Unrae: le proposte per supportare l’automotive nella transizione energetica e digitale

CONDIVIDI

martedì 13 dicembre 2022

Numeri “depressi”, che ci riportano al mercato degli anni Settanta, che pongono seri problemi di sostenibilità occupazionale nel medio lungo periodo. Così il direttore generale di Unrae, Andrea Cardinali, illustrando i dati del mercato automotive 2022, in occasione della presentazione dell’Osservatorio Auto e Mobilità nato dalla collaborazione con Luiss Business School.

Il 2022 si preannuncia l’anno in cui il mercato auto nel nostro Paese toccherà il minimo storico, con all’attivo fino a novembre appena 1.300.000 autovetture immatricolate, ancora meno che nel 2020, l’anno delle chiusure legate al picco della pandemia da Covid-19.

Numeri che risentono non solo di una contrazione della domanda ma anche di un preoccupante calo dell’offerta, legata agli ormai ben noti problemi che affliggono la supply chain e gli approvvigionamenti di materie prime.

Il calo delle immatricolazioni rispetto al 2019 è del 31,8%, ma anche rispetto al 2021 – anno comunque segnato dalle conseguenze della pandemia e da numeri non certo esaltanti – si registra una diminuzione dell’11,6%.

Certamente il settore è alle prese con importanti cambiamenti, che stanno rimettendo in discussione assetti di mercato consolidati da decenni ma da rilevare – ha sottolineato Cardinali – che la transizione energetica è in corso già da tempo nel mercato italiano dell’auto. Le autovetture a benzina nel 2019 rappresentavano il 45,2 del mercato, le auto diesel il 41,2; nel 2022 le auto a benzina sono scese al 26,9%, le diesel si attestano al 18,2%. Parallelamente c’è stata una crescita delle ibride fino a raggiungere quest’anno il 33,6% del mercato, mentre non decollano le auto completamente elettriche, per cui il nostro Paese è ultimo in Europa (appena l’8,8%).

Se per la quota di vetture ibride non ricaricabili invece l’Italia è il maggiore mercato in Europa, significa che c’è un problema legato alle infrastrutture di ricarica, a cui è necessario far fronte al più presto se l’Italia non vuole rischiare addirittura di uscire dai primi cinque mercati del continente, eventualità che sarebbe davvero nefasta per il nostro Paese, significherebbe uscire dalle previsioni strategiche delle case costruttrici e non avere più voce in capitolo nelle scelte di prodotto.

Soprattutto si delineano per il nostro Paese tempi lunghissimi – 30 anni mantenendo il ritmo attuale – per il rinnovo di un parco circolante vetusto, insicuro e inquinante, composto da vetture di 12,2 anni di età media.

Non va molto meglio sul fronte dei veicoli commerciali, che registrano una diminuzione del 13,1% rispetto al 2019 e del 12,9% rispetto al 2021. Anche in questo caso la transizione energetica sembra “arrancare” e – ha spiegato Cardinali – puntare tutto sull’elettrico dal punto di vista degli incentivi di mercato potrebbe rivelarsi quantomeno prematuro: è stato utilizzato solo il 12% dei fondi.

Stante così la situazione per il 2023 la previsione si attesta su una crescita del 5,3% con 170.000 veicoli immatricolati nel corso dell’anno.

Le proposte di Unrae per sostenere l’automotive italiano 

Alla luce dei dati di grave sofferenza, riconducibile sicuramente alla congiuntura mondiale ed europea ma anche a una strategia "non chiara e non coordinata" verso la transizione sostenibile da parte delle istituzioni nazionali, in conclusione del proprio intervento Cardinali ha indicato le prooste di Unrae finalizzate a favorire la ripresa del settore, nel segno innanzitutto della neutralità tecnologica:

  • mantenere e potenziare gli incentivi all’acquisto di vetture per il rinnovo del parco circolante almeno fino al 2026, prevedendo un contributo anche per le fasce meno abbienti;

  • elaborare una politica infrastrutturale per la ricarica elettrica e il rifornimento a idrogeno, che preveda fondi adeguati, un piano temporale di sviluppo e capillarità sul sistema stradale nazionale in modo da riuscire a recuperare il grave ritardo rispetto agli altri principali Paesi europei;

  • rivedere l’impianto fiscale del settore automotive, in particolare attraverso una revisione della detraibilità Iva e deducibilità dei costi in base alle emissioni di CO2 per le auto aziendali;

  • pianificare rapidamente una riconversione industriale della filiera automotive e della componentistica in Italia per abbracciare le nuove tecnologie e permettere al nostro Paese di rimanere un punto di riferimento a livello internazionale per il settore;

  • prevedere ulteriori interventi a sostegno del trasporto merci e del trasporto collettivo di persone.

 

Tag: unrae

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Avvio promettente per il mercato dell'auto (gennaio +19%), previsioni prudenti per l'anno

Il mercato dell'auto ha avuto un avvio promettente per il nuovo anno, con 128.301 immatricolazioni a gennaio, in crescita del 19% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Nonostante i...

Mercato dei veicoli rimorchiati in flessione a dicembre 2022

Il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE ha effettuato una stima del mercato dei veicoli rimorchiati per il mese di dicembre 2022 verso dicembre 2021 sulla base dei dati di immatricolazione...

Il mercato dei veicoli commerciali registra un calo a due cifre nel 2022

Nel dicembre 2022, il mercato dei veicoli commerciali ha registrato un calo a due cifre del 14,6% rispetto allo stesso mese del 2021. Secondo un rapporto del Centro Studi e Statistiche dell'UNRA...

Veicoli industriali: nel 2022 mercato in leggera crescita, a dicembre pesanti a +26,7%

Il 2022 dei veicoli industriali si chiude in leggera crescita. L'analisi è del Centro Studi e Statistiche UNRAE sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero delle...

Unrae: noleggio a lungo termine in crescita nel 2022 (+15,8%)

Come sono i dati del mercato del noleggio auto a lungo termine del 2022? Il Centro Studi e Statistiche Unrae ha fornito una nuova analisi sul settore che mostra una crescita del 15,8% nel...

Mercato rimorchiati: a novembre immatricolazioni in positivo (+5,8%)

Il trend positivo delle immatricolazioni di mezzi trainati si conferma anche a novembre, con il comparto che segna il +5,8% rispetto allo stesso mese del 2021. Lo ha comunicato il Centro Studi e...

Si accentua il calo del mercato dei veicoli commerciali: a novembre -18%

Il mercato dei veicoli commerciali a novembre perde il 18,1% delle immatricolazioni, con 12.643 unità (verso 15.443 dello stesso mese 2021). Si accentua quindi la flessione registrata a...

Unrae, veicoli industriali: mercato in crescita a novembre (+12,2%)

Il mercato dei veicoli industriali conferma il trend di crescita a novembre 2022 verso lo stesso mese del 2021, registrando +12,2%. La stima arriva dal Centro Studi e Statistiche UNRAE, sulla...