Iniziati in Turchia i i test sulla prima auto completamente elettrica

CONDIVIDI

mercoledì 10 novembre 2021

Turchia sempre più spedita verso il mondo della mobilità elettrica. L'Automobile Joint Venture Group (TOGG), ha annunciato lo scorso sabato che è iniziato il processo per testare la prima auto domestica completamente elettrica. La TOGG è anche il consorzio nazionale che ha sviluppato l'auto. Nata come joint venture e appoggiata dal governo, la casa automobilistica TOGG aveva già cominciato nel 2019 a progettare una produzione di massa di veicoli elettrici. Il presidente Recep Tayyip Erdoğan aveva infatti presentato i prototipi del SUV e di una berlina completamente elettrici ed appartenenti al segmento C.

In pista ad Istanbul

La scorsa settimana, la prima autovettura elettrica turca del paese è uscita dalla catena di montaggio ed è scesa in pista ad Istanbul in quello che sembrava essere un test di accelerazione come parte dell'ultimo lavoro sul progetto. Attraverso un post sui social media che includeva un video sui test, l’azienda ha affermato: “I processi di test, una delle fasi più importanti della nostra strategia di prodotto, sono iniziati presso centri di test accreditati in diverse località. Proseguono in linea con i nostri piani i test su strada del prototipo del telaio, i test di resistenza, i test aerodinamici e aeroacustici”.

La produzione dei modelli

TOGG produrrà cinque diversi modelli – SUV, berlina, C-hatchback, B-SUV e B-MPV – fino al 2030. La produzione di massa del SUV inizierà nel 2022, con la berlina a seguire. La costruzione degli impianti di ingegneria, progettazione e produzione di TOGG è iniziata invece il 18 luglio 2020.

Per quanto riguarda la scelta delle batterie, TOGG ha optato per l’azienda di batterie agli ioni di litio Farasis, come partner commerciale. L'auto prodotta in casa raggiungerà l'80% di carica in meno di 30 minuti grazie alle sue capacità di ricarica rapida. Avrà un' autonomia compresa tra 300 e 500 chilometri (da 186 a 310 miglia).

Tag: Turchia, auto elettriche, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Turchia: l’impulso dei turisti stranieri al settore dell'autonoleggio

Il settore del noleggio auto in Turchia ha registrato un incremento del 40% dallo scorso giugno, grazie all'aumento del numero di turisti stranieri, avvenuta dopo la rimozione delle restrizioni di...

Turchia: Ford Otosan lancia il nuovo due ruote elettrico Rakun

La joint venture Ford Otosan, società di produzione automobilistica con sede in Turchia, proprietà in pari quota di Ford Motor Company e Koç Holding, ha presentato venerdì...

Mobilità: Firenze è la città più sostenibile. A seguire Milano e Torino

Qual è la città più sostenibile d’Italia? A dircelo è il quindicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città...

E-Gap: 200 milioni in tre anni per i servizi di ricarica mobile e on-demand

Nei prossimi 3 anni E-Gap, l’operatore italiano impegnato nei servizi di ricarica mobile e on-demand per auto elettriche, investirà 200 milioni per espandere la sua rete. La...

Turchia: impennata straordinaria dei prezzi per il mercato automobilistico

Il settore automobilistico turco ha registrato a novembre un aumento dei prezzi delle auto nuove per la terza volta ormai, con una crescita senza precedenti anche dei prezzi dei veicoli di seconda...

ACI: la transizione energetica della mobilità sia sostenibile ecologicamente, economicamente e socialmente

“Lo sviluppo della mobilità elettrica è fuori discussione ma le politiche che devono incentivare e regolare tale sviluppo non possono prescindere dalla valutazione e dalla...

Scania: Fedel nominato Executive Vice President e Head of Sales & Marketing

Stefano Fedel, attualmente Regional Director Eurasia, Middle East and Africa di Scania, è stato nominato Executive Vice President e Head of Sales & Marketing. Primo italiano a entrare...

Nissan: 15 miliardi di euro per produrre batterie più economiche e potenti

Quanti sono 2 trilioni di yen? Sono 15,65 miliardi di euro ma soprattutto sono la cifra – a dir poco considerevole – che Nissan ha comunicato di voler investire nei prossimi 5 anni per lo...