Automotive: produzione italiana in calo a giugno 2020 (-39,4%)

CONDIVIDI

giovedì 6 agosto 2020

A giugno 2020, secondo i dati Istat, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un calo tendenziale del 39,4%, mentre chiude il primo semestre del 2020 a -39,6% (la stessa variazione tendenziale del periodo gennaio-maggio 2020).
Guardando ai singoli comparti produttivi del settore, la fabbricazione di autoveicoli vede il proprio indice in flessione del 39,8% a giugno 2020 rispetto a giugno 2019, mentre diminuisce del 43,6% nel cumulato 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019; quello della fabbricazione di carrozzerie per autoveicoli, rimorchi e semirimorchi cala del 13,6% nel mese e del 34,3% nel cumulato e quello della fabbricazione di parti e accessori per autoveicoli e loro motori diminuisce del 43,8% nel mese e del 38,2% nel cumulato.

Secondo i dati preliminari di Anfia, a giugno 2020 la produzione domestica di autovetture in Italia risulta inferiore del 64% rispetto ai volumi di giugno 2019. La produzione nei primi sei mesi dell’anno si riduce così del 56% rispetto alla prima metà del 2019. Della produzione totale di autovetture prodotte, il 55% è destinata all’estero, (era il 51% nel primo semestre 2019). Il totale degli autoveicoli prodotti cala del 47% ed il 69% della produzione è destinato all’export. Il comparto produttivo automotive si colloca nel contesto di una produzione industriale italiana complessiva in calo da sedici mesi consecutivi: anche a giugno 2020, infatti, l’indice della produzione industriale nel suo complesso registra un calo a doppia cifra, -13,7%, e risulta in flessione del 18,3% nel primo semestre 2020, a livello tendenziale.

Gli ordinativi totali dell’industria in senso stretto (escluso il comparto Costruzioni), presentano un calo tendenziale del 34,7% a maggio (ultimo dato disponibile), con riduzioni su entrambi i mercati (-34,4% la componente interna e -35,2% la componente estera). La variazione negativa più ampia si rileva per il settore dei mezzi di trasporto (-48,3%).
Per il settore automotive nel suo complesso, gli ordinativi registrano una flessione tendenziale del 49,2% a maggio, con una componente interna in calo del 50,0% e una componente estera a -48,2%. Nei primi cinque mesi del 2020 gli ordinativi calano del 35,5%, con una componente interna in ribasso del 37,4% (-33,4% i mercati esteri).

Per le parti e accessori per autoveicoli e loro motori, gli ordinativi registrano un decremento del 50,7% a maggio (-53,0% per il mercato interno, -48,5% per il mercato estero), e del 30,7% nel cumulato (-35,2% mercato interno e -26,9% mercato estero).
A maggio 2020 (ultimo dato disponibile), inoltre, l’export di autoveicoli dall’Italia vale 1,05 miliardi di Euro, il 46% in meno rispetto allo stesso mese del 2019, pari al 3,4% del totale esportato, mentre l’import vale 1 miliardo di Euro (-69%) e il 4% del totale importato in Italia. La Germania rappresenta, in valore, il primo Paese di destinazione dell’export di autoveicoli per l’Italia, con una quota del 20%, seguita da USA e Francia, con quote, rispettivamente, del 18% e del 15%.
Il fatturato del settore automotive nel suo complesso, infine, presenta una variazione negativa del 52,5% a maggio (-54,8% il fatturato interno e -49,3% quello estero). Nei primi cinque mesi del 2020, il fatturato cala del 37,2% (-40,0% il fatturato interno e -33,8% quello estero).

Infine, il fatturato delle parti e accessori per autoveicoli e loro motori presenta un decremento del 49,2% nel mese di maggio, (-54,1% la componente interna e -44,5% la componente estera). Nei primi cinque mesi del 2020 l’indice del fatturato registra una flessione del 33,6%, con una componente interna in diminuzione del 38,3% (-29,5% il fatturato estero).

Tag: anfia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Anfia: a maggio cresce il mercato di autocarri, trainati e bus. Ma il confronto è con l'anno nero del Covid

Cresce a maggio 2021 il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati: lo conferma Anfia nel suo confronto con lo stesso mese del 2020 (che ricordiamo però essere stato intaccato pesantemente...

Anfia: la produzione dell'industria auto perde il 5,7% nei primi mesi del 2021

La produzione dell’industria automotive italiana sembra in crescita ma il segno più è dato solo dato dal confronto con il 2020, l’anno interessato dalle misure di...

Mercato auto: si aggrava la crisi, a maggio calo del 27,9%. Anfia, Federauto e Unrae chiedono incentivi

Il mercato italiano dell'auto è in affanno. I dati di maggio evidenziano le difficoltà a risollevarsi dalla crisi e annullano il tentativo di ripresa dei mesi scorsi sostenuto dagli...

Automotive: Anfia e Amica siglano un accordo per lo sviluppo delle filiere di Italia e Marocco

Un accordo di collaborazione per lo sviluppo delle filiere automotive dei Paesi Italia e Marocco. L'hanno firmato le associazioni AMICA (Associazione Marocchina per l’Industria Automotive e i...

Al via in Campania Borgo 4.0, il laboratorio per la smart mobilty

Ricerca, sviluppo, sperimentazione sul campo. Tecnologia e innovazione in tema di guida autonoma e connessa in un laboratorio a cielo aperto. È questo, e molto altro, il progetto Borgo 4.0...

Decreto Sostegni: Anfia, Federauto e Unrae criticano l'assenza di investimenti nell'automotive

La transizione ecologica e lo sviluppo di una mobilità sostenibile nel nostro Paese sono processi che devono essere supportati anche dall'applicazione di incentivi statali.  Questa la...

Anfia: ad aprile forte rialzo per il mercato degli autocarri

Il confronto con il picco negativo raggiunto dal mercato autocarri durante lo scorso anno a causa della pandemia, fa registrare nel 2021 rialzi mensili importanti e costanti. Dopo una chiusura...

Mercato auto in calo rispetto al 2019. Gli incentivi non assorbono il colpo pandemia

Ad aprile 2021 il mercato italiano dell’auto totalizza 145.033 immatricolazioni contro le 4.295 unità registrate ad aprile 2020, che aveva chiuso a -97,5%. L’andamento del bimestre...