Aggancio di semirimorchi nei porti: precisazioni del Mit per i mezzi non immatricolati in Ue

venerdì 31 maggio 2019 13:35:00

Sono state fornite alcune precisazioni da parte del ministero dei Trasporti in materia di aggancio da parte di imprese con sede in Ue, nei porti italiani, di semirimorchi immatricolati in Paesi non appartenenti all'Unione europea, giunti via mare e destinati in altro Stato membro.

Il percorso del semirimorchio dallo Stato di carico non appartenente all'Unione europea all'Italia, con lo sbarco in un porto nazionale per una destinazione verso altro stato membro (prima parte del viaggio), costituisce un trasporto di merci tra tale stato extra UE e l'Italia stessa in quanto il semirimorchio accede in territorio italiano.

Il trasporto, pur pervenendo via mare, può quindi essere eseguito solo nel quadro dell'accordo bilaterale tra l'Italia ed il Paese terzo interessato (per esempio Turchia), di conseguenza, il semirimorchio, per accedere nel territorio italiano deve essere accompagnato da una valida autorizzazione debitamente compilata facente parte del contingente bilaterale scambiato tra l'Italia ed il Paese terzo, purché idonea a consentire il trasporto in questione.

La prosecuzione del viaggio del semirimorchio in transito in territorio italiano verso la sua destinazione finale (per esempio la Spagna), potrà essere assicurata in regime di licenza comunitaria da un'impresa stabilita in uno Stato membro dell'Unione europea con un veicolo a motore che aggancia nel porto di arrivo il semirimorchio, in modo che il complesso veicolare in questione completi il trasporto con l'accompagnamento della copia conforme della licenza comunitaria intestata al vettore che ha in disponibilità il veicolo a motore.

Le Autorità di controllo devono quindi (in ambito portuale) verificare che il semirimorchio/rimorchio in questione sia accompagnato al momento dell'ingresso in territorio italiano, da una valida autorizzazione dei contingenti bilaterali che legittimi l'ingresso del veicolo isolato in questione ed apporre sulla stessa il timbro che ne testimonia l'utilizzo. Successivamente a tale formalità, e ferme tutte le altre di diversa natura, il rimorchio/semirimorchio potrà essere agganciato da un veicolo a motore immatricolato in un Paese dell'Unione europea per il transito in Italia con destinazione verso altro stato membro.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Decreto Genova: ecco come presentare le domande di ristoro per l'autotrasporto 2019-2020

giovedì 20 febbraio 2020 11:17:34
Sono state rese pubbliche sul sito dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, le Linee guida per la presentazione delle...

Matera: controlli su bus e camion, multe per eccesso di velocità e uso del tachigrafo

giovedì 20 febbraio 2020 14:20:18
Intensificate in provincia di Matera le verifiche sui mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci, sugli autobus e sui veicoli destinati al trasporto di merci...

Trasporto merci, sul podio i minerali metalliferi e altri prodotti di miniere e cave

mercoledì 19 febbraio 2020 11:01:13
Quali sono le merci più trasportate in Italia? Secondo un’elaborazione del Centro Studi Continental, sulla base dei dati più recenti resi...

Trasportounito: crollo dei traffici dopo il Coronavirus, piano di emergenza per l'autotrasporto

lunedì 17 febbraio 2020 12:36:58
Un piano di emergenza per arginare le difficoltà sopraggiunte nel settore autotrasporto dopo la diffusione del Coronavirus.Lo sta mettendo a punto...

Brennero: Uggè (Conftrasporto), siamo ostaggio dell’Austria da almeno 30 anni

lunedì 17 febbraio 2020 13:43:57
Confcommercio-Conftrasporto chiede all'Europa risposte sulle difficoltà che emergono dalle limitazioni al Brennero per i mezzi pesanti. “Il...