Unrae: il mercato europeo dell'auto perde il 25% nel mese di maggio

CONDIVIDI

giovedì 17 giugno 2021

L’Europa dell’auto continua a soffrire.

Anche nello scorso mese, infatti, le flessioni di mercato sono state considerevoli, in media del 25% rispetto a maggio 2019 (sì perché, ancora una volta, il paragone col 2020 della pandemia non regge).

I dati dei 31 paesi europei (UE+UK+EFTA) riportati da Unrae ci dicono che a maggio 2021 sono state immatricolate 1.083.795 unità e che nei primi cinque mesi dell’anno in corso le immatricolazioni sono state con 5.204.398, con un calo del 25% (nello stesso periodo del 2019 erano state immatricolati 6.936.184 di autovetture).

Unrae: il mercato dell'auto italiano a maggio e nei primi 5 mesi del 2021

Nella classifica dei maggiori mercati dell’area, l’Italia (142.730 immatricolazioni a maggio) perde una posizione e scende al terzo posto, dopo Germania (230.635) e Regno Unito (156.737), a causa del graduale esaurimento degli incentivi della fascia 61/135 g/Km.

Il mercato italiano è ancora indietro nella diffusione di auto elettriche “alla spina”: la categoria di vetture BEV e PHEV, anche se in salita al 9% in maggio rispetto al 7,9% del mese precedente, è molto indietro rispetto alla media del 17,3% degli altri quattro maggiori mercati europei. Nel comparto delle ibride invece l’Italia mantiene ancora il primo posto, ma la quota percentuale è in discesa al 28% rispetto al 28,7% del mese precedente, mentre gli altri paesi accorciano la distanza salendo dal 19,4% al 20,1%.

Come va il mercato dell'auto in Italia? Il commento di Andrea Cardinali, Direttore Generale di Unrae

“Il rallentamento dell’Italia rispetto ai major markets europei, sia nel numero complessivo delle immatricolazioni sia nella quota delle auto ibride (HEV) è indice dell’esaurirsi degli incentivi della fascia 61-135 g/Km, il cui ruolo è stato determinante per il rinnovo del parco circolante, fra i più vecchi d’Europa. Grazie anche agli incentivi a questa fascia di vetture nel primo trimestre dell’anno il nostro Paese ha ridotto di 11,3 g/Km le emissioni di CO2 sulle nuove immatricolazioni, un successo che per il 70% è da attribuire proprio alle auto della fascia 61-135 g/Km, che oltretutto hanno sostituito altrettante vetture obsolete. Se si vuole raggiungere l’obiettivo di riduzione del 55% delle emissioni di gas serra entro il 2030, l’Italia non può prescindere dalla proroga dell’Ecobonus fino al 2026, necessari per sostenere la domanda di veicoli nuovi durante la transizione energetica e ridurre l’impatto sull’ambiente”.

I dati dei principali mercati automotive europei a maggio e nel periodo gennaio-maggio 2021

Francia

Nel quinto mese dell’anno la Francia registra 141.040 nuove autovetture (-27,3% nel confronto con il 2019), e archivia nel cumulato 723.257 unità (-22,7% rispetto allo stesso periodo di due anni fa).
Nel mese di maggio, corrono le ibride con 23.335 immatricolazioni (al 16,6% di quota), e BEV e PHEV registrano rispettivamente l’8,2% e il 9,1% di quota. Nei primi cinque mesi dell’anno prosegue il calo delle alimentazioni tradizionali, con il benzina al 43,2% di quota e il diesel al 23,7% di share, mentre crescono le elettriche e plug-in (al 7,1% e 7,6% del totale) e soprattutto le ibride che conquistano il 23% di share.

Germania

Secondo i dati diffusi dalla KBA, a maggio la Germania archivia 230.635 autovetture (+37,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ma -30,7% nel confronto con il 2019) e 1.116.737 nel cumulato (-26,7% sul 2019).
Sul versante delle alimentazioni, a maggio perdono terreno il benzina e il diesel, che si fermano rispettivamente a 37,7% di share e 22,3% di rappresentatività, mentre prosegue la corsa di BEV (26.786 immatricolazioni) e PHEV (27.222 unità) che raggiugono una quota combinata pari al 23,4% (11,6% BEV e 11,8% PHEV).

Regno Unito

Il comparto automobilistico del Regno Unito, secondo i dati della SMMT, nel mese di maggio registra 156.737 immatricolazioni, in calo del 14,7% rispetto allo stesso mese del 2019 e del 13,2% nel confronto con la media di maggio negli ultimi 10 anni. Nei primi cinque mesi dell’anno le registrazioni totali si attestano a 723.845 unità, e le previsioni indicano circa 1,86 milioni di immatricolazioni per l’intero 2021, comunque in flessione del 29,1% rispetto alla media dei 10 anni. Per quanto riguarda i canali di vendita, a maggio le flotte conquistano il 50,7% di quota con 79.435 registrazioni, mentre i privati si attestano il 47,1% di share con 73.865 unità; le società invece, immatricolano 3.437 nuove autovetture. Sul fronte delle alimentazioni, cala il benzina che si arresta a 48,4% di quota di mercato, mentre il diesel rimane stabile a 9,9% di share; prosegue al contrario l’ascesa delle BEV, all’ 8,4% di quota con 13.120 immatricolazioni, delle PHEV che nel mese di maggio conquistano il 6,3% di share e delle ibride che salgono al 27,1%.

Spagna

Nel mese di maggio in Spagna i dati sulle vendite del settore automotive non hanno ancora raggiunto i livelli pre-pandemia né sul mese, con 95.403 unità archiviate (-24% rispetto allo stesso periodo del 2019), né sul cumulato, che registra un calo del 36% a 360.057 immatricolazioni.
Per quanto riguarda le alimentazioni, a fronte del calo di benzina e diesel (rispettivamente al 49,1% e 20,2% di share), nel mese BEV e PHEV conquistano una quota di mercato combinata pari al 6,6% (grazie al 4,7% delle PHEV), le ibride si portano al 23,4% del totale.

Tag: unrae

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Unrae: il mercato dei rimorchiati sale a giugno, ma il primo semestre 2021 è in rosso

Il mercato italiano dei veicoli trainati continua la sua crescita su base mensile (ne avevamo parlato qui), ma il primo semestre si è chiuso in rosso: è quanto emerge...

Unrae: il mercato europeo dell'auto ha perso il 23% nei primi sei mesi dell'anno

Il mercato automotive europeo continua a perdere immatricolazioni. Stando ai dati riportati da Unrae sulla scorta delle analisi dell’associazione europea dei costruttori Acea, infatti, a giugno...

Automotive: nel 2020 picco negativo degli ultimi 16 anni

Il 2020 ha segnato il picco negativo per il mercato dell’auto negli ultimi 16 anni: sono stati 1,38 milioni i veicoli immatricolati in quello che si configura come il terzo anno più...

Unrae: continua il crollo dei veicoli idustriali. A giugno mercato al -34,1%

Il mercato italiano dei veicoli industriali a giugno 2021 conferma il suo trend negativo (ne avevamo già parlato qui) . Il mese scorso, infatti, il comparto ha incassato una perdita a doppia...

Trasporto merci: la ricetta di Unrae, Federauto e Anfia per il rilancio del settore

Quello del trasporto merci e in modo particolare del trasporto merci su strada è un settore strategico per l’economia del Paese e l’esperienza della pandemia, con...

Unrae: il mercato dei trainati sale a maggio ma cala nei primi 5 mesi dell'anno

Il mercato dei rimorchi e semirimorchi a maggio ha avuto un buon andamento mensile ma, facendo un consuntivo, non si può dire lo stesso su base annuale. Secondo quanto riportato da Unrae, il...

Veicoli commerciali: mercato in stagnazione, a maggio -0,4% rispetto al 2019

Il mercato dei veicoli commerciali a maggio segna una stagnazione con 17.750 unità immatricolate rispetto alle 17.826 dello stesso mese 2019 (-0,4%, il confronto con il 2020 rimane ancora non...

Unrae: crolla il mercato degli industriali, a maggio tutti i segmenti col segno meno

Gli effetti rimbalzo post-pandemia sembrano già finiti: il mercato dei veicoli industriali crolla a maggio 2021 e, diversamente dai mesi precedenti, riporta il segno meno su tutti i segment...