Comune di Napoli: necessaria integrazione tra azioni per la qualità dell'aria e politiche di mobilità e trasporti

CONDIVIDI

venerdì 10 luglio 2020

Il presidente della Commissione Ambiente del Comune di Napoli, Marco Gaudini, ha incontrato l’assessore all’Ambiente, Raffaele Del Giudice, per discutere della delibera dedicata al programma di azioni per il miglioramento della qualità dell’aria, che la Giunta ha approvato lo scorso 18 giugno e che aggiorna un provvedimento sulla stessa tematica approvato nel 2015.

Una delibera – ha spiegato Gaudini – molto “spinta” sul versante dei divieti e che necessita, per i suoi scopi ultimi di miglioramento della vivibilità cittadina e di salvaguardia della salute pubblica, di integrarsi e coordinarsi, meglio se in una dimensione metropolitana, con le politiche della mobilità e dei trasporti, in modo da offrire alternative praticabili ai divieti di circolazione.

In particolare, occorre coordinarsi con la Città Metropolitana, visto che il principale problema è costituito dall’ingresso massiccio in città di auto private e di mezzi di trasporto merci di grandi dimensioni e inquinanti. Nel presentare la delibera, l’assessore Del Giudice ha assicurato che l’atto, che attiene agli obblighi di legge in merito alla tutela della salute pubblica e alla lotta ai cambiamenti climatici, è stato adottato in sinergia con gli assessori competenti in materia di Mobilità e Trasporti, che stanno lavorando sul Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e sulle misure alternative ai divieti.

Il provvedimento, accompagnato da corposi studi di carattere scientifico - spiega l'amministrazione - raccoglie le indicazioni dei ministeri dell’Ambiente e della Salute e aggiorna le misure precedenti, prevedendo divieti anche per i motori diesel che nella precedente regolamentazione non erano menzionati.

La delibera contiene sia misure strutturali per limitare il traffico veicolare, sia misure che scatteranno in modo graduale nel caso di superamento dei limiti consentiti per l’inquinamento dell’aria. Negli ultimi tre anni, ha precisato l’assessore, le centraline dell’Agenzia Regionale del Controllo Ambientale hanno registrato solo sforamenti puntuali, indice di un complessivo miglioramento della qualità dell’aria.

La delibera va anche vista nel contesto di altre misure di contenimento dell’inquinamento, come quelle concordate con l’Autorità Portuale affinché le navi, a tre miglia dal Porto, usino combustibile a basso contenuto di zolfo, quelle connesse alla campagna in corso sul monitoraggio e controllo degli impianti di riscaldamento e raffreddamento e quelle che prevedono incentivi per l’efficientamento energetico e la promozione di mezzi alternativi per la mobilità.

L’esperienza del blocco veicolare nella fase dell’emergenza sanitaria ha dimostrato un dato scientifico incontestabile - ha concluso l’assessore -: l’ambiente migliora se si fermano le attività antropiche. Certo, il mondo non si può bloccare, e quindi occorrono misure fondate su un complesso lavoro di classificazione e schematizzazione, che con gradualità migliorino la qualità dell’aria e contrastino le conseguenze del cambiamento climatico.

 

Tag: emissioni co2, ambiente

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

CO2: arriva in aiuto la tecnologia per la riduzione delle emissioni

Quale è il potenziale della tecnologia per ridurre le emissioni di CO2? E quali sono i costi per la riduzione dei livelli di emissioni di CO2 dei veicoli? Secondo uno studio condotto...

Mobilità elettrica: in Ue pochi punti di ricarica

Lungo le reti stradali nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue scarseggiano punti di ricarica elettrica. Lo dicono i nuovi dati dell'Associazione europea dei produttori di automobili (Acea). I...

Carburanti: arriva Rimula R7, l'olio motore Shell di nuova generazione per i mezzi pesanti

Maggiore risparmio di carburante, controllo dell’ossidazione, protezione contro la corrosione e pulizia dei pistoni migliorata del 36%: Shell potenzia la gamma di oli ad alte prestazioni per...

Decarbonizzazione trasporto marittimo: la proposta dell'International Chamber of Shipping

Una tassa globale sulle emissioni di carbonio delle navi. La propone l'ICS-International Chamber of Shipping, che rappresenta le associazioni nazionali degli armatori mondiali e oltre l'80% della...

Veicoli elettrici: la Bers finanzia 650 milioni per la produzione di Ford Otosan

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) finanzia l’azienda turca Ford Otosan con un prestito di 650 milioni di euro per la  produzione di una gamma di varianti ibride...

Veicoli elettrici a batteria: Scania pubblica una valutazione dell'impatto ambientale

La produzione del veicolo elettrico a batteria comporta un maggiore impatto ambientale, soprattutto a causa della realizzazione delle celle batteria, attività altamente energivora. Nonostante...

Stop benzina e diesel in Ue, Acea: no allla cultura del divieto

L'Acea, Associazione europea dei costruttori auto, è intervenuta sul dibattito in vista della revisione degli standard di CO2 per auto e furgoni prevista per il mese prossimo (ne avevamo...

Eurovignette: l'Ue raggiunge un accordo sulla revisione delle norme

Raggiunto l’accordo in sede europea sulla revisione delle norme in materia di tariffazione stradale (direttiva Eurobollo). L'intesa tra Consiglio e Parlamento europeo punta a promuovere...