Il car sharing crea spazio urbano: lo studio del MIT di Boston

CONDIVIDI

mercoledì 9 dicembre 2020

I numeri dello sharing in Italia stanno crescendo.
Secondo gli studi più recenti, infatti, la condivisione, se si considerano tutti i modi di trasporto, conta attualmente ben 5 milioni di utenti.
Gli italiani fanno ricorso allo sharing – e in particolare al car sharing – soprattutto per esigenze economiche e pratiche, eppure esistono ben altri motivi per scegliere questa forma di mobilità.

La condivisione dei mezzi di trasporto permette, infatti, di risparmiare anche in termini ambientali e di vivibilità urbana: lo ha confermato uno studio del Massachusetts Institute of Technology di Boston.
Attraverso la condivisione le città trarrebbero respiro da spazi sempre più ampi, come quelli che ad oggi sono riservati ai parcheggi.


Massimo De Donato ne ha discusso con Carlo Ratti, professore del MIT tra i massimi esperti al mondo di sviluppo urbano, durante l’ultima puntata di Strade e Motori andata in onda su Radio 24.

Come raccontato da Ratti, ogni individuo negli Usa utilizza l'auto privata solo per il 5% del suo tempo e ciò implica che la vettura, per il 95% del tempo restante, sia lasciata inutilizzata ad occupare uno spazio. Lo sharing e in generale tutti i servizi di mobilità on demand, invece, permettono e permetteranno grande risparmio in termini di spazio, perché una sola auto, usata da più persone, resta ferma per pochissimo tempo.

Le città saranno quindi ridisegnate dallo sharing ma anche dal pieno sviluppo della guida autonoma che rivoluzionerà il pendolarismo, il modo di spostarsi e, conseguentemente, gli spazi urbani.

Tag: car sharing, smart mobility, ecosostenibilità, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Obiettivo mobilità integrata e sostenibile: accordo Trenitalia-TIER

TIER, operatore multinazionale di servizi di micro-mobilità condivisa, e Trenitalia (Gruppo FS Italiane) uniscono le forze per accelerare l’evoluzione della mobilità verso sistemi...

Progetto Next: la mobilità urbana del futuro sarà elettrica, modulare e flessibile

"I progetti in corso in Federico II, compreso quelli legati al neo-costituito Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, le lauree triennali e magistrali in particolare quella...

Servizi di ricarica elettrica in autostrada: l'Art approva le misure per le subconcessioni

L’Autorità di regolazione dei trasporti (ART) ha approvato le misure per la definizione degli schemi dei bandi relativi alle gare cui sono tenuti i concessionari autostradali per gli...

Ricarica mobile a domicilio per veicoli elettrici: parte il progetto di Enel x Way e E-GAP

Vacanze sostenibili anche dal punto di vista dei trasporti. All’Argentario, in Toscana, e a Santa Margherita Ligure, ad agosto, sarà possibile usufruire di un servizio innovativo grazie...

Sostenibilità: 27 camion a idrogeno Hyundai XCIENT Fuel Cell entrano nelle flotte di sette aziende tedesche

La Germania punta alla neutralità carbonica. Sette aziende tedesche nel settore della logistica, della produzione e della vendita al dettaglio inseriranno 27 camion a idrogeno Hyundai XCIENT...

Emissioni e trasporti: dall'Ue una consultazione pubblica per compiere scelte informate e più sostenibili

Facilitare la misurazione e il confronto delle prestazioni ambientali delle diverse modalità di trasporto. La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica su un'iniziativa volta a...

Turchia: il marchio automobilistico TOGG lancia un nuovo programma di accelerazione della mobilità

Automobile Joint Venture Group (Togg), il consorzio che sviluppa l'auto indigena della Turchia, ha annunciato una cooperazione con Plug and Play, la più grande piattaforma di innovazione...

Porti senza barriere: parte da Civitavecchia il progetto dedicato all'accessibilità

Porti senza Barriere è il nuovo portale dedicato all’accessibilità per le persone più fragili, quali anziani, persone con difficoltà motoria temporanea e portatori...