Autotrasporto, ANITA: scongiurato l’aumento indiscriminato dei pedaggi autostradali sul Brennero

giovedì 8 febbraio 2018 12:43:20

"Ben consci che l’Italia esporta il 70% delle sue merci verso i Paesi della UE, di cui la gran parte verso i Paesi nordici, un efficiente e libero transito attraverso il Brennero senza contingentamenti o limitazioni è essenziale per l’economia italiana". E' il commento dell'Associazione Nazionale ANITA in merito al Brenner Meeting di Monaco lo scorso 5 febbraio. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha detto che se ci saranno aumenti dei pedaggi, essi dovranno essere scaglionati nel tempo e tener conto dell’impatto ambientale dei mezzi. L'Associazione Nazionale Imprese trasporti Automobilistici ha manifestato quindi soddisfazione per "la lungimiranza del Ministro Delrio e di quello della Germania Joachim Hermann, che non hanno ceduto alle pressioni dei governatori locali del Trentino Alto Adige e del Tirolo in tema di aumenti indiscriminati dei pedaggi".

"Riteniamo che questo significhi che se ci saranno aumenti dei pedaggi - ha commentato il presidente di ANITA Thomas Baumgartner -, i più moderni veicoli con motori Euro 6 (che in termini di emissioni Nox sono addirittura migliori rispetto alle vetture che hanno la stessa motorizzazione) saranno esclusi da possibili aumenti. Chi ha investito nell’ammodernamento delle proprie flotte, infatti, non deve essere penalizzato” Baumgartner apprezza anche la proposta fatta dal Presidente dell’Alto Adige Arno Kompatscher di aumentare l’offerta di 100 treni intermodali al giorno a prezzi competitivi, per permettere ai trasportatori di utilizzare la modalità ferroviaria.

"Occorre però imitare il modello svizzero - ha concluso Baumgartner -, dove in attesa del funzionamento a pieno regime della galleria del San Gottardo, che consentirà di impiegare treni più efficienti con lunghezze di 750 mt e 2.000 ton di peso, ogni unità trasportata con il sistema intermodale viene sovvenzionata fino ad un terzo dei costi ferroviari, mentre per il sistema della autostrada viaggiante (RO-LA) addirittura fino a due terzi. Senza questo incentivo non sarà possibile raggiungere l’obiettivo di un modal split 50/50 per il 2027, senza danneggiare irreparabilmente l’economia italiana con misure dirigistiche".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Camion e logistica: Anita e Forza Italia si confrontano su un programma di sviluppo del settore

giovedì 22 febbraio 2018 11:23:09
Sostenibilità e sicurezza, innovazioni, intermodalità e competitività delle imprese sono alcune delle priorità che Anita individua...

Trasporto merci e persone: il 2018 si apre con un calo del’1,1% di emissioni Co2

mercoledì 21 febbraio 2018 12:49:57
A gennaio 2018 le emissioni di Co2 derivate dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione sono calate di quasi 80.000 tonnellate (79.215 tonnellate per...

Fabrizio Palenzona è il nuovo presidente di Conftrasporto

mercoledì 21 febbraio 2018 14:45:21
Fabrizio Palenzona è il nuovo presidente di Conftrasporto,  la confederazione dei trasporti e della logistica che fa capo a Confcommercio....

Camion, allarme di Trasportounito: imprese indebitate a causa dei pagamenti a 100 giorni

martedì 20 febbraio 2018 11:19:06
"Ogni mese le imprese italiane di autotrasporto anticipano alla committenza, ovvero a chi deve far trasportare la sua merce, oltre 3 miliardi di euro. E ormai...

Camion: Filt Cgil, più controlli e sanzioni contro l'illegalità. 26 febbraio presidio al Mit

martedì 20 febbraio 2018 13:48:09
“Sono ancora pochi i controlli e le ispezioni sulle imprese di autotrasporto rispetto al numero di aziende che circolano su strada e servono più...