Autostrade del Mare al centro di un intervento dell’Aitras a Bruxelles

CONDIVIDI

mercoledì 4 dicembre 2019

Nel corso di una recente riunione informale a Bruxelles presso il Parlamento europeo, l’A.I.TRAS. Associazione Italiana Trasportatori, radicata in Sicilia, ha focalizzato il tema autostrade del mare.

L’associazione ha chiesto di trovare una soluzione che permettesse di reintrodurre il contributo diretto agli autotrasportatori che preferiscono la modalità di trasporto combinato strada-mare a tutto-strada, per i vantaggi che, secondo l’Aitras, ne conseguirebbero: “Generale per la collettività in termini di sicurezza stradale e rispetto per l’ambiente, particolare per la categoria degli autotrasportatori che sarebbero in grado di rispettare le ore di guida/riposo imposte dal Codice della Strada, particolarmente per i trasporti di merce agroalimentare e, conseguentemente, un ulteriore beneficio che i produttori ortofrutticoli che non si vedrebbero tagliati fuori da molti mercati italiani ed europei”.

La Commissione ha condiviso le argomentazioni dell’A.I.TRAS., rappresentata in questa sede da Salvatore Bella e Maria Giovanna Termini, la quale ha evidenziato anche come la misura richiesta “sia necessaria alla luce del fallimento della misura simile in corso, ovvero il Marebonus il quale, oltre ad essere diretto e mediato dalle compagnie di navigazione, non ha prodotto nessuno degli obiettivi prefissati, praticamente un fallimento. Inoltre, data la particolare situazione geografica della Sicilia e il suo carattere di insularità, essa rientra nelle regioni remote. Da non sottovalutare in Sicilia il rapido peggioramento della rete infrastrutturale viaria e l’assenza di treni ad alta velocità che non lasciano alternativa al trasporto via mare”.

In passato sia il “ticket ambientale” siciliano, sia l’“ecobonus” nazionale hanno incontrato il veto dell’Ue e quindi sono stati bloccati dopo tre anni in quanto “aiuti di Stato” perché inquadrati come misure “start-up”. Durante la riunione i rappresentanti della Commissione europea hanno evidenziato come la normativa che impediva la proroga dei contributi è obsoleta e che invece viene considerato il più recente orientamento della stessa Ue che per analoga misura nel settore ferroviario ha concesso varie deroghe. Ciò in virtù di un diverso inquadramento dell’aiuto visto come intervento per il fallimento del mercato geografico e per evitare i costi esterni (inquinamento e congestionamento stradale).

“Pertanto – scrive ancora l’Aitras -  invitiamo la Regione Siciliana ad elaborare e presentare l’intervento che intende attuare in Sicilia per le Autostrade del Mare, consapevoli del fatto che la Commissione europea, alla presenza delle condizioni richieste dalla normativa UE, potrà concedere una deroga motivata”.

Tag: marebonus

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Autotrasporto, carenza conducenti: Confapi Fvg, positiva l'agevolazione per conseguire la CQC

La carenza di conducenti che si sta riscontrando da tempo nel comparto autotrasporto si fa sentire anche in Friuli Venezia Giulia. Oggi nelle imprese di autotrasporto di merci l'età media del...

Marebonus, determinato il contributo per la seconda annualità. Il Mit eroga le risorse agli armatori

Stabilito l’importo per la seconda annualità del contributo per l’intermodalità marittima Marebonus: per il periodo compreso tra dicembre 2018 e dicembre 2019, il contributo...

Incentivi automotive 2021: ecco quali saranno i bonus per gli automobilisti

Gli incentivi automotive introdotti dal Governo la scorsa estate hanno dimostrato la loro efficacia. Basti considerare che i fondi a disposizione per alcune fasce sono andati esauriti in poche...

Seggiolini auto: ancora poche settimane per richiedere il bonus

C'è tempo fino al 31 dicembre 2020 per fare richiesta per il bonus seggiolini. Finora sono oltre 350 mila le registrazioni effettuate sulla piattaforma www.bonusseggiolino.it per...

Autotrasporto, investimenti 2020/2021: ecco l'elenco delle domande per gli incentivi

Pubblicato l’elenco delle domande di accesso all’incentivo con cui le imprese di autotrasporto hanno prenotato le somme previste (poco più di 61 milioni di euro) nella prima...

Anfia-Federauto-Unrae: rinnovare incentivi auto con la prossima Legge di Bilancio

Il mercato auto è fermo. L’emergenza sanitaria e l’esaurimento degli incentivi fanno crollare gli ordini e riportano il settore in profonda crisi. Da tutto il Paese giungono...

Camion, contributi rinnovo parco: ricompresi i veicoli Euro 6 D TEMP tra i mezzi incentivati

All'interno dei finanziamenti previsti per gli incentivi del rinnovo del parco veicolare sono stati ricompresi i veicoli euro 6 D TEMP di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5...

Autotrasporto: incentivi agli investimenti, le imprese possono presentare domanda dall'11 novembre

Le imprese di autotrasporto merci in conto terzi potranno presentare via Pec le domande per gli incentivi per il rinnovo del parco mezzi con veicoli ecologici dalle ore 10 dell’11...