Le raccomandazioni dei costruttori europei per la revisione della direttiva ITS

CONDIVIDI

venerdì 22 aprile 2022

Negli ultimi 10 anni, la direttiva sui sistemi di trasporto intelligenti (Direttiva ITS) ha rappresentato il quadro normativo di riferimento per accelerare e coordinare la diffusione e l'uso degli ITS per il trasporto su strada, nonché le sue interfacce con altri modi di trasporto.

Nonostante ciò, presenta alcune limitazioni, come evidenziato nella valutazione d'impatto della Commissione Europea, in particolare per quanto riguarda: interoperabilità; continuità dei servizi; cooperazione tra le parti interessate; disponibilità e condivisione dei dati a supporto dei servizi ITS.

In questo contesto, l'Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA) accoglie con favore la proposta della Commissione per la messa a punto di opportuni correttivi. La proposta – rileva ACEA – si concentra, infatti, su una serie di questioni riguardanti il miglioramento della sicurezza stradale e, allo stesso tempo, assicura la coerenza con le altre politiche dell'UE che dipendono dalle comunicazioni radio lungo la rete stradale europea.

Le case automobilistiche europee esprimono preoccupazione in particolare per l'ampia estensione del potere della Commissione di adottare atti di diritto derivato.

Preoccupazione anche per i maggiori obblighi previsti per i fornitori di servizi ITS, senza un aumento corrispondente negli obblighi degli Stati membri. Obblighi che non si traducono però in un maggiore coinvolgimento dei fornitori di servizi ITS nel processo decisionale, che invece ACEA ritiene essenziale per servizi ITS efficaci.

Per ovviare a queste criticità, ACEA ha predisposto un position paper che contiene 14 raccomandazioni:

  • Completare la predisposizione dei punti di accesso nazionali (NAP)
  • Armonizzare i NAP, così come i formati dei metadati NAP
  • Definire un piano per centralizzare la condivisione dei dati tra i NAP
  • Stabilire un piano d'azione per l'adozione delle specifiche ITS in consultazione con i fornitori di servizi ITS, con un calendario per l'adozione degli atti delegati pertinenti
  • Dare priorità all'adozione delle specifiche C-ITS
  • Includere una chiara definizione delle situazioni di emergenza che giustifichino l'adozione di misure provvisorie
  • Introdurre controlli ed equilibri sui poteri di emergenza della Commissione, compreso un termine di sei mesi per le misure provvisorie adottate, e la consultazione dei fornitori di servizi ITS prima e durante il periodo di emergenza
  • Dare priorità alla distribuzione dei servizi "essenziali" e fornire garanzie di base per i fornitori di servizi ITS che dovrebbero condividere i dati con i NAP
  • Adottare ulteriori garanzie per i fornitori di servizi ITS che dovrebbero condividere i dati privati con i NAP
  • Rivedere le specifiche per eCall per riflettere la necessità di passare alla tecnologia eCall di prossima generazione e garantire la continuità del servizio durante il periodo di transizione
  • Coinvolgere i fornitori di servizi ITS in tutte le attività ITS in modo tempestivo e significativo
  • Coinvolgere i fornitori di servizi ITS nel comitato ITS dell'UE
  • Consultare e coinvolgere il comitato consultivo ITS nello sviluppo del piano d'azione ITS e nell'adozione di tutto il diritto derivato
  • Aggiornare i principi di interoperabilità e maturità (allegato II) e aggiungere il principio di neutralità tecnologica
Tag: acea, its

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Veicoli commerciali: mercato europeo ancora giù a ottobre (-8,5%)

Resta negativo il mese di ottobre per il mercato europeo dei veicoli su gomma.  Si tratta del sedicesimo mese consecutivo. A ottobre - secondo i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori...

Acea: a settembre nuovo calo per il mercato Ue dei veicoli commerciali (-6,6%)

Si tratta del quindicesimo calo mensile consecutivo, secondo i dati di Acea, la European Automobile Manufacturers Association. A settembre le nuove immatricolazioni di veicoli commerciali nell'Ue...

Mercato auto europeo: secondo mese in rialzo, +7,9% a settembre

In Europa, a settembre, le immatricolazioni di auto ammontano a 1.049.926 unità, il 7,9% in più rispetto a settembre 2021. Nel periodo gennaio-settembre 2022, i volumi immatricolati...

Mercato europeo dei veicoli commerciali ancora in calo: a luglio -17,4%, agosto -8%

Continua il calo delle immatricolazioni di veicoli commerciali nell'Unione Europea, segnando quattordici mesi consecutivi di flessione. I dati Acea, Associazione europea dei costruttori di...

Mercato europeo veicoli commerciali di nuovo in calo: a giugno -22,5%

  Ancora segno negativo per il mercato Ue dei veicoli commerciali. A giugno 2022, le immatricolazioni sono crollate del 22,5% rispetto allo stesso mese del 2021, registrando 144.210...

Veicoli commerciali: in Europa immatricolazioni in calo del 17,7% a maggio

A maggio ancora in calo in tutta l’Unione Europea le nuove immatricolazioni di veicoli commerciali, con vendite in diminuzione per l'undicesimo mese consecutivo. I nuovi veicoli immatricolati...

Infrastrutture di ricarica elettrica in Ue: l'Acea chiede una distribuzione più rapida e uniforme

L'Acea, l'associazione dei 16 principali costruttori automobilistici che operano in Europa, auspica un rapido aumento delle infrastrutture di ricarica, tassello fondamentale per "per...

Direttiva europea ITS: approvata la proposta di modifica

I Ministri dei Trasporti dell’Ue hanno approvato la modifica della direttiva relativa alla diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti (ITS), proposta dalla Commissione europea a dicembre...