Auto: in Italia cresce la rete dei centri autorizzati a effettuare le revisioni periodiche

CONDIVIDI

martedì 2 marzo 2021

L'Osservatorio Autopromotec segnala che la rete italiana delle officine autorizzate ad effettuare le revisioni periodiche è in crescita: in 10 anni registrato un aumento del 32,5%.

Dal 2011 al 2020 il numero dei centri autorizzati ad effettuare le revisioni periodiche degli autoveicoli è passato dalle 6.899 unità alle 9.143 unità.
I dati citati emergono da informazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il settore delle revisioni auto rappresenta un comparto chiave all’interno del più ampio panorama dell’aftermarket automobilistico e a cui spetta un compito fondamentale: quello di garantire la corretta manutenzione del parco circolante e di conseguenza di tutelare la sicurezza stradale.

La Sardegna in testa alla classifica regionale

Secondo l’Osservatorio Autopromotec, la crescita del numero delle officine autorizzate ad effettuare le revisioni è dovuta in particolare alla necessità di adeguare la rete di assistenza agli automobilisti alle esigenze del parco circolante italiano, che come è noto continua a crescere anno dopo anno tanto è vero che il nostro Paese presenta uno dei tassi di motorizzazione più elevati al mondo.

L’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec fornisce anche un prospetto sul tasso di crescita dal 2011 al 2020 del numero dei centri di revisione auto.

Ne emerge che la crescita riguarda tutte le regioni e che la regione in cui si è registrato il maggior incremento del numero di centri di revisione nel periodo considerato è la Sardegna (+54,7%). Alla Sardegna seguono, tutte sopra la media nazionale, la Liguria (+44,2%), la Campania (+42,3%), la Sicilia (+40,8%), il Lazio (+37,4%), la Calabria (+35%), la Lombardia (+34,4%) e la Puglia (+34,1%). In coda alla classifica, e quindi con la minor crescita del numero di centri di revisione, vi sono Friuli Venezia Giulia (+12,2%) e Valle d’Aosta (+5,3%).

Tag: autopromotec, ministero dei trasporti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti Adriatico: due progetti da 27mln di euro per favorire digitalizzazione e sostenibilità

Due progetti presentati dall'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale hanno ottenuto finanziamenti per oltre 27 milioni di euro. Il MIMS ha ritenuto i progetti...

Camion: pubblicati i costi di esercizio di marzo 2021

Il Mims ha diffuso l’aggiornamento del costo del gasolio per autotrazione, al netto dell’Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, utile per le fatturazioni di questo mese.Il...

Autotrasporto: Fai-Conftrasporto chiede di riprendere il confronto e convoca l’assemblea nazionale

Paolo Uggè, presidente della Federazione degli Autotrasportatori Italiani (Fai) che aderisce a Conftrasporto-Confcommercio, chiede di riprendere il confronto relativo alle singole categorie...

Noleggio: Aniasa in audizione alla Commissione Lavori Pubblici del Senato sul DL Trasporti

  Un confronto tra il MIMS e la filiera automotive per superare le attuali criticità e rendere disponibile un servizio realmente utile a cittadini ed imprese. Lo chiede l'associazione...

Tpl e Covid-19: ministro Giovannini propone tavolo permanente con Regioni, Province e Comuni

Verifica della situazione organizzativa del sistema di trasporto pubblico locale in relazione alla graduale riapertura delle attività scolastiche in presenza e analisi della gestione del...

MIMS: due commissioni di studio per infrastrutture sostenibili e cambiamenti climatici

Continua il percorso per la sostenibilità del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.Nella giornata di ieri, infatti, il ministro Enrico Giovannini ha istituito due...

Infrastrutture, Giovannini: l'Italia è davanti a una svolta epocale

L’Italia e l’Europa tutta si trovano davanti a una sfida epocale che è sembrata chiara anche ai referenti che hanno preso parte all’ultima riunione informale del Consiglio...

MIMS: la Direttiva amministrativa per il 2021 fissa i nuovi obiettivi

Il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili si è riorganizzato, a partire dal nome, e ha fissato le sue priorità politiche nella Direttiva per...