Revisioni auto: gli operatori lamentano scarsi guadagni

CONDIVIDI

venerdì 18 dicembre 2020

Quanto sono soddisfatti del loro business gli operatori delle officine di revisione?

Molto poco, stando a quanto messo in luce all’indagine annuale sulle revisioni condotta dall’Osservatorio Autopromotec, che ha preso in esame le valutazioni di un campione rappresentativo di officine di revisione per accertare il grado di soddisfazione relativo all’attività di revisione svolta.

Dal sondaggio, infatti, è emerso che in una scala da 1 a 10, il voto medio attribuito dalle officine alla remuneratività del business è stato di 4,3, meno di quanto dichiarato nel 2019 quando il loto medio riconosciuto era di 5.

Ma quali sono i motivi di questo scontento? Chiaramente il primo motivo riguarda l’evidenza di un 2020 particolarmente difficile per il settore delle revisioni e dell’autoriparazione in generale, il cui business si è mantenuto su livelli bassi a causa delle stringenti limitazioni alla circolazione per contenere la diffusione del Covid-19.
Il secondo motivo è da ricercare nel fatto che la tariffa in vigore per le revisioni è stata fissata in 45 euro dal 2008 e da allora non è stata più aggiornata. Si tratta, probabilmente, di un compenso che non era adeguato in origine e lo è ancor meno oggi, soprattutto se si considera che le auto di nuova generazione sono sempre più sofisticate e quindi è maggiore il grado di complessità cui si va incontro al momento di effettuare la revisione.

Dall’indagine, poi, emerge come non siano particolarmente soddisfacenti anche le valutazioni sull’apporto di lavoro di officina (il voto medio attribuito a quest’ aspetto è stato di 5,5) e sulla possibilità di entrare in contatto con potenziali acquirenti (voto 5,5). Fa eccezione invece il riflesso sull’immagine dell’azienda del gestire l’attività di revisione per conto dello Stato. Questo aspetto legato all’attività di revisione è indubbiamente considerato dalle officine un importante elemento distintivo rispetto al resto della rete di assistenza e infatti il voto medio attribuito è stato di 6,9 (in aumento rispetto al punteggio di 6,7 ottenuto nel 2019).

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Stop controlli al Brennero: non più necessari test e tamponi per i conducenti

Il Tirolo non è più considerato zona di mutazione del virus COVID-19 dalla Germania, ma solo zona di rischio. Quindi, per i conducenti di mezzi pesanti che entrano in Germania...

Noleggio, Aniasa: un piano d'emergenza per salvare la stagione estiva

Il noleggio in tempo di Covid-19, con specifico riferimento a quello a breve termine che si associa spesso al turismo, ha subito una flessione davvero consistente. È per questo che, a ridosso...

Covid-19: test obbligatorio per chi entra in Spagna dalla Francia

  Per chiunque entri in Spagna dalla Francia via terra sarà obbligatorio effettuare un test Covid-19. Lo stabilisce una nuova normativa pubblicata sulla Gazzetta ufficiale secondo cui i...

Covid-19 e trasporto merci pericolose: arrivano deroghe alle scadenze di patenti e certificati

Il MIMS ha sottoscritto accordi multilaterali in tema di trasporto nazionale e internazionale di merci pericolose su strada (ADR), promossi in ambito internazionale da alcuni Paesi. Lo ha comunicato...

Turismo: la nave da crociera è l'unica zona verde d'Italia

In un'Italia a zone gialle, arancioni e rosse le navi da crociera sono l'unica zona verde. È quanto ha sostenuto Ticketcrociere, l'agenzia di viaggi attiva nel settore, in un suo messaggio ai...

Costa Crociere: ripartenza rimandata al 1° maggio

Cambio di programma per Costa Crociere: dopo l'annuncio di ripartenza previsto per il 27 marzo (ne avevamo parlato qui), la compagnia ha deciso di far slittare ancora le sue crociere a causa della...

Roma: zona rossa, nel fine settimana intensificati controlli anti assembramento

A Roma intensificati i controlli contro gli assembramenti. Il piano prevede posti di blocco ai caselli autostradali e punti di controllo delle forze dell'ordine per monitorare l'afflusso verso...

Msc: dal 20 maggio ripartono le crociere nel Regno Unito

MSC Crociere ritorna a navigare nel Regno Unito. La compagnia ha infatti annunciato che dal 20 maggio 2021 offrirà ai crocieristi britannici una serie di crociere brevi e settimanali che, per...