Mercato europeo dell'auto: segnali incoraggianti a settembre

CONDIVIDI

venerdì 16 ottobre 2020

Nel complesso dei Paesi dell’Unione europea a settembre le immatricolazioni di auto ammontano a 1.300.048 unità, con una crescita dell’1,1% rispetto a settembre 2019. I dati sono stati diffusi da Acea, che precisa anche come nel periodo gennaio-settembre 2020, i volumi immatricolati raggiungono 8.567.920 unità, con una variazione negativa del 29,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Piccolo segnale di incoraggiamento, a settembre, per il mercato auto europeo, grazie agli effetti positivi dei piani di sostegno alla domanda varati dai principali Paesi – ha dichiarato Paolo Scudieri, presidente di Anfia –. Tra i cinque major market europei (Regno Unito incluso), che, nel complesso, rappresentano il 76% dell’immatricolato totale del mese, è l’Italia a registrare il risultato migliore (+9,5%), seguita dalla Germania, a +8,4%, mentre Francia, Spagna e Regno Unito presentano ancora una variazione percentuale negativa. Nel periodo gennaio-settembre 2020, la flessione del mercato auto europeo resta molto marcata (-29,3%), con forti ribassi a doppia cifra in tutti i Paesi. Nei cinque major market insieme, la contrazione è del 31%, leggermente superiore alla media europea. È quindi molto importante che proseguano e vengano rafforzate le politiche di sostegno alla domanda e agli investimenti delle imprese della filiera automotive, in direzione di una transizione green e digitale che non si ferma ad aspettare il termine della crisi Covid. In queste ultime settimane di un anno particolarmente difficile, infine, si gioca l’ultima partita sul fronte Brexit: cruciale raggiungere un ambizioso accordo di libero scambio tra Ue e Regno Unito prima della fine del periodo di transizione, o le perdite commerciali, per il settore automotive pan-europeo, saranno attorno ai 110 miliardi di euro in un orizzonte di 5 anni, con notevoli ricadute anche in termini occupazionali – ad oggi, infatti, 1 posto di lavoro su 15, sia in Ue che nel Regno Unito, afferisce al comparto automotive”.

In Italia, le immatricolazioni totalizzate a settembre si attestano a 156.132 unità (+9,5%). Nei primi nove mesi del 2020, le immatricolazioni complessive ammontano a 966.017, in diminuzione del 34,2% rispetto ai volumi dello stesso periodo del 2019.

Analizzando il mercato per alimentazione, la quota di auto nuove diesel è del 32% nel mese e del 35% nel cumulato; i volumi calano del 3% nel mese, ma aumentano per i privati del 13%. Da inizio anno le auto diesel perdono il 45% del mercato. La quota di mercato delle auto a benzina si attesta al 33% nel mese e al 40% nel cumulato, con volumi in calo del 19% a settembre e del 39% a gennaio-settembre.

Le alimentazioni alternative conquistano il 35% del mercato nel mese e il 25% nel cumulato (10 punti in più di un anno fa), con una crescita del 102% a settembre e del 9% nel cumulato. A settembre, l’aumento di auto elettrificate (+26.638 unità su settembre 2019) è dovuto a un mercato che è più del triplo rispetto a quello di settembre 2019. Le auto a Gpl risultano in crescita dell’8% nel mese e in calo del 40% nel cumulato, mentre quelle a metano sono in calo sia nel mese (-0,3%), sia nel cumulato (-12%). Le auto elettriche (BEV) crescono del 224%, le ibride plug-in del 268%, le ibride non ricaricabili a benzina del 252% e le ibride non ricaricabili diesel del 50%. Infine, le auto elettrificate rappresentano un quarto del mercato di settembre e il 16% del mercato di gennaio-settembre.

Le marche italiane hanno registrato, in Europa, 77.807 immatricolazioni nel mese di settembre (+11,8%), con una quota di mercato del 6% (5,4% a settembre 2019). Risultano in crescita nel mese i brand Fiat (+10%), Jeep (+24,7%) e Lancia/Chrysler (+12,4%). Nei primi nove mesi del 2020, i volumi ammontano a 490.200 unità (-33,9%).

Tag: anfia

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Anfia: ad aprile calo per il mercato autocarri (-20,6%) e trainati (-14,3%)

Brusca inversione di tendenza per il mercato degli autocarri e per quello dei veicoli trainati ad aprile, dopo la chiusura positiva del primo trimestre 2022. Flessione più modesta per gli...

Anfia: produzione di rimorchi e semirimorchi a rischio blocco per mancanza di materie prime e aumento dei prezzi

“La situazione è fuori controllo. I continui aumenti dei prezzi, dell’ordine del 15-20%, e le difficoltà di reperimento delle materie prime, che si sommano all’impatto...

Auto: l'export componenti torna a crescere dopo la frenata del 2020 (+15,4%)

Nel 2021, l’export della filiera dei componenti per autoveicoli ritorna a crescere (+15,4%) dopo la frenata del 2020 (-15%) e ammonta a 21,7 miliardi di Euro (in recupero anche l’export...

Anfia: a marzo 2022 ancora positivo il mercato di autocarri e trainati

Si mantiene positivo nel mese di marzo il mercato degli autocarri e dei veicoli trainati. Lieve il rialzo dei primi, incremento a doppia cifra per i secondi. Segno negativo, invece, per gli autobu...

Automotive: a febbraio 2022 la produzione italiana cresce del 4,4%

Lo dicono dai Istat: a febbraio 2022 la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra una crescita del 4,4% rispetto a febbraio 2021, mentre nei primi due mesi del 2022...

Anfia: mercato veicoli commerciali in ripresa nel 2021, ma il parco mezzi è fra i più vecchi d'Europa

Segnali di ripresa per il mercato dei veicoli commerciali leggeri.  Lo ha annunciato Anfia al VTM-Vehicle & Transportation Technology Innovation Meetings di Torino - la business...

Una gigafactory di batterie per le auto elettriche a Termoli, firmato l'accordo

Si concretizza il progetto per una maxi fabbrica di batterie a Termoli. Via libera al Protocollo d’intesa tra Ministero dello sviluppo economico, Regione Molise, Agenzia nazionale per...

Automotive: a gennaio produzione in crescita dopo cinque mesi negativi

A gennaio 2022 la produzione dell’industria automotive italiana ha registrato una crescita dell’1,3% rispetto allo stesso mese del 2021. Guardando ai singoli comparti produttivi del...