeo dell’automotive qualcosa come 110 miliardi di Euro di perdite a livello commerciale nei prossimi cinque anni, mettendo a rischio posti di lavoro in un settore che garantisce occupazione a 14,6 milioni di persone, 1 posto di lavoro su 15 sia in UE che in UK”.

Le principali associazioni che rappresentano i costruttori di autoveicoli e di componenti dell’Unione Europea, ACEA (Associazione europea dei costruttori di autoveicoli) e CLEPA (Associazione europea della componentistica automotive), insieme a 21 associazioni nazionali comprese l’associazione inglese dell’automotive (SMMT), l’associazione dell’industria automotive tedesca (VDA), il comitato dei costruttori di auto francese (CCFA) e la Plateforme automobile francese (PFA) avvertono oggi “che il settore potrebbe subire pesanti ripercussioni. Infatti, l’economia e i posti di lavoro al di là e al di qua della Manica rischiano un secondo devastante colpo, derivante dall’assenza di un accordo, che andrebbe ad aggiungersi ai circa 100 miliardi di euro di valore della produzione persi finora, quest'anno, a causa della crisi dovuta al coronavirus”.

Senza un accordo al 31 dicembre, entrambe le parti sarebbero costrette a commerciare secondo le cosiddette regole non preferenziali dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), tra cui un dazio del 10% sulle auto e fino al 22% su veicoli commerciali leggeri e autocarri.

“Queste tariffe doganali - molto più alte dei ridotti margini della maggior parte dei produttori - dovrebbero quasi certamente essere trasferite sui consumatori, rendendo i veicoli più costosi, riducendo le possibilità di scelta e incidendo sulla domanda. Inoltre, anche i fornitori automotive e i loro prodotti saranno colpiti da queste tariffe che renderanno la produzione più costosa oppure porteranno ad un aumento delle importazioni di componenti da altri Paesi competitivi".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Auto: nei prossimi 5 anni Audi lancerà 25 modelli elettrificati

In occasione dei Campionati Mondiali di Sci 2021 Cortina D’Ampezzo è diventata un luogo privilegiato di discussione e sperimentazione sul tema della mobilità. Anche Audi ha deciso...

Il mercato europeo dell'auto apre il 2021 con un calo del 25,7%

Non ci sono buone notizie per il mercato automotive europeo di inizio 2021.Secondo i dati diffusi da Acea e comunicati in Italia da Anfia, infatti, l’insieme dei Paesi dell’Unione europea...

Skoda: la nuova versione Sportline della ENYAQ iV

Alla gamma elettrica ENYAQ di Skoda si aggiunge anche un modello decisamente sportivo, la Skoda ENYAQ Sportline iV. Tre le opzioni di propulsione: il motore elettrico della Sportline iV 60 aziona le...

Turchia: nel 2020 4,6 miliardi di investimenti dall’estero. Italia primo investitore

Nel periodo gennaio-novembre 2020, la Turchia ha registrato 4,6 miliardi di dollari di investimenti dall’estero. La stima è del ministero del Commercio e della Banca centrale del...

Skoda: prime anticipazioni sulla nuova versione di Fabia

In primavera arriverà in casa Skoda la nuova Fabia e, nell’attesa, il marchio ceco ne anticipa qualche dettaglio. Le caratteristiche della nuova versione di Skoda Fabia Le proporzioni...

Fiat: verso l'elettrificazione dell'intera gamma

Fiat è ormai lanciatissima sulla via dell’elettrificazione e il successo di Nuova 500 full electric lo dimostra. Massimo De Donato ha parlato del presente e del futuro del brand con...

Automotive: i dati Anfia sulla produzione industriale per l'anno 2020

Anfia ha reso noti i dati sulla produzione industriale italiana relativi all’anno 2020 e ha messo in luce una flessione del 2% rispetto all’anno precedente. In questo quadro complessivo...

Auto, Acea: il crollo del 2020 ha inciso solo su diesel e benzina. Elettriche in ascesa in Ue

Nel 2020 in Europa è stato venduto un milione di auto elettrificate e quasi un vettura su sei è risultata essere ad alimentazione a batteria. È questo uno dei dati più...