Perché la carenza di nichel russo può rallentare l'elettrificazione della mobilità?

CONDIVIDI

mercoledì 23 marzo 2022

L’elettrificazione corre veloce. O meglio, correva. Sì, perché le sanzioni imposte alla Russia, e in particolare quelle che bloccano l'export del nichel e di altre materie prime, potrebbero rallentare in modo significativo la diffusione di veicoli elettrici.

Le ragioni alla base della carenza di nichel

A mettere in luce questa possibilità è stato uno studio di Mining Commodity Analyzer di Global Data che ha evidenziato come la Russia sia ad oggi il terzo estrattore e raffinatore mondiale di nichel, superando le 200.000 tonnellate di prodotto finito.
Ma cosa c’entra il nichel coi veicoli elettrici? Questo materiale viene utilizzato nella produzione delle batterie utilizzate nel settore automotive e, vien da sé, che qualsiasi sanzione applicata al nichel russo farà aumentare ulteriormente i prezzi di produzione dei veicoli green, già di per sé non economici.

Dove reperire il nichel?

Secondo Global Data, le sanzioni occidentali non sarebbero uno svantaggio per tutti ed anzi favorirebbero la Cina, che in questo momento mantiene rapporti più distesi con la Russia. Le case cinesi costruttrici di batterie, e quindi quelle di veicoli elettrici, potrebbero acquistare il nichel a prezzi inferiori considerando anche che la Cina ha già una posizione di forza nella catena di approvvigionamento.
Per compensare la mancanza del minerale russo è possibile che altre nazioni produttrici di nichel come l'Indonesia o le Filippine possano farsi avanti con le case automobilistiche occidentali, non senza effetti comunque negativi. Secondo l’analisi di Global Data, infatti, in primo luogo, le aziende occidentali vedrebbero un aumento dell'impatto di CO2 delle loro catene di approvvigionamento, poiché questi due Paesi sono geograficamente più lontani e spesso si impegnano in pratiche non rispettose dell'ambiente. In secondo luogo, ciò comporterebbe un aumento della dipendenza dalla Cina per le società a valle, poiché le società cinesi svolgono un ruolo chiave nelle principali miniere di nichel in questi Paesi.

Tag: auto elettriche

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Fit for 55, Cingolani: una sfida enorme ma oltre all’elettrico puntare sui biocarburanti

Il Consiglio Europeo ha adottato l’orientamento generale su punti importanti del pacchetto Fit For 55, che permetterà all'Ue di ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55%...

Mercato auto europeo, Unrae: prosegue il trend negativo (-12,5% sul 2021)

Il mercato dell’auto in Europa continua a registrare un pesante calo delle immatricolazioni. Anche il mese di maggio si conclude con il segno meno. Con 948.149 vetture registrate rispetto a...

Dal 2035 in Europa verranno prodotte solo auto a zero emissioni

L’Europa compie un passo fondamentale verso l’attuazione degli obiettivi di decarbonizzazione contenuti nell’Agenda 2030 e 2050.Il Parlamento europeo riunito in sessione Plenaria ha...

Samsung-Stellantis: 2,5 miliardi di dollari per la produzione di batterie a ioni di litio negli Usa

La mobilità elettrica si sta aprendo progressivamente nuovi spazi di mercato e tra i sistemi di alimentazione alternativa risulta in base alle analisi degli esperti l’alternativa almeno...

Autostrade, Free To X: inaugurata una nuova stazione di ricarica elettrica in Abruzzo

Inaugurata la prima High Power Charging station in Abruzzo, a Torre Cerrano Ovest (A14 – Ancona-Pescara). Cresce così il progetto di elettrificazione e sostenibilità di Free To ...

Gruppo FS, Stellantis e TheF Charging: 600 nuovi punti di ricarica nei parcheggi delle stazioni

Facilitare e migliorare l’esperienza di ricarica, concepita come aspetto chiave dell’intera customer journey in relazione sia ad esigenze di viaggio, sia alla frequentazione delle...

Volvo: una nuova stazione di ricarica a Roma e un piano di elettrificazione sempre più ambizioso

È stata inaugurata questa mattina, a Roma, la stazione di ricarica ultrafast by Volvo Cars Powerstop/Autostar frutto della visione condivisa del marchio svedese e della concessionaria in via...

Mercato auto: Anfia, a marzo immatricolazioni in calo del 29,7%

A marzo 2022 il mercato italiano dell’auto totalizza 119.497 immatricolazioni (-29,7%) contro le 169.886 unità registrate a marzo 2021. Lo comunica l'Anfia sulla base dei dati pubblicati...