Mercato auto: il 2021 parte in salita, a gennaio calo del 14%

CONDIVIDI

lunedì 1 febbraio 2021

A gennaio il mercato italiano dell’auto totalizza 134.001 immatricolazioni, con un calo del 14% rispetto allo stesso mese del 2020. Lo ha comunicato l'Anfia.

I dati del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti mostrano che le immatricolazioni per alimentazione confermano nel primo mese del 2021 il calo delle alimentazioni tradizionali, mentre continua ad essere positivo il mercato delle elettrificate. Le autovetture diesel si riducono del 31% e rappresentano il 27% del mercato, 6 punti percentuali in meno rispetto a gennaio 2020.

Le auto alimentate a benzina calano del 33% nel mese e rappresentano il 36% del mercato. Per le alimentazioni alternative, le immatricolazioni aumentano del 59%, salendo a quota 37% (era il 20% a gennaio 2020).

Sia le auto GPL che quelle a metano subiscono flessioni sostanziali nel mese: le auto a GPL diminuiscono del 15%, mentre le autovetture a metano registrano un calo del 33%. Come già evidenziato, a gennaio cresce ancora il segmento delle ibride ed elettriche (+121%). Tra queste, le autovetture ibride mild e full crescono del 128%, con una quota di mercato del 24,5% (era il 9% a gennaio 2020). Le autovetture ricaricabili vendute a gennaio 2021 sono il 90% in più, grazie alle forti variazioni positive sia delle autovetture elettriche (+28% e 2% di quota), che delle ibride plug-in (+180% e 3% di quota). Infine, continuano le ottime prestazioni di Fiat Panda, Lancia Ypsilon e Fiat 500 nelle loro versioni ibride, che raggiungono, rispettivamente, il primo, terzo e quarto posto a gennaio. Tra le PHEV, Jeep Compass e Jeep Renegade plug-in si confermano, rispettivamente, il secondo ed il terzo modello più venduto, mentre Fiat 500 è la più venduta tra i modelli elettrici (insieme a Smart Fortwo).

I segmenti

In riferimento al mercato per segmenti, a gennaio diminuiscono le immatricolazioni di vetture di tutti i segmenti. Le superutilitarie registrano un calo tendenziale del 13% (Fiat Panda e Fiat 500 si confermano i modelli più venduti), mentre le utilitarie si riducono dell’11%. In flessione anche i volumi delle auto medio-inferiori (-31%), delle medie (-30%) e delle superiori (-0,1%).

I SUV registrano un calo tendenziale del 7% (il 26% delle immatricolazioni di SUV è rappresentato da vetture del Gruppo Stellantis), con una quota di mercato pari al 43% nel mese di gennaio. Nel dettaglio, i SUV piccoli diminuiscono del 2% (al primo posto Jeep Renegade mentre Fiat 500X è al terzo posto), i SUV compatti del 9%, i SUV medi del 17% e i SUV grandi del 6%. La variazione è negativa anche per le immatricolazioni di monovolumi, che a gennaio si riducono del 41%. Infine, le auto sportive diminuiscono del 22%, mentre le auto di lusso perdono il 27% rispetto a gennaio 2020.

Stellantis

Il Gruppo Stellantis, nel complesso, totalizza nel mese 52.683 immatricolazioni (-21,7%) con una quota di mercato del 39,3%. Andamento positivo per il brand Maserati (+2,2%).
Sono ben sette i modelli del Gruppo Stellantis nella top ten di gennaio, con Fiat Panda sempre in testa alla classifica (12.088 unità), seguita, al terzo posto, da Lancia Ypsilon (4.047) e, al quarto, da Jeep Renegade (3.445). Al quinto posto troviamo Citroen C3 (3.401), seguita, al sesto, da Opel Corsa (3.222) e, al settimo, da Peugeot 208 (3.186). Chiude la top ten Fiat 500X (2.616).

Il mercato dell’usato totalizza 259.244 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture a concessionari a gennaio 2021, registrando un calo del 23,5% rispetto allo stesso mese del 2020.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Peugeot: a febbraio mercato in Italia in crescita del 7,5%

La Casa del Leone sale al terzo posto del ranking italiano nel mese di febbraio (autovetture e veicoli commerciali). Peugeot conferma il suo trend di crescita degli ultimi mesi e mette a segno la...

Auto, Anfia: il mercato a febbraio perde il 12,3%. Elettrificate in controtendenza

Sul fronte auto, il febbraio appena passato è stato il peggiore degli ultimi sei anni: è quel che ha messo in evidenza Anfia analizzando il mercato dell’auto relativo a febbraio...

MIMS: Giovannini incontra i sindacati. Un primo confronto sulle priorità del settore

Si è tenuto oggi, in videoconferenza, l'incontro tra il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, e i segretari generali di Filt Cgil, Stefano...

Conftrasporto: no all'ipotesi del nuovo nome per il ministero delle Infrastrutture

Inaccettabile l’idea di trasformare il nome del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile. Lo ha detto  il...

Il MIT cambia nome: si chiamerà Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

Un cambio di nome per una visione di sviluppo allineata alle attuali politiche europee e ai principi del Next Generation Eu. Con questa motivazione, il dicastero di Porta Pia cambia nome e diventa...

Mercato Aftermarket: flessione a due cifre nel 2020 (-14,4%)

Il fatturato aftermarket registra una flessione del 14,4% nel 2020 rispetto all’anno precedente, che aveva chiuso a +1,6%.Al pesante calo a doppia cifra del primo (-12,4%) e, soprattutto, del...

Autotrasporto, Unatras scrive al neo ministro Giovannini e chiede un tavolo di confronto

Attraverso una lettera a firma del presidente Amedeo Genedani, Unatras ha chiesto un incontro al neo ministro dei Trasporti Enrico Giovannini per discutere delle questioni più...

Il mercato europeo dell'auto apre il 2021 con un calo del 25,7%

Non ci sono buone notizie per il mercato automotive europeo di inizio 2021.Secondo i dati diffusi da Acea e comunicati in Italia da Anfia, infatti, l’insieme dei Paesi dell’Unione europea...