Federauto: l'infrastrutturazione elettrica delle autostrade è ferma al palo

CONDIVIDI

giovedì 7 ottobre 2021

I cambiamenti nel mondo dell’auto si susseguono veloci. La spinta all’elettrificazione, in particolare, è sempre più forte e impone tempi serrati. Eppure, secondo alcune associazioni del settore, l’infrastrutturazione del Paese sta al passo. 

Federauto, la federazione dei concessionari italiani, ha denunciato un’eccessiva lentezza nella realizzazione di una rete di ricarica elettrica in autostrada che rischio di rallentare la transizione ecologica.

Infrastrutturazione elettrica delle autostrade: il punto di Federauto

La legge di bilancio 2021 imponeva di realizzare sulle autostrade una rete di infrastrutture di ricarica ad alto potenziale entro il 30 giugno, ma il piano di copertura è bloccato.
L’Art (Autorità di Regolamentazione dei Trasporti) ha approvato una delibera e ha deciso di stabilire per fine febbraio 2022 la data ultima entro la quale pubblicare i requisiti per i bandi. Tempi che, secondo Federauto, sono inadeguati e incompatibili con quelli previsti dagli obblighi comunitari e nazionali.

Questa situazione, come affermato dalla federazione in una nota, ostacola in modo determinante la crescita del comparto e la transizione energetica, condizionando lo sviluppo di mercato dei veicoli elettrici, stante la esiguità dei punti di ricarica. Nelle tratte a lunga percorrenza: solo due su una rete nazionale di quasi 7.000 km.

“La transizione energetica poggia su due pilastri fondamentali: le politiche di incentivazione per il rinnovo del parco auto circolante e la diffusione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, sia nelle città che sulla rete autostradale. Senza queste leve non riusciremo a raggiungere gli ambiziosi obiettivi nazionali ed europei. In particolare, senza colonnine sarà molto difficile convincere gli italiani a comprare veicoli elettrici”, dichiara Adolfo De Stefani Cosentino, Presidente di Federauto, la Federazione italiana dei concessionari auto. Conclude De Stefani Cosentino: “E’ singolare che il PNRR punti giustamente sulla diffusione delle colonnine con un impegno di fondi e che, al tempo stesso, vengano ignorati degli impegni contenuti in una legge dello Stato. La mobilità elettrica non può essere solamente uno slogan, peraltro disatteso dai fatti”.

Tag: federauto

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Artusi (Federauto Trucks): raggiungere la neutralità climatica con carburanti carbon neutral

L’apertura all’inclusione dei carburanti rinnovabili tra quelli ammessi oltre il phase-out al 2035 di diesel e benzina per i veicoli commerciali leggeri da parte del Consiglio UE...

Fit for 55, Federauto: verso una mobilità a impatto zero con un approccio realistico

Un approccio ambizioso ma realistico alla transizione verso una mobilità a impatto climatico zero. Lo chiede Massimo Artusi, vicepresidente di Federauto, con delega ai Trucks&Van, alla...

Federauto Trucks: ecobonus per i veicoli commerciali misura difficilmente utilizzabile

L'ecobonus destinato all'acquisto dei veicoli commerciali rischia di restare inutilizzato. L'allarme è stato lanciato dal vicepresidente di Federauto con delega a Truck&Van, Massimo...

Misure autotrasporto: Federauto Trucks, interventi nella giusta direzione ma necessario accelerare

Il giudizio complessivo di Federauto sugli ultimi interventi del Governo per sostenere l'autotrasporto è positivo, ma allo stesso tempo l'associazione chiede di stringere i tempi per...

Federauto Trucks: proroga consegna veicoli passo importante per le imprese

"La proroga al 14 settembre delle consegne dei veicoli ordinati nell’ambito degli incentivi del Fondo Autotrasporto rappresenta un passo importante che evita un grave ed immeritato danno per le...

Federauto Trucks: bene proroga incentivi autotrasporto, ora necessario aprire tavolo criticità

I termini di consegna dei beni strumentali - inclusi camion, furgoni e autobus turismo - incentivati con il credito d’imposta al 10% e ordinati nel 2021, di cui è stato versato...

L'anno delle intese tra Governo e autotrasporto: l'auspicio di Federauto per il 2022

Rilanciare l'economia e contenere gli effetti del Covid. Questi, secondo il vicepresidente di Federauto con delega al settore Truck&Van, Massimo Artusi, sono gli obiettivi che  il Governo...

Transizione energetica: Federauto chiede un piano di accompagnamento per l'autotrasporto

Il Comitato interministeriale per la transizione ecologica-CITE ha fissato al 2040 la fine della vendita dei veicoli commerciali con motori a combustione interna (ICE) e la sostituzione entro il 2025...