Turchia & mobilità elettrica: le opportunità di investimento e i progetti della Ford-Otosan

CONDIVIDI

mercoledì 15 dicembre 2021

Quali sono le opportunità e le soluzioni di investimento offerte dalla E- mobility? Come si sta adattando e sviluppando la Turchia, con un mercato dei veicoli elettrici in costante aumento ed il futuro dell’industria automobilistica proiettato sempre più verso una mobilità elettrica? Questi gli argomenti affrontati durante il webinar: “Investment Opportunities in E- Mobility Ecosystem and Ford Otosan Projects” organizzato dall’ Ufficio Investimenti della Presidenza della Repubblica Turca. 

Gli interventi e la Ford Otosan nella E-mobility

Durante il seminario sono state analizzate le nuove soluzioni di mobilità elettrica e le tecnologie intelligenti che stanno aprendo la strada al trasporto di persone e merci. Il seminario è stato introdotto e moderato da Başak Avcı, sectorial activities manager dell’Ufficio Investimenti Turchia, la quale ha sottolineato come il numero crescente di infrastrutture, un management professionale e la presenza di numerosi clusters in ogni settore industriale (clusters di natura diversa ma pronti a collaborare con automotive clusters) siano buone ragioni per investire oggi nel campo della mobilità elettrica in Turchia.

Al webinar hanno partecipato esperti del settore, con l’intervento di Ford-Otosan, una Joint venture nata dalla turca KoçHolding e la casa automobilistica statunitense Ford, che ha offerto informazioni dettagliate sulla capacità d'azienda di aumentare il fatturato locale nel proprio processo produttivo in Turchia.

In particolare, Murat Senir, assistant general manager purchasing Ford Otosan, ha sottolinaeto l’impegno e la volontà dell’azienda di aumentare il volume ed il potenziale dell’export del paese, soprattutto dopo i recenti sviluppi nel campo della E-mobility, come l’implementazione della prima autovettura completamente elettrica. Tunç Yerli, purchasing director Ford Otosan, ha poi approfondito i progetti legati alla mobilità elettrica, sottolineando come tutti i loro prodotti siano in una fase di totale elettrificazione. L’azienda si trova infatti in una fase di espansione internazionale grazie anche e proprio al processo di investimento nell’elettrico.

La crescita dei veicoli commerciali elettrici

Gli investimenti nei prossimi cinque anni saranno diretti anche nel settore commerciale, con l’introduzione di Transit Couriers (E-Transit), in arrivo nella primavera del 2022: i veicoli commerciali registrano infatti una crescita ancora superiore a quella dei veicoli per passeggeri. Nel 2022, Ford Otosan attuerà il primo impianto di assemblaggio di batterie in Turchia, con il primo e unico stabilimento di produzione automobilistica integrato e con lo sviluppo di test hardware e software in grado di sfruttare le proprie capacità ingegneristiche. L’azienda è infine impegnata nel trasporto merci su strada a zero emissioni entro il 2050, con l’intento di vendere entro il 2040 esclusivamente camion senza fossili.

Albert Saydam, presidente della Automotive Suppliers association of Turkey (TAYSAD), ha confermato come il processo di elettrificazione sarà al centro dell’Automotive Innovation and Technology center in costruzione ed ha rivelato la necessità di investitori nei campi di: software, batterie, motori elettrici ed elettronica.

Aziende turche pronte ad adottare politiche per le energie rinnovabili

La Turchia è proiettata in maniera veloce ed efficiente verso il processo di elettrificazione dell’auto, ibrida o completamente elettrica, ed offre diverse zone di investimento (organized investment zones, industrial zones, free zones), manodopera giovane e professionale (con una popolazione terza per forza lavoro) ed incentivi favorevoli agli investimenti. Il futuro del settore manufatturiero turco risiede nelle aziende pronte ad adottare politiche per le energie rinnovabili (40% dell’elettricità in Turchia proviene già da queste ultime) e dall’adesione già avvenuta da parte della Turchia all’accordo di Parigi.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, infine contribuisce al successo della Turchia anche il rapido processo di digitalizzazione, nel quale vengono racchiusi i cardini essenziali di smart, environmental e sustainable.

Tag: Turchia, ecosostenibilità, mobilità sostenibile, mobilità elettrica

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

MAN produrrà batterie per camion e autobus elettrici a Norimberga

MAN Truck & Bus pone le basi per l’industrializzazione dei sistemi di azionamento elettrici per autocarri e autobus. Dall’inizio del 2025 produrrà su larga scala batterie per...

Ford: la transizione elettrica punta sulla Romania

"Ford sta sfruttando partnership strategiche per utilizzare al meglio le risorse, condividendo gli investimenti e beneficiando di un più ampio pool di competenze, aumentando così la sua...

Assogasmetano: aumenti fino a 8 volte per il gas naturale, si rischia la chiusura

Continuano a crescere i prezzi dell'energia e del gas naturale e Assogasmetano lancia un nuovo allarme: "di fronte a questa escalation, il settore si troverà fuori mercato e rischierà...

La moneta elettronica PARAM riceve investimenti per 200 milioni di dollari

PARAM, il primo istituto di moneta elettronica turca ha ricevuto uno degli investimenti più importanti nel settore  delle tecnologie finanziarie, con una valutazione di oltre 200 milioni...

Artusi (Federauto Trucks): raggiungere la neutralità climatica con carburanti carbon neutral

L’apertura all’inclusione dei carburanti rinnovabili tra quelli ammessi oltre il phase-out al 2035 di diesel e benzina per i veicoli commerciali leggeri da parte del Consiglio UE...

Abruzzo, Marsilio: il passaggio all’elettrico entro il 2035 rischia di travolgere la filiera automobilistica

Con la normativa europea sul clima, nel quadro del Green Deal europeo, l'Ue si è posta l'obiettivo vincolante di conseguire la neutralità climatica entro il 2050. Ciò...

La Legge Salvamare non è ancora operativa: le associazioni lanciano un appello

Il 10 giugno scorso è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la Legge Salvamare che prevede “Disposizioni per il recupero dei rifiuti in mare e nelle acque interne e per la promozione...

Milano: distribuzione urbana più sostenibile con l'iniziativa Foody City Logistics

Sogemi e ATM hanno dato vita all'iniziativa Foody City Logistics. Si tratta di un modello di sostenibilità ambientale per la distribuzione urbana alimentare. Le due realtà partecipate...