Mobilità sostenibile: indagine Altroconsumo, in Italia l'opzione green è poco diffusa

CONDIVIDI

giovedì 11 marzo 2021

Il grado di inquinamento dei veicoli non è al centro dei pensieri dei consumatori italiani. E la propensione a scegliere opzioni più green è poco diffusa.

Lo dice un'inchiesta condotta, nell'ambito di un progetto dell'Unione Europea, da Euroconsumers, gruppo di organizzazioni di consumatori di cui Altroconsumo fa parte con Ocu (Spagna), Deco Proteste (Portogallo) e Test-Achats (Belgio), insieme a Sw (Germania) e Ufc (Francia).
Attraverso il coinvolgimento di 9.000 cittadini europei, di cui 2.200 italiani, è stato fotografato il livello di informazione e interesse dei consumatori sull'impatto ambientale della mobilità e si è indagato sulle intenzioni di acquisto future.

Nella scelta dell'auto pesa soprattutto il prezzo

In primo luogo, Altroconsumo ha fotografato il livello di interesse ed informazione degli italiani quando si parla di inquinamento dei propri mezzi a quattro ruote. I risultati si mostrano piuttosto negativi.
Più di un italiano su due non conosce le emissioni del suo mezzo e per l'acquisto dell'auto il prezzo è ancora la leva più importante.

In fase di acquisto di un'auto, la variabile dell'impatto ambientale prodotto dal mezzo per quasi 1 intervistato su 2 non ricopre alcuna influenza.

È, infatti, l'aspetto economico il valore di cui i consumatori tengono maggiormente conto quando devono compiere un acquisto del genere (criterio più importante per il 46% dei rispondenti), seguito dal brand dell'auto (12%) e poi dal design e l'estetica (9%).

Non a caso le persone risultano essere per lo più ignare dei consumi del proprio mezzo: il 54% degli italiani non ha idea delle emissioni nocive che produce usando l'auto e il 64% di coloro che dichiarano di conoscerle non sa rispondere in maniera plausibile a domande specifiche sulle emissioni di CO2 del proprio veicolo.

L'ambiente conterà di più in futuro?

Altroconsumo ha voluto, in seguito, sondare quelle che potrebbero essere le scelte e le leve decisionali dei consumatori in futuro per quanto riguarda l'acquisto della loro prossima auto. Un decimo degli intervistati sostiene che abbandonerà le quattro ruote e alla domanda 'L'ambiente conterà di più in futuro?' circa la metà dei cittadini ha risposto sostenendo che questo elemento ricoprirà una certa influenza.

Quando però si parla di scelte legate al tipo di alimentazione per la quale si opterà, i segnali di cambiamento sono limitati. Sebbene la maggior parte dei cittadini (31%) si dichiari intenzionata a comprare un'auto ibrida e il 10% un'ibrida ricaricabile, mostrando una propensione verso opzioni più sostenibili e anche convenienti, il 18% e il 16% continueranno a scegliere rispettivamente benzina e diesel.

Solamente il 9% dei rispondenti, invece, sostiene che acquisterà un'auto elettrica.

Tag: sostenibilità, inquinamento

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

SuperTruck: Riccardo Schena è il nuovo presidente del Consorzio

Sarà Riccardo Schena a presiedere il Consorzio SuperTruck nei prossimi anni: la presentazione formale è stata fatta nel corso del primo seminario informativo che si è appena...

Sostenibilità: DHL Global Forwarding porta a zero le emissioni delle spedizioni LCL via mare

La sostenibilità e le azioni per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi sono il tema più importante di oggi e richiedono un approccio sistematico e strategico da...

Fit for 55: Parlamento Ue approva il regolamento per l’uso di carburanti sostenibili per l'aviazione

L'aviazione civile rappresenta il 13,4% delle emissioni totali di CO2 prodotte dai trasporti dell'UE. Nell’ambito del pacchetto Fit for 55, il piano Ue per ridurre le emissioni di gas a effetto...

Trasporto pubblico, Atac: il biglietto cartaceo si trasforma in una card ricaricabile e green

Nuova tappa del percorso di digitalizzazione di ATAC per semplificare gli strumenti di pagamento. Arrivano le nuove biglietterie automatiche che adottano la tecnologia chip on paper. Le card +Roma in...

Costa Crociere: è salpata da Barcellona la nuova Costa Toscana alimentata a Gnl

Cerimonia di battesimo nel porto di Barcellona per Costa Toscana, la nuova “smart city” galleggiante che entra nella flotta della compagnia battente bandiera italiana, con una nuova...

Obiettivo emissioni zero nel 2050: Costa crea il dipartimento per la decarbonizzazione

Un impegno focalizzato sulla ricerca e lo sviluppo, sulla gestione dell'energia e sull'analisi dei dati, al fine di sviluppare il piano d’azione che porterà a operazioni navali a...

Fit for 55, Federauto: verso una mobilità a impatto zero con un approccio realistico

Un approccio ambizioso ma realistico alla transizione verso una mobilità a impatto climatico zero. Lo chiede Massimo Artusi, vicepresidente di Federauto, con delega ai Trucks&Van, alla...

Metano: nel 2021 crescono i consumi rispetto al 2020 (+6,6%)

Nel 2021 l’erogato di metano per auto (CNG, BioCNG, GNL e BioGNL) ha ripreso a crescere, facendo segnare consumi attorno al miliardo di metri cubi, con un aumento del 6,6% rispetto al 202...